Lo Scorpione fa festa: gamma Abarth serie speciale 70esimo Anniversario

E’ il 31 marzo del 1949, quando l’ingegnere italo-austriaco Carlo Abarth fonda assieme al pilota Guido Scagliarini la Abarth & C, destinata a produrre e far gareggiare auto da competizione.Ora, a 70 anni di distanza, la marca Abarth che fa parte di FCA, festeggia il suo compleanno e i successi ottenuti nello scorso anno (23.500 unità vendute in Europa, con un aumento del 36,5% rispetto al 2017) lanciato una nuova gamma 70esimo Anniversario e declinata sui modelli 595, 124 spider e 124 GT.

Con la serie speciale 70esimo Anniversario, la 595 Competizione viene offerta di serie con l’innovativo sistema Uconnect con schermo touch 7 pollici HD con Abarth Telemetry, predisposizione Apple CarPlay e compatibilità Android AutoTM. Dotazioni che si aggiungono ai contenuti standard più caratterizzanti di questo modello come l’impianto frenante by Brembo, i sedili sportivi Sabelt e lo scarico Record Monza dotato di una valvola attiva controllata dal pulsante Sport.

Abarth 595 Turismo, che è pensata per chi non vuole rinunciare al confort pur disponendo di una vettura da 165 cv prestazionale, porta in dote nella serie 70esimo Anniversario tetto apribile in vetro, sistema Uconnect 7 pollici HD con funzione di navigazione, predisposizione Apple CarPlay e compatibilità Android Auto e selleria in pelle Abarth. Il tutto arricchito dal Pacchetto Urban che comprende sensori di parcheggio, sensore pioggia e sensore crepuscolare. La gamma comprende poi la versione 595 da 145 cv e la 595 Pista che è orientata alle performance, anch’esse contraddistinte dal logo 70esimo Anniversario.

Questa personalizzazione è prevista anche per i modelli Abarth 124 spider e 124 GT che incarnano il piacere di guida grazie allo sviluppo congiunto con la Squadra Corse Abarth. Sotto al cofano pulsa un potente e affidabile motore turbo 4 cilindri 1.4 litri MultiAir che eroga 170 cv e 250 Nm di coppia, per una velocità massima di 232 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,8 secondi.


Fonte: http://www.tuttosport.com/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta