in

Trento: Mosna sul vincolo di Nelli e Vettori

TRENTO — In una intervista rilasciata a  Nicola Baldo su l’Adige, Diego Mosna interviene sulle posizioni di Nelli e Vettori, il punto di vista di in club sul vincolo. 

Diego Mosna, presidente della Trentino Volley, sorpreso da questa discussione sul vincolo sportivo? “Queste sono le regole che da tempo sono in vigore per tutti. Anche noi vi ci siamo sempre attenuti, nel bene e nel male. Credo Vettori faccia più un discorso generale, mentre per quel che riguarda Nelli lui è frutto del lavoro del nostro vivaio. Ancora due anni fa facemmo a Nelli una proposta di rinnovo contrattuale che lui ha rifiutato. Liberissimo di farlo, ma se avesse accettato ora avrebbe comunque un ingaggio garantito a Trento. Adesso che il suo contratto è scaduto è libero di andare dove vuole, ma ovviamente c’è da pagare il parametro di valorizzazione. Che è un parametro fisso e deciso da tanti anni, per tutti i giocatori e le giocatrici d’Italia di ogni livello, dalla Federazione Italiana Pallavolo. Seda Lucca è arrivato in Nazionale almeno una piccola parte del merito il nostro vivaio lo avrà. Noi gli abbiamo dato tutte le possibilità di giocare, come i prestiti a Padova e Piacenza. Poi chiaramente a quel punto il destino era nelle sue mani, non nelle nostre”.

Avete ricevuto molte proposte per i vostri giocatori? “Ad oggi non tantissime, ma questo è un anno particolare. Tanto il mercato era frizzante prima della pandemia, tanto è fermo adesso. Ma il mercato è lungo, dura fino al 15 luglio ed oltre. Capisco che possano accusare un po’ di nervosismo per questo prolungarsi dei tempi, ma il mercato è ancora molto lungo”.

Modena si è fatta avanti con voi per Nelli o Vettori? “Non ho informazioni in questo senso, non mi risulta”.

Con Vettori la situazione com’è? Per lui si parla di un forte interessamento di Verona. “Lui ha con noi un premio di uscita da riconoscere alla nostra società alla scadenza del contratto. Che è lo stesso premio che noi pagammo tre anni fa a Modena e che Modena prima pagò a Piacenza, di 90 mila euro circa. Ma questa è una cosa scritta nera su bianco nel suo contratto ancora tre anni fa, non è certamente frutto di un sopruso ordito improvvisamente con chissà chi”.


Fonte: https://www.volleyball.it/feed/

Volley Mercato, Bruno Rezende giocherà in Europa? E’ una fake news ed ecco il perché

F1 Alpha Tauri, Tost: “Vettel può vincere un altro Mondiale”