Diesel, la Francia ci ripensa: sono i motori più puliti

La Francia fa marcia indietro sulla demonizzazione del Diesel, studiando una nuova valutazione normativa che equipara i modelli a gasolio Euro 6d temp alle migliori auto a benzina. Il quotidiano Le Monde riporta infatti che il ministero dell’Economia starebbe cercando un accordo per l’attribuzione del bollino Crit’Air – Certificats qualité de l’air – di livello 1, cioè il migliore delle vetture con motore non elettrico, anche ai Diesel di ultima generazione, oggi invece classificati Crit’Air 2. 

La Francia è preoccupata non solo di creare disagi e problemi di mobilità a quanti continuano a credere nel Diesel e ne hanno necessità per lunghi spostamenti a costo accettabile, ma anche per proteggere l’industria nazionale e l’occupazione. Secondo stime del ministero dell’Economia, il calo delle vendite del Diesel (crollate al 34% in gennaio) starebbero mettendo a rischio ben 38mila posti di lavoro, collegati direttamente alla produzione di motori a gasolio e impianti d’iniezione. L’iter per questa modifica della classificazione Crit’Air è però ancora lungo, perché il ministro della Transizione Ecologia ha dichiarato che la questione sulla salubrità dei motori diesel è ‘unicamente scientifica’ e non di competenza del settore economico. 


Fonte: http://www.tuttosport.com/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta