Vasseur (Sauber): Liberty Media deve migliorare lo show, non corriamo nella stessa categoria dei Top Team


Si è tenuta oggi a Suzuka la Press Conference riservata ai Team Principal prima del GP del Giappone, e sono stati toccati diversi temi interessanti. I protagonisti sono stati Christian Horner di Red Bull, Franz Tost della Toro Rosso, Frederic Vasseur della Alfa Sauber e Masashi Yamamoto in rappresentanza di Honda, motorista di casa e title sponsor del GP.

Proprio Honda è stato uno degli argomenti trattati, in particolare, dopo una stagione non esaltante con Toro Rosso, la nuova specifica portata in questo weekend, dopo i problemi patiti a Sochi, che dovrebbe portare Honda a essere più potente di Renault. “Quest’anno non siamo stati veloci quanto avremmo voluto nello sviluppo. –ha dichiarato Yamamoto- Comunque, ultimamente siamo migliorati molto, e abbiamo risolto i problemi avuti a Sochi. Questo sarà il primo weekend in cui useremo la Specifica 3, e così potremo avere i riscontri rispetto alle specifiche precedenti”. Franz Tost ha dichiarato: “Con la nuova specifica dobbiamo essere in top ten in qualifica e davanti alle Sauber in gara, perchè ci stanno mettendo molto sotto pressione in classifica e dobbiamo stare davanti. Speriamo di riuscire a portare ottimi risultati per tutti gli impiegati Honda che abbiamo visitato in settimana, in modo che vedano ripagato il loro ottimo lavoro”.

Anche Christian Horner, il cui team “indosserà” le PU giapponesi dalla prossima stagione, è molto soddisfatto del lavoro posto in essere dai tecnici orientali: “Siamo stati molto impressionati dai progressi fatti da Honda durante questa stagione e dalla loro voglia di vincere. Ovviamente oggi c’è un rapporto molto stretto, e stiamo già lavorando su come installare la PU sulla prossima Red Bull. Ovviamente, dal momento che in questo campionato siamo un po’ in una terra di nessuno, una buona quantità di risorse è già stata spostata sul progetto del 2019 già dall’estate. Il nostro obiettivo per il futuro è essere davanti a tutti, e anche per Honda è così”.

Frederic Vasseur si è trovato a dover rispondere a domande riguardanti Charles Leclerc e il futuro della Sauber, con l’arrivo di Raikkonen e Giovinazzi nel 2019: “Charles è cresciuto molto da Melbourne in poi; ha faticato un po’ nei primi due appuntamenti, ma poi ha trovato il ritmo step by step, facendo un ottimo lavoro e sta continuando a migliorare. Per il futuro, siamo molto soddisfatti di avere con noi Kimi e Antonio. Quando prendiamo un giovane pilota, la prima cosa che cerchiamo in lui è il ritmo: se non ha quello non ci siamo. C’è un grande salto tra le categorie minori e la F1; c’è molta pressione dalla stampa, da voi. Non dimentichiamoci che dopo Sakhir voi mi chiedevate se per Charles non fosse troppo presto per correre in F1 ”.

I tre team principal hanno espresso ance un giudizio sul lavoro svolto da Libety Media per promuovere la F1. “Penso che siano dovuti passare attraverso un periodo di assestamento. – ha detto Horner – Hanno investito molto nel marketing, nel portare le F1 sulle strade in città e stanno esplorando molti nuovi territori. Ora sarà compito loro e della FIA varare i nuovi regolamenti giusti per il 2021”. “Hanno preso in mano qualcosa che era molto ben organizzato da Bernie. – ha continuato Franz Tost – stanno facendo un ottimo lavoro fino adesso, ora devono trovare i giusti regolamenti. Ci sono molti argomenti da trattare, e sono convinto che faranno un ottimo lavoro”.

Relativamente al futuro, Christian Horner ha specificato: “La F1 è uno show, un intrattenimento, e per intrattenere le corse devono essere belle, i piloti essere eroi e penso che dobbiamo aumentare lo spettacolo. So che ci sono molti lavori in corso; ovviamente la tecnlogia è importante, ma non dovrebbe essere il fattore predominante”. “La F1 è il top delle competizioni – ha continuato Yamamoto – ed è un’importante piattaforma tecnologica per i costruttori. L’intrattenimento è molto importante, così come lo sviluppo delle tecnolgie”. Interessante il punto di vista di Vasseur e della Sauber sull’argomento: “Dobbiamo migliorare lo show. Ci sono pochi sorpassi, e se escludiamo i tre top team, è un successo non essere doppiati. Penso che dovremmo trovare un modo per permettere ai piloti forti in team di seconda fascia di essere più vicini ai top e mostrare il loro talento. Non siamo nello stesso campionato rispetto ai top”.

Infine, Tost ha parlato del ritorno di Kvyat dal 2019: “L’ho incontrato a Sochi, mi aspetto un pilota competitivo, perchè sappiamo tutti che è molto veloce. Deve solo sedersi in macchina e spingere, e i risultati arriveranno”.

GP GIAPPONE F1 2018: LE FOTO


Fonte: http://www.circusf1.com/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta