More stories

  • in

    L’analisi di Di Pinto: “Ci manca il ritmo partita”

    L’allenamento congiunto disputato sabato contro la Rinascita Volley Lagonegro ha permesso, alla Prisma Taranto Volley, di tornare a calcare il parquet e di avere delle prime indicazioni dopo alcune settimane di preparazione atletica.
    A trarre il bilancio è stato il tecnico degli ionici Vincenzo Di Pinto che analizza, così, la prima uscita disputata al PalaMazzola: «E’ stato un test che ci ha fornito degli spunti interessanti per il proseguo del nostro lavoro. Abbiamo disputato un buon primo set mentre, nel secondo, abbiamo fatto fatica in attacco con qualche giocatore, perdendo il controllo della partita. Siamo all’inizio. Non abbiamo ancora il ritmo partita: dobbiamo abituarci a giocare sei contro sei. Negli ultimi giorni, siamo stati costretti a svolgere le sedute di allenamento senza alcuni giocatori: ci siamo ritrovati a gestire delle difficoltà fisiche di qualche nostro atleta, abbiamo pagato l’abitudine di non essere sotto pressione e di giocare a dei ritmi agonistici. Abbiamo adattato qualche giocatore, facendo giocare Alletti come martello: non è facile disputare fuori ruolo l’intera partita. Fiore, negli ultimi tempi, è stato fermo ed ha svolto il minimo sindacale; Parodi e Gironi hanno accusato dei problemi fisici ed abbiamo dovuto tenerli a riposo».
    La squadra rossoblù, per preparare al meglio la prossima stagione, disputerà due allenamenti congiunti contro la BCC Castellana Grotte: «Conterà farci trovare pronti per l’inizio del campionato: abbiamo ancora un mese di lavoro. Gli allenamenti con Castellana serviranno per avere ulteriori dati sui quali sviluppare il nostro lavoro ma, sicuramente, non forzerò nessun giocatore: abbiamo un’intera stagione da disputare e dobbiamo prevenire eventuali infortuni». LEGGI TUTTO

  • in

    Mercoledì a Santa Croce altro allenamento congiunto tra la Emma Villas Aubay Siena e la Kemas Lamipel

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    La Emma Villas Aubay Siena torna subito in campo per il secondo allenamento congiunto di questa fase precampionato. Dopo il primo test effettuato sabato pomeriggio contro la Kemas Lamipel Santa Croce al PalaEstra saranno ancora i biancorossi gli avversari della prossima sfida dei senesi, che si giocherà al PalaParenti mercoledì 23 settembre a partire dalle ore 16. Le due squadre torneranno quindi ad affrontarsi ad appena quattro giorni di distanza, questa volta a campi invertiti rispetto alla prima uscita di sabato.
    Quello di mercoledì sarà un altro test importante e significativo per capire e per vedere i progressi effettuati in questa fase di precampionato, nella quale lo staff tecnico sta allenando il gruppo senese in vista dell’avvio del campionato in programma per il 18 ottobre quando Siena al PalaEstra ospiterà Cantù.
    Il precampionato della Emma Villas Aubay Siena si arricchisce anche di un altro appuntamento, in calendario sabato 3 e domenica 4 ottobre ad Alba Adriatica. Nella due giorni si sfideranno quattro formazioni: Emma Villas Aubay Siena, New Mater Volley Castellana Grotte, Tuscania Volley e Virtus Volley Fano.

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteMercoledì arriva Cisterna

    Prossimo articoloL’analisi di Di Pinto: “Ci manca il ritmo partita” LEGGI TUTTO

  • in

    La prima uscita di questa Pre-Season va alla SIECO. Fano (A3) battuta al Tie-Break

    Sabato 19 settembre ha visto l’esordio in campo, seppur in allenamento congiunto della nuova Sieco Service Impavida Ortona. Gli impavidi hanno incontrato la Vigilar Fano (Serie A3 CredemBanca) sul campo neutro di San Benedetto Del Tronto.

    Si scaldano i motori, ancora un po’ imballati dai carichi di lavoro quando si è in pratica a metà strada tra l’inizio degli allenamenti e la prima di campionato. La SIECO parte forte con quello che dovrebbe essere il sestetto base: Pedron in regia e Cantagalli opposto, Capitan Simoni e Menicali al centro, Marinelli e Shavrak schiacciatori con Toscani nel ruolo di libero.

    Sebbene si tratti soltanto di un allenamento congiunto i ritmi sono già alti e la SIECO deve lottare duro per avere la meglio dei propri avversari. Gli abruzzesi vanno in vantaggio per due set a zero e i parziali alti (25-22 / 25-20) dimostra tutto l’agonismo messo in campo dalle due formazioni.

    È la volta di cercare nuove soluzioni e tra gli impavidi trovano spazio Dario Carelli e Felice Sette, rispettivamente per Cantagalli e Shavrak. Gireranno molto, invece, i tre centrali così anche Fabi entra nei meccanismi di gioco.

    La stanchezza comincia a farsi sentire dalla sponda ortonese del gioco, così la SIECO cala di intensità, a differenza dei colleghi fanesi, che continuano a macinare gioco. La Vigilar prende in mano il pallino del gioco dopo averla spuntata al fotofinish nel terzo set, che termina 23-25. Il quarto è solo una formalità per i marchigiani che vincono per 16-25 con una Sieco che tira il fiato.

    Al rientro per il tie-break torna in campo anche la Sieco che sembra non aver difficoltà a portare a casa il risultato. I ragazzi di Fano però non sono proprio d’accordo e riescono a rosicchiare punti su punti nell’ultimissima parte di gara, recuperando uno svantaggio che sul 12-9 per gli ortonesi, sembrava ormai fatale. Set ed incontro andranno invece per le lunghe e i ragazzi di coach Lanci dovranno sudare fino al 16-14 per aggiudicarsi la prima uscita di questa pre-season.

    «Come tutte le gare di pre-campionato è stata una gara strana.» Sostiene Coach Nunzio Lanci. «La fase attuale della preparazione atletica ci porta a pagare alla lunga perdendo di brillantezza. Questi sono giorni importanti, oltre che per migliorare la condizione atletica, anche per trovare le meccaniche e le intese di gioco»

    Sieco Impavida Ortona – Vigilar Fano 3-2 (25-22 / 25-20 / 23-25 / 16-25 / 16-14). Allenamento congiunto sul campo neutro di San Benedetto Del Tronto.
     
    Sieco Ortona: Fabi 4, Simoni 5, Pesare (L), Rovetto, Pedron 4, Toscani (L), Del Frà, Cantagalli 8, Shavrak 4, Carelli 6, Marinelli 8, Sette 12, Menicali 8.

    Vigilar Fano: Silvestrelli 11, Cecato 1, Tallone 12, Lucconi 12, Roberti 11, Bertolucci 9, Ferraro 4, Durazzi 3, Cesarini (L), Ulisse, Mazzanti 5, Ruiz.

    Errori al Servizio: Ortona 24, Fano 24.
    Aces: Ortona 2, Fano 9.
    Muri punto: Ortona 7, Fano 8.
    Durata Incontro: 1h 37. (22’, 22’, 20’, 17, 16). LEGGI TUTTO

  • in

    Due set a testa e tante indicazioni

    Allenamento congiunto: Prisma Taranto-Rinascita Lagonegro 2-2 (25-13, 24-26, 25-23, 17-25)
    Primo allenamento congiunto per la Rinascita Lagonegro che è ospite della Prisma Taranto. Quattro set giocati con mister D’Amico che sceglie di schierare inizialmente  Fabroni-Tiurin, Marretta e Mazzone in banda, Maccarone e Spadavecchia centrali, Santucci libero. Dall’altra parte mister Di Pinto risponde con una diagonale Coscione palleggiatore e Padura Diaz opposto, Fiore e Alletti schiacciatori; Di Martino-Presta centrali, Goi Libero.
    Primo set ad appannaggio dei padroni di casa che si impongono sulla formazione lucana che non entra subito in gara. Cancellata la falsa partenza ,il secondo inizia molto più equilibrato rispetto al precedente con i lagonegresi che riesco a fare il loro gioco e a costruire azioni importanti. Ottima la prova di  Marretta e di Tiurin, ma migliora anche il muro e la difesa della Rinascita. D’amico fa ruotare i suoi e si vedono anche  il palleggiatore Bellucci al servizio e Molinari al centro.Il set procede punto a punto nel finale e si chiude con il vantaggio della Rinascita.
    Terzo set continua sulla scia del secondo con le due squadre sempre molto vicine  . Mazzone , Tiurin e il solito Marretta si fanno sentire e il primo allungo è di Lagonegro sul 13-15. Poi i due tecnici chiamano il tempo : prima Mister Di Pinto e poi D’Amico sul 19-18 ma è ancora parità nel finale di set. Punto a punto fino al 24-23 e poi l’ultimo muro è di Taranto che si aggiudica il set.
    Quarto set sono ancora buone le indicazioni per il tecnico lucano che arrivano dalla campo: si vede l’altra diagonale biancorossa con l’opposto Scuffia e il palleggiatore Bellucci, al centro Molinari rileva Spadavecchia , il libero Russo al posto di Santucci. Lagonegro in vantaggio nel finale sul 15-19: entrano anche Armenante e Battaglia per Mazzone e Marretta e Lagonegro continua a mantenere la distanza fino alla fine. Dall’altra parte Cottarelli entra al posto di Coscione, Cascio al posto di Fiore ed infine Goi e Hoffer si alternano in posizione di libero . Il set si chiude con la vittoria nel parziale da parte della Rinascita e mister D’Amico si dice soddisfatto dei suoi “tranne per il primo set”,  “per gli altri è stata una partita maschia e abbiamo prodotto del gioco interessante- spiega il tecnico lucano-:  la squadra si è difesa  e ha contrattaccato.Siamo partiti molto contratti, anche per merito della formazione avversaria che ha trovato dei turni di battuta interessanti- spiega mister D’Amico- e così con il break che aveva preso Taranto era difficile entrare in partita. Negli altri set siamo venuti fuori e soprattutto si è visto il lavoro fatto in queste settimane : abbiamo cominciato ad avere informazioni e dati utili. Ci portiamo un pò di ansie per il primo set,  ma sicuramente delle note interessanti per gli altri tre”,conclude D’Amico che darà per ora due giorni di riposo ai suoi per riprendere poi ad allenarsi a Sapri martedì prossima e giocare nuovamente in un allenamento congiunto mercoledì prossima a Castellana Grotte. LEGGI TUTTO

  • in

    Emma Villas Aubay Siena, indicazioni positive dal primo allenamento congiunto

    Interessante allenamento congiunto in un PalaEstra a porte chiuse tra la Emma Villas Aubay Siena e la Kemas Lamipel Santa Croce. La sfida è stata utile per testare i miglioramenti effettuati dai ragazzi biancoblu dopo le prime settimane di allenamento. Buone indicazioni sono arrivate nei vari fondamentali di gioco quando ancora manca comunque un mese all’inizio del campionato.
    Primo set Siena inizia l’allenamento congiunto con Salsi in cabina di regia, Romanò opposto, Della Lunga e Yudin in banda, Barone e Zamagni al centro, Fusco libero. La sfida inizia su ritmi immediatamente alti. Barone mette a terra un bel pallone finalizzando una veloce con Salsi. Bello il pallonetto di Romanò che vale il 4-4. Della Lunga merita applausi per il bel gesto tecnico da posto 4 che vale il 6-5. Santa Croce si difende bene e prova a contrattaccare, Romanò chiude un punto di qualità sul 7-6. Siena ottiene un punto break ancora con Romanò dopo che la battuta di Della Lunga aveva messo in difficoltà la ricezione biancorossa. Qualche errore degli ospiti porta la Emma Villas Aubay Siena sul 12-9. Yudin si fa apprezzare in battuta, è suo l’ace del 13-9.
    Siena aumenta l’intensità della propria difesa e allunga sul 16-11 sospinta da Romanò. Bene in attacco pure Zamagni. Un attacco vincente di Yudin e un muro punto di Barone avvicinano Siena alla conquista del primo set (23-16). L’ace di Barone chiude il primo set (25-17). Per Yudin e Romanò 5 punti a testa nel primo parziale, 4 sono stati realizzati da Barone.
    Ottima la difesa senese, con l’85% di ricezioni positive e il 69% di perfette. La squadra di Spanakis si sta comportando assai bene pure in battuta.
    Secondo set Della Lunga guida la squadra da punto di vista offensivo nel secondo parziale. Santa Croce mette giù diversi palloni in avvio di secondo parziale con buone percentuali in attacco. Gli ospiti si prendono un vantaggio (5-7), con Zamagni che dal centro dimezza lo svantaggio (6-7). E’ ancora Zamagni a siglare il punto del pareggio. Il parziale positivo prosegue dei biancoblu con un muro punto senese e con un attacco errato degli ospiti.
    Della Lunga in campo fa vedere ottime cose, il capitano di Siena sembra già in buone condizioni di forma. Poi Santa Croce si riorganizza, piazza una bella murata e alcune difese molto positive. I biancorossi si portano sul 16-19 e continuano a difendere alla grande sugli attacchi di Romanò e Della Lunga. Troppi errori senesi in questa fase del match (18-24). Il secondo set si chiude sul 18-25.
    Nel secondo set la percentuale offensiva di Siena si è ridotta al 37%, e sono stati troppi i 6 errori in battuta. Santa Croce è stata guidata da Wallyson Sousa con 5 punti all’attivo.
    Terzo set Troppi errori dei locali anche in avvio di terzo parziale. Barone rintuzza mettendo a terra il 2-4. Romanò è on fire, finalizzando una freeball totalizza il 6-7. Della Lunga dai 9 metri mette nuovamente in difficoltà la ricezione biancorossa, Yudin ne approfitta e pareggia il risultato. Sul 12-12, con un punto siglato da Yudin, arriva il time out. Dal centro Robbiati sigla il 13-14. Non bastano i punti di Romanò perché Santa Croce difende e attacca con profitto  e con Colli trova il 16-19. Barone mette il pallone proprio all’incrocio delle righe (17-19). Dai nove metri Yudin riesce ancora a creare problemi alla ricezione biancorossa, che sbaglia il successivo attacco (18-19). Ace di Yudin (19-19). La Kemas Lamipel produce un parziale positivo e vola sul 20-24 con buone difese, attacchi puntuali e un ace di Robbiati. Il set si chiude sul 21-25. Per gli ospiti in questo set l’87% di ricezioni positive e il 58% di attacchi a buon fine.
    Quarto set C’è equilibrio nel quarto set, il punto di Della Lunga vale l’8-8. Sul taraflex c’è anche Truocchio, che mette a segno un bel punto. Siena ora non trova continuità in battuta e commette errori eccessivi. Santa Croce avanti 12-14. Colli va a segno (12-15), Santa Croce realizza subito dopo anche un ace. Coach Spanakis inserisce Fantauzzo al posto di Yudin. Da Truocchio arrivano altre risposte importanti. Un break senese è firmato da Yuri Romanò (15-17). Ancora l’opposto biancoblu implacabile (17-18). Della Lunga va a segno con un pallonetto (21-22). Santa Croce però in questa fase non sbaglia praticamente niente in attacco e Siena rimane indietro anche con la palla messa a terra da Zamagni (22-23). Santa Croce chiude il quarto set sul 22-25. Colli e Wallison Sousa guidano i biancorossi con 4 punti a testa, 4 a testa anche per Romanò e Della Lunga.
    Quinto set Si gioca anche un quinto set. Siena ha Ciulli in regia e Romanò in posto 2, Fantauzzo e Panciocco in banda, Truocchio e Barone centrali, Fusco libero. Poi c’è spazio anche per Crivellari.
    Barone va a segno dai nove metri, mentre Romanò continua a mettere giù molti palloni. Ace anche di Truocchio (8-4). Bene pure Panciocco. Siena difende il vantaggio giocando con attenzione, Panciocco realizza il punto del 15-11. Romanò fa 16. Un bel salvataggio di Crivellari propizia il successivo punto di Romanò da posto 2 (17-12). Un muro a due di Barone e Fantauzzo porta Siena sul 20-13. Barone è ancora caldissimo e la difesa ospite deve arrendersi al punto del 21-14. Romanò realizza il 24-17 e lo stesso opposto biancoblu è l’autore del 25-18.

