ATP Marrakech: bene Andrea Arnaboldi, Dolgopolov battuto in due set

2 settimane ago Redazione Commenti disabilitati su ATP Marrakech: bene Andrea Arnaboldi, Dolgopolov battuto in due set

Andrea Arnaboldi, classe 1987

Andrea Arnaboldi si è qualificato per il secondo turno del torneo ATP 250 di Marrakech. Vittoria molto importante per il tennista lombardo, che ha superato in due set il n.52 ATP, e settima testa di serie, Alexandr Dolgopolov col punteggio di 6-2 6-3 in un’ora e 18 minuti di gioco.

Per l’azzurro, attuale numero 221 della classifica mondiale, si tratta della quarta vittoria in carriera nel circuito maggiore, la più importante vista la caratura dell’avversario battuto nella giornata odierna. Il 30enne, cugino del giovane under 18 Federico Arnaboldi, non vinceva un incontro ATP dal torneo di Bastad 2016, nel quale raggiunse i quarti di finale dopo aver battuto Trungelliti e Donskoy.

Al secondo ostacolo Andrea Arnaboldi affronterà il vincente della sfida tra il qualificato bielorusso Ivashka e lo spagnolo Pablo Andujar, in tabellone con il ranking protetto.

PRIMO SET – Inizio aggressivo da parte del tennista canturino che si procura tre palle break già nel secondo game, senza riuscire però a sfruttarle. Successivamente, è Dolgopolov a farsi insidioso in risposta ma Arnaboldi gli nega la “gioia” del break e mantiene il turno di battuta ai vantaggi.
Nel quinto gioco, l’ucraino non sfrutta un break point sul 30-40 e da qui spegne la luce; Arnaboldi ringrazia e, pochi secondi più tardi, gli strappa la battuta. Il copione si ripete nell’ottavo gioco con l’azzurro che si vede sfuggire due palle break, ma sulla terza è incisivo e riesce a chiudere: 6-2, primo set.

SECONDO SET – Andrea Arnaboldi appare piuttosto solido in battuta nel secondo parziale, almeno fino al settimo game, nel quale si è visto costretto a rimontare da 15-40. Avanti per 4-3, ecco la zampata definitiva dell’italiano che lotta, resiste agli attacchi di Dolgopolov e risponde come meglio può: alla seconda chance utile, Arnaboldi strappa il servizio all’avversario e nel gioco successivo non ha alcun problema a tenere a trenta, chiudendo l’incontro in meno di un’ora e mezza di gioco.