Siena: Al centro arriva Gladyr

Jurij Gladyr

SIENA – Ucraino, cittadinanza polacca, Jurij Gladyr è il nuovo centrale che vestirà la maglia biancoblu alla corte di Juan Manuel Cichello per questa prima stagione in SuperLega.

Esordiente nel campionato italiano, Gladyr, trentaquattrenne (a Luglio) di 205 cm di altezza è un atleta molto esperto: membro della squadra nazionale ucraina, nove anni nella PlusLiga polacca, ultimo anno in Turchia con il Fenerbahçe Istanbul.

Dopo tre campionati vinti nella patria natia, il campione ucraino è approdato nella PlusLiga polacca. Indossa nel 2008, i colori del AZS Politechnika Warszawska ed è in questa occasione che mostra quel potenziale che gli è valso la successiva stagione (2009/2010) con il club dello Zaska Kędzierzyn-Koźle del quale ha difeso i colori per ben sette stagioni, fino al 2015/2016. La sua carriera prende il volo, non passa una stagione senza vincere un titolo. Nel complesso sono quattro i campionati vinti, tre le medaglie d’argento, una di bronzo e due le volte in cui ha alzato la Polish Cup. Molti di questi traguardi raggiunti con lo Zaska. Nel 2011 durante la Polish Cup viene insignito del titolo di Best Blocker della competizione. L’ultima stagione con lo Zaska, prima della firma con Bełchatów, è quella dei 200 punti in 88 set e dei 25 punti nel match finale per la medaglia d’oro, con un 75% di efficacia di attacco. Con i colori del PGE Skra Bełchatów mette a segno 101 punti in soli 43 set.

L’ultimo anno in Turchia è con il Fenerbahce Instabul di Veljko Basić, uno dei club più titolati del campionato turco da diversi anni ai vertici della classifica. Si è classificato in prima posizione nella classifica dei centrali della stagione e primo tra i migliori battitori con 61 servizi vincenti.

Cosa ha favorito la tua scelta di venire a giocare a Siena? “Sono molto motivato. Sia nel venire a giocare in un campionato come quello italiano che a Siena. Ho fatto questa scelta perché condivido il progetto e l’ambizione di questo club. Farò del mio meglio per poter appassionare i tifosi”.

Hai giocato diversi anni in PlusLiga e l’ultima stagione in Turchia, solo l’ultimo anno hai incontrato delle squadre italiane in Champions League, cosa ti aspetti da questo campionato e dal gioco italiano? “Ho affrontato delle squadre italiane non solo in quest’ultima stagione. Ricordo il match in cui con lo Zaksa perdemmo contro Cuneo nel 2013 nella Final Four di Champions a Omsk in Siberia. Poi lo scorso anno sia Perugia che Civitanova hanno dominato la competizione. Conosco bene la forza e il prestigio del campionato italiano e delle squadre italiane, lo seguo da sempre, in televisione e in streaming, per questo sono molto contento ora di esserne parte”.


Fonte: https://www.volleyball.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta