Pirelli PNCS, la gomma smorza il rumore

Definire il comfort di marcia a bordo di un’auto chiama in causa l’assetto, certo, l’aerodinamica, l’insonorizzazione dell’abitacolo. E le gomme. Già, perché i rumori dettati dal rotolamento degli pneumatici diventano una componente centrale nella silenziosità di marcia. 

Come diminuire la rumorosità dettata dall’interazione tra pneumatico e asfalto? Pirelli, sin dal 2013, ha sviluppato e lanciato sul mercato la tecnologia PNCSPirelli Noise Cancelling System, specifica costruzione degli pneumatici in grado di smorzare le vibrazioni grazie alla presenza di una schiuma a celle aperte posta nella cavità del pneumatico.

I vantaggi ottenuti da un treno di gomme Pirelli rispetto a un set privo della tecnologia PNCS si riassumono nell’abbattimento del rumore da rotolamento della gomma pari al 25%. Estremizzando, equivale a guidare con tre ruote eliminando la quota di rumorosità prodotta dalla quarta. La schiuma espansa applicata all’intera circonferenza interna della gomma assorbe il suono sviluppato dalla risonanza dell’aria presente nella cavita del pneumatico – dalle sollecitazioni generate nell’azione tra pneumatico e asfalto -, elemento che genera direttamente il rumore da rotolamento e percepito all’interno dell’abitacolo.

L’apprezzamento dell’offerta Pirelli PNCS è nelle omologazioni, raddoppiate nel 2018 rispetto ai 12 mesi precedenti e con oltre 150 varianti contro le 78 di fine 2017.

Sono i marchi dei segmenti premium e prestige a richiedere maggiormente la dotazione di gomme PNCS, riconoscibili per l’icona sul fianco del pneumatico di un altoparlante con onde sonore sbarrate.

“Parallelamente allo sviluppo dei pneumatici, Pirelli lavora quotidianamente per specializzarsi sulle tecnologie complementari volte a migliorare la vita dell’automobilista: Run Flat e Seal Inside, per minimizzare i rischi connessi alle forature, PNCS, per migliorare il comfort durante i viaggi. Queste specializzazioni sono richieste dagli stessi costruttori automobilistici premium e prestige per portare ai massimi livelli la qualità delle auto”, commenta Maurizio Boiocchi, Executive Vice President Technology and Innovation.

“Il contributo di Pirelli viene gratificato dalle quasi 3.100 omologazioni ricevute di cui più di 770 legate a specialties e oltre 720 marcate con il simbolo che identifica il costruttore: la presenza nei pneumatici di tecnologie come PNCS spiega agli automobilisti l’importanza di scegliere sul mercato del ricambio pneumatici sviluppati appositamente per l’auto che si guida. Solo così si riesce ad avere il massimo dalla propria vettura che può continuare a offrire le caratteristiche pensate dagli ingegneri che l’hanno progettata”.


Fonte: http://www.tuttosport.com/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta