More stories

  • in

    Battuta anche Taranto: Agnelli Tipiesse, che spettacolo!

    Nella gara di recupero della 5 giornata contro la Prisma Taranto arriva un’altra prestazione spettacolare per Agnelli Tipiesse che riesce a dominare la squadra sulla carta più in lizza per il salto di categoria vincendo 3-1 (25-21, 18-25, 25-19, 25-21).
    Partita interpretata al meglio dagli schiacciatori e in particolare da Pierotti (mvp) che si è distinto nei momenti più delicati del match (16 punti per lui) ma anche Santangelo con lo stesso punteggio finale ha ben figurato soprattutto nel punto a punto finale.
    Ottimi i centrali che sono riusciti a neutralizzare al meglio gli acuti di Parodi e compagni, fermato anche il bomber Padura Diaz che aveva fatto il bello e cattivo tempo nel secondo set portando via 20 punti finali .Un match giocato all’insegna dell’equilibrio che fa ben sperare per il proseguimento del campionato con la prossima trasferta in programma in quel di Siena domenica 6.
    Pierotti: ” La differenza l’ha fatta il non mollare mai anche quando siamo stati sotto nel quarto set siamo riusciti a restare lì, bravi tutti i miei compagni di squadra”
    IL MATCH
    Agnelli Tipiesse parte con Finoli-Santangelo in diagonale, Cargioli e Milesi al centro, Terpin e Pierotti in posto 4, libero D’Amico
    Prisma Taranto parte con Coscione – Padura Diaz in diagonale, Di MArtino e  Alletti al centro, Parodi e Fiore in posto 4, Goi libero
    Inizio scoppiettante con Agnelli Tipiesse che sferra subito un servizio ficcante di Milesi, un muro su Padura Diaz per il 5-2, poi un secondo muro di Finoli sempre sull’opposto cubano. I colpi di Terpin e Santangelo portano all’11-5, poi 13-7 con una bella pipe di Terpin. La battuta di Milesi fa ancora danni per il 15-10. E’ di Santangelo il 20-14.  A centro Di Martino passa per il 23-18. poi Gironi fa ace per il 23-19.  Padura sbaglia il servizio per il 25-21.
    Nel secondo parziale Taranto si porta sopra 5-6 con Padura Diaz che sferra qualche colpo d’astuzia. Fiore mani out per il 5-9. Ace di Coscione firma il 5-10. Pierotti per il 6-11. Terpin ottiene l’8-14 e il 9-14.  Padura torna in cattedra con due belle parallele 10-18. Pierotti tiene viva Bergamo per l’11-18. Santangelo il 12-20, poi viene murato, Pierotti firma il 13-21, poi fa ace 14-21, Santangelo ottiene il 18-24, ma il gap è troppo alto.
    Nel secondo parziale il muro bergamasco ricomincia a funzionare murando subito Padura per il 4-3, poi Finoli fa ace per il 5-3. Santangelo mette a terra l’8-5. Padura mette a terra il 10-8, poi Terpin l’11-8. Parodi spara out per il 13-9, poi sbaglia anche Fiore 14-9,Alletti guadagna il 14-10. Dopo una palla contestata a rete, Milesi mette a segno il 16-12, e Santangelo fa ace per il 17-12. Di Martino firma il 18-16, Terpin mette a segno il 20-16. Padura fa ace per il 20-18. Terpin ace per il 22-18, poi Padura sbaglia l’attacco per il 23-18. E’ di Santangelo il 24-19.  Padura attacca out per il 25-19.
    Il quarto parziale vede ancora Taranto portarsi avanti 3-6. il vantaggio si accorcia sul 7-9, poi Parodi schiaccia in rete per l’8-9.  I rossoblù agganciano con un errore di Parodi 12-12, poi il sorpasso.  Pierotti mura Padura Diaz per il 15-13, Pierotti allunga 16-13, poi Santangelo 18-14. Padura accorcia pericolosamente a 18-18, poi un colpo out di Parodi riporta sopra 20-18. Cargioli per il 22-20. Sbaglia il servizio Padura per il 23-21. Gironi sbaglia attacco out 24-21, poi un altro errore in attacco decreta il 25-21
    AGNELLI TIPIESSE: Milesi 6, Mancin, Libero D’Amico, Cargioli 10, Santangelo 16,  Finoli, Terpin 14 , Pierotti 16,  N.E Ceccato Umek  Sormani, Rota all. Graziosi
    PRISMA TARANTO: Fiore 10, Coscione 3, Alletti 8, Padura 20, Gironi 2, Di Martino 11 libero Goi n.E. Presta Persoglia Hoffer Cascio
    Arbitri Armandola Cesare, Santoro Angelo
    Linda Stevanato-Ufficio stampa Agnelli Tipiesse LEGGI TUTTO

  • in

    La Lega dispone il rinvio di Cantù-Cuneo

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    La Lega dispone il rinvio di Cantù-Cuneo
    Rimandata l’8^ giornata per i cuneesi, più di 3 positività nel Pool Libertas Cantù.

    La Lega Pallavolo Serie A ha ufficializzato in sertata il rinvio a data da destinarsi del match tra il Pool Libertas Cantù e la Banca Alpi Marittime Acqua S.Bernardo Cuneo.
    Il gruppo squadra canturino conta ancora più di 3 positività al Covid-19 e pertanto impossibilitato a scendere in campo domenica 6 dicembre alle ore 18.00 al PalaFrancescucci contro i ragazzi di coach Serniotti.
    L’8^ giornata che vedeva i cuneesi in trasferta a Cantù, verrà quindi riprogrammata e recuperata, come la 3^ contro Castellana Grotte.

    Stella Testa – Ufficio stampa Cuneo Volley

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedente3ª Giornata And. (01/11/2020) – Regular Season Serie A3 Credem Banca – Gir. Blu, Stagione 2020

    Prossimo articoloCivitanova supera Cisterna nel recupero della 9a giornata LEGGI TUTTO

  • in

    MONTAGNANI:”A TARANTO PER RISCATTARCI DOPO IL KO DI CUNEO”

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Dopo la prima sconfitta la Kemas Lamipel è scesa di nuovo sul campo di allenamento nella giornata di ieri. Domenica, ci attende un match alquanto spinoso: i santacrocesi affronteranno Taranto dell’ex Padura Diaz. Coach Montagnani evidenzia i temi e gli umori dello spogliatoio biancorosso.
    Le dichiarazioni del Coach:“Con Cuneo è stata la prima sconfitta da agosto e ci ha insegnato a conoscerci ancora meglio. Abbiamo analizzato i perchè ma l’impressione che abbiamo tutti è che avevamo la possibilità reale di venire via dal Piemonte con 3 punti. Il campo ci ha detto il contrario e ne prendiamo atto. Già da ieri siamo scesi in campo per cercare di risolvere con il gioco le nostre lacune. Abbiamo la partita giusta, contro Taranto, per pensare a fare bene quando la palla è dalla nostra parte del campo. Del match con Cuneo sono molto contento di alcune cose che abbiamo fatto e della pressione che abbiamo messo ad una squadra che non ha di certo nascosto pensieri di promozione. Noi possiamo solo pensare a migliorare ancora per essere ancora più forti. Siamo in trasferta, è dura ma è così, questo ci rafforzerà e quando giocheremo al PalaParenti dovremo farci trovare pronti”.

    Francesco Rossi – Ufficio Stampa

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedente5ª Giornata (1/12/2020) – Regular Season Serie A3 Credem Banca – Girone Bianco – TABELLINO LEGGI TUTTO

  • in

    Il Vbc Synergy Mondovì torna con un punto da Reggio Emilia

    Borgogno e compagni sfiorano un’incredibile rimonta al PalaBigi

    Sfiora la prima vittoria stagione il Vbc Synergy Mondovì, che a Reggio Emilia va sotto di due set prima di riemergere ed arrendersi solo al tie-break. Buoni segnali, comunque, dal taraflex del PalaBigi: i monregalesi sono parsi in crescita e stanno ritrovando condizione e convinzione. C’è rammarico per il secondo parziale regalato agli avversari dopo essere stati in vantaggio 20-23.
    Il tecnico Barbiero ha schierato inizialmente Bussolari al centro al posto di Marra e confermato Ferrini in banda, con Cominetti in panchina. A partita in corso, lo schiacciatore lombardo è entrato a più riprese, e nel finale ha trovato spazio anche Bosio, subentrato a Paoletti fermato da un problema fisico.
    A livello individuale da sottolineare la prestazione super del centrale Roberto Festi, che ha chiuso con lo score di 16 punti (7 in attacco, 58%, e addirittura 9 a muro), tagliando il traguardo degli 800 punti in carriera. Record personale anche per capitan Luca Borgogno, che ha raggiunto e superato quota 2.000 punti in tutte le competizioni.
    LA PARTITA. Avvio in salita per i monregalesi: sull’8-3 Barbiero chiede il primo time-out discrezionale. Reggio tiene il +5 fino al 12-7, poi i monregalesi cominciano ad ingranare. Una diagonale potente di Borgogno e un missile di Paoletti portano il Vbc a -1 (13-12). L’ace di Mattei fa ripartire la Conad, che allunga fino al 19-14 siglato da Bellei. Dopo il secondo time-out, il Vbc accorcia (21-20 firmato da Festi), poi perde contatto e si arrende 25-20.
    Si riparte con la stessa formazione: dopo l’iniziale parità, il turno in battuta di Ferrini permette al Vbc di passare a condurre e i monregalesi aumentano i giri del motore. Mastrangelo butta nella mischia Ristic per Loglisci, poi nel finale spazio a Cominetti e Suraci. Il Vbc arriva fino al 20-23, dopo l’uno-due di Ristic Ferrini firma il 22-24, ma la Conad annulla due set ball e raddoppia ai vantaggi (28-26).
    Persa la grande occasione, il Vbc Synergy si ricompatta: entra Cominetti e i monregalesi stanno avanti fin dalle prime battute. Paoletti firma due punti pesanti e i biancoblù allungano nella parte centrale del set. Sull’11-17 Mastrangelo chiama il time-out: dentro Sesto e Maiocchi, ma il divario aumento ancora (12-21 di Paoletti). Cominetti conquista il set ball con una bella parallela e Bussolari chiude dal centro (15-25).
    Resta in campo Cominetti: il Vbc parte forte anche nel quarto parziale, ma Reggio riesce a riportarsi in parità sul 10 pari. Bosio rileva Paoletti in posto 2 e si presenta subito con un punto, poi rientra Borgogno. I reggiani riescono ad allungare di un paio di lunghezze e sul 23-21 Barbiero interrompe il gioco: alla ripresa fa tutto “Borgo”, che con tre punti consecutivi porta i compagni al tie-break.
    Al quinto set parte meglio la Conad, che con l’ace di Bellei si porta sul 3-0. Il vantaggio locale tiene fino al cambio campo, al rientro due murate riportano in parità i monregalesi, poi Ristic e Mattei fanno ripartire Reggio (10-8). Barbiero chiama il time-out sull’11-8, Reggio non si fa distrarre e chiude 15-11 con Ristic.
    BARBIERO A FINE PARTITA: “SENSAZIONI POSITIVE”. «Torniamo a casa con delle sensazioni positive – l’analisi del tecnico Mario Barbiero -, abbiamo provato a rimettere in piedi la partita dopo aver buttato via il secondo set. Siamo usciti fuori alla distanza, c’è rammarico per la sconfitta ma si è visto che stiamo provando a risalire la china». Sul turn-over e l’utilizzo di quasi tutta la rosa, questo il commento del primo allenatore: «Ho dovuto fare delle scelte tecniche dettate dalla realtà del momento. La condizione fisica non è al top dopo le settimane stravolte dal Covid, l’alternanza di giocatori e sestetti è dovuta anche a questo. Abbiamo avuto, però, ottime indicazioni da tutti gli atleti in campo, la squadra in un momento come questo ha dimostrato di saper rimanere coesa».
    DOMENICA ARRIVA LAGONEGRO. Dopo la giornata di riposo concessa lunedì, i ragazzi torneranno in palestra per preparare il prossimo appuntamento, in programma domenica 6 dicembre al PalaManera contro Lagonegro (fischio d’inizio alle ore 18). La settimana prevede seduta pesi martedì e venerdì mattina, allenamenti pomeridiani al PalaEllero tutti i giorni e al PalaManera venerdì.

    Reggio Emilia-Vbc Mondovì 3-2
    (25-20, 28-26, 15-25, 23-25, 15-11)
    CONAD: Pinelli, Ippolito 15, Scopelliti 9, Bellei 17, Loglisci 6, Mattei 13, Morgese (L), Suraci, Sesto 4, Ristic 16, Maiocchi, Catellani. N.e.: Cagni (L2), Pavesi. All. Mastrangelo.
    SYNERGY: Milano 1, Ferrini 11, Festi 16, Paoletti 18, Borgogno 15, Bussolari 6, Pochini (L), Cominetti 7, Bosio 2. N.e.: Fenoglio (L2), Marra, Camperi. All. Barbiero-Negro.
    DURATA SET: 27’, 29’, 25’, 29’, 16’; tot: 126’.
    REGGIO EMILIA: battute vincenti 6, battute sbagliate 14, ricezione 69% (prf. 43%), attacco 43%, muri 8.VBC MONDOVÌ: battute vincenti 3, battute sbagliate 9, ricezione 60% (prf. 42%), attacco 44%, muri 18. LEGGI TUTTO

  • in

    Cuneo torna a giocare in casa e ospita i Lupi

    Cuneo torna a giocare in casa e ospita i Lupi
    Domenica la BAM Acqua S.Bernardo Cuneo ospiterà il Kemas Lamipel Santa Croce.

    Dopo due giornate consecutive in trasferta, per la settima del campionato di serie A2 maschile, la Banca Alpi Marittime Acqua S.Bernardo Cuneo torna a giocare da padrona di casa ospitando il Kemas Lamipel Santa Croce, domenica 29 novembre alle ore 18.00.
    Oltre all’importanza dello scontro diretto tra secondi e terzi classificati, il match con i Lupi Santa Croce è uno di quelli più sentiti tra gli appassionati, essendo le tifoserie gemellate. Tuttavia, l’incontro si svolgerà come previsto a “porte chiuse”, nel rispetto dei protocolli vigenti e il tifo per il momento rimane limitato ai canali social, dai quali i giocatori riescono in ogni caso a percepire la presenza e il sostegno dei propri tifosi!
    La compagine di coach Montagnani si presenta al confronto con i cuneesi da seconda del campionato, con 11 punti ottenuti dalle 4 partite disputate e vinte. Rispetto a Pistolesi e compagni sono due le giornate che i toscani devono recuperare, Bergamo e Castellana. La formazione biancorossa capitanata ancora da Colli, vede un’alternanza tra esperienza e vivacità, partendo dall’opposto brasiliano Walla Souza e dal centrale Riccardo Copelli. Confermato Acquarone in cabina di regia, affiancato da Leonardo Di Marco. New entry, invece, lo schiacciatore Paolo Di Silvestre, i centrali Robbiati e Caproni, rispettivamente da Lagonegro e Tomei Livorno, nella posizione di libero Sposato e Alessandro Sorgente, fresco di SuperLega con Sora. A completare il reparto schiacciatori il giovane Turri Prosperi e Niccolò Cappelletti in arrivo da Siena, il secondo opposto è Matteo Mannucci.
    In vista del match casalingo, coach Serniotti: « Domenica sarà una sfida molto stimolante, contro una delle squadre che fino adesso ha fatto meglio. Santa Croce è un gruppo ben amalgamato, allenato bene, dove spicca l’opposto brasiliano che ha sorpreso un po’ tutti. Sarà una gara difficile, dove vogliamo ripetere quanto di buono abbiamo fatto a Lagonegro una settimana fa».
    Si ricorda che il match si svolgerà a porte chiuse, ma sarà in diretta libera sul canale YouTube della Lega Pallavolo Serie A al seguente link  https://youtu.be/HSV4SFrF9hQ.

    Stella Testa – Ufficio stampa Cuneo Volley LEGGI TUTTO

  • in

    SIECO: Vietato Abbassare La Guardia

    Archiviata l’incredibile impresa compiuta in quel di Taranto, la Sieco torna a giocare nel proprio palasport contro la Cave Del Sole Geomedical Lagonegro con fischio di inizio alle ore 18.00. I Lucani con un unico punto, sono ultimi in classifica avendo giocato cinque partite su sei, proprio come i Ragazzi Impavidi. Tuttavia, l’esperienza (di Taranto) insegna che non bisogna proprio mai fidarsi dei numeri e delle apparenze. Lagonegro ha appena cambiato allenatore accogliendo Tubertini che, reduce dall’esperienza di Superlega con la Top Volley di Cisterna sta lavorando ormai da una decina di giorni per tentare la risalita. Una formazione da non sottovalutare quella di Lagonegro, che può contare su tutta l’esperienza del regista Marco Fabroni, dello schiacciatore Marretta (in arrivo dalla Superlega) e dell’opposto russo Tiurin. Tra le fila dei lucani c’è anche Scuffia, che nella stagione passata giocava a Pineto.

    Tra le fila ortonesi ancora qualche nodo da sciogliere nelle prossime ore, uno su tutti lo schiacciatore Felice Sette, ancora in attesa del tampone definitivo. Dovrebbero invece essere della partita il bomber Cantagalli e il secondo palleggiatore Del Frà.

    Arbitreranno l’incontro i signori Rolla Massimo e Oranelli Alessandro, entrambi di Perugia.

    Queste le altre gare della settima giornata di andata in questo campionato di Serie A2 Credem Banca

    Emma Villas Aubay Siena – Prisma Taranto (Rinviata)
    BCC Castellana Grotte – Pool Libertas Cantù (Rinviata)
    Agnelli Tipiesse Bergamo – Gruppo Consoli Centrale Del Latte Brescia
    Conad Reggio Emilia – Synergy Mondovì
    BAM Acqua San Bernardo Cuneo – Kemas Lamipel Santa Croce LEGGI TUTTO

  • in

    Coach Spanakis: “Bisogna mettere in campo grandi motivazioni per superare queste difficoltà”

    Coach Alessandro Spanakis, quali sono le difficoltà che si incontrano nell’effettuare gli allenamenti con un gruppo rimaneggiato a causa del Coronavirus? Come sta svolgendo gli allenamenti e che tipo di lavoro può essere fatto in un contesto simile?
    “Dopo una pausa di 10-15 giorni, in cui i ragazzi sono dovuti stare forzatamente in casa, la priorità è riacquisire quei parametri fisici accettabili per prevenire infortuni e poter svolgere allenamenti intensi e partite di campionato senza andare incontro a sovraccarichi funzionali. I ragazzi disponibili sono 5-6 e chiaramente diventa difficile allenare il gioco; stiamo quindi lavorando di più sul controllo di palla e sulle tecniche di base”.
    Quanto è difficile far crescere un gruppo in questa situazione e far passare e radicare i concetti relativamente alla pallavolo che lei vorrebbe vedere in campo?
    “Senza dubbio non è questo il momento migliore per far crescere un gruppo, direi che questo è un momento in cui vanno limitati i danni, dando la priorità ad altri aspetti”.
    Quali sono i suoi pensieri nel bel mezzo di un campionato completamente anomalo, nel quale tante gare ogni fine settimana vengono rinviate?
    “Sapevamo fin dall’inizio che sarebbe stata una stagione anomala e complicata. Non è semplice per noi e non è semplice nemmeno per Lega e Federazione gestire questa situazione. Tante partite rinviate e tanti recuperi da fare, spesso in condizioni fisiche precarie, non sarà facile e bisognerà mettere in campo grandi motivazioni per superare queste difficoltà”. LEGGI TUTTO

  • in

    Quattro chiacchiere con Andrea De Virgiliis, marketing&Communication manager di Acerbis

    1. Di cosa si occupa la sua azienda?Acerbis nasce nel 1973 da un’idea imprenditoriale del Sig. Franco Acerbis che, nel suo paese di origine situato nella media Val Seriana, ad Albino, terra che da sempre si nutre della passione per le due ruote, intraprende l’importazione di componenti in plastica dall’americana Preston. Da lì a breve comincia l’avventura imprenditoriale grazie alla produzione di parafanghi in resina termoplastica per motociclette.
    Il fattore di successo dell’azienda sta nella capacità di abbinare al proprio know–how tecnico un marchio riconosciuto a livello internazionale; ciò nel tempo ha permesso ad Acerbis di ampliare la gamma prodotti che oggi, oltre alle storiche plastiche per moto, offre caschi, stivali, protezioni e abbigliamento tecnico. La filosofia Acerbis è sempre stata quella di trasferire le competenze sviluppate in ambito motoristico verso mercati differenti; questo ha fatto sì che nel 2005 sia nata la linea Sport con prodotti e abbigliamento pensati per gli sportivi di diverse discipline come football, basket, rugby, volley. Da allora Acerbis ne ha fatta
    di strada e oggi il marchio ha conquistato la distribuzione in ben 92 Paesi; la crescita è costante ed ora punta all’espansione verso nuovi mercati, come quello dell’Estremo Oriente che rappresenteranno la nuova sfida per i prossimi anni.
    2. Sport e impresa a confronto: possono essere paragonate e crescere insieme?
    Integrità, responsabilità, semplicità, evoluzione e squadra sono i valori in cui Acerbis crede, qualità
    che si sposano con il mondo dello sport. Onestà e rispetto, declinati nei comportamenti leali sono alla base
    del mondo del lavoro così come in qualsiasi ambito sportivo. Occorre agire responsabilmente nella
    consapevolezza che ogni nostra azione influenza i risultati personali, del nostro team e degli altri; valori che
    lo sport insegna fin dai primi approcci in qualsiasi disciplina. Organizzazione e pianificazione sono elementi
    imprescindibili per ottenere il massimo dei risultati.
    Siamo assolutamente convinti quindi che l’ambito lavorativo e quello sportivo siano legati in molti aspetti
    tanto che è per noi facile identificare una società sportiva come una piccola comunità educante, al cui
    interno non si può prescindere dall’aiuto reciproco, dalla condivisione, dalla lealtà e dalla tolleranza.
    3. Quando e da cosa è nata la collaborazione con Agnelli Tipiesse?
    Il matrimonio tra Acerbis ed Agnelli Tipiesse è frutto di un corteggiamento da parte di Acerbis durato più di
    un anno e che ha visto il suo lieto fine con la sigla dell’accordo il 9 luglio scorso. Acerbis ha fortemente
    voluto questa partnership per rafforzare il proprio brand nell’ambito dello sport bergamasco volendosi
    affiancare ad un’eccellenza pallavolistica del nostro territorio.
    4. Che cosa si aspetta da questa stagione?
    In quello che purtroppo sarà ricordato come l’anno horribilis per lo sport mondiale ciò che ci aspetamo è
    che Agnelli Tipiesse possa disputare tutte le competizioni nelle quali è impegnata togliendosi le maggiori
    soddisfazioni possibili. Le aspettative sono alte ma siamo certi che metterà sul parquet l’anima ed il cuore
    che contraddistinguono questa nostra terra. Never give up…. o meglio Mola mìa!
    Linda Stevanato – Ufficio stampa Agnelli Tipiesse LEGGI TUTTO