    Emma Villas Aubay Siena – Kemas Lamipel Santa Croce 2-3 (25-17; 18-25; 21-25; 22-25; 25-18).
    EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Zamagni 6, Panciocco 3, Crivellari (L), Salsi 1, Yudin 14, Fusco (L), Fantauzzo 2, Barone 9, Della Lunga 10, Ciulli, Romanò 25, Truocchio 5. Coach: Alessandro Spanakis. Assistente: Omar Pelillo.
    KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Copelli 9, Sorgente (L), Sposato (L), Mannucci 1, Wallyson Sousa 15, Colli 12, Di Marco, Acquarone, Di Silvestre 12, Caproni 4, Andreini, Turri Prosperi 8, Cappelletti 1, Robbiati 9. Coach: Paolo Montagnani. Vice: Alessandro Pagliai.
    NOTE. Ace: Siena 7, Santa Croce 9. Errori in battuta: Siena 20, Santa Croce 19. Muri punto: Siena 5, Santa Croce 6. LEGGI TUTTO

  • in

    Altro 2-2 tra il Pool Libertas Cantù e la Conad Reggio Emilia

    Finisce in parità anche il secondo allenamento congiunto tra il Pool Libertas Cantù e la Conad Reggio Emilia, questa volta disputato al PalaFrancescucci di Casnate con Bernate, la nuova “casa” dei canturini.
    Anche questa volta Coach Matteo Battocchio ha ruotato tutti gli uomini a sua disposizione. Luca Butti e Romolo Mariano si confermano garanzie in ricezione (rispettivamente il 46% e il 50% di perfetta), ma in questo fonamentale il migliore è Alessandro Galliani con il 53% di perfetta. Top scorer è sempre Matheus Motzo (10 punti per lui), seguito a ruota da Alessandro Gianotti (9 punti, con ben 4 muri sui 15 di squadra).
    Primo set con il Pool Libertas che scappa subito avanti (17-10), per poi gestire il vantaggio fino al 25-15 finale. Secondo set con strappi (11-7) e contro-strappi (17-20), che si risolve ai vantaggi in favore della Conad (24-26). Nel terzo set la Conad prova a scappare fin dall’inizio (3-5, 7-10), per poi venire agganciata a quota 12 e superata nel finale (19-16). Chiude il Pool Libertas con il minimo scarto (25-23). Quarto set con i reggiani che prendono subito 3 punti di vantaggio (3-6), per poi mantenerli fino alla fine (21-25)
    “Oggi era il primo allenamento della stagione in cui eravamo presenti tutti – commenta Coach Matteo Battocchio –, e questo per noi è già un miglioramento. E’ stato bello vederli girare tutti e 14. Abbiamo fatto le cose molto bene, e sono contento per i ragazzi: stanno lavorando molto duramente e se lo meritano tutto. Siamo stati fortunati in un paio di situazioni, ma dobbiamo imparare ad essere un po’ più ‘cattivi’ in alcuni episodi, e capire meglio alcuni momenti della gara che in questo momento sono una sorta di handicap per noi”.
    “Adesso ci godiamo questo giorno di riposo – conclude –, per poi martedì affrontare la Agnelli Tipiesse Bergamo. La considero una delle squadre più forti di questo campionato, e per noi sarà sicuramente utile confrontarci con loro per vedere a che punto siamo rispetto alla vetta della classifica, nonostante ritengo anche la Conad Reggio Emilia capace di fare una stagione di vertice. Poi giocheremo sabato contro la Gamma Chimica Brugherio. Però in questo momento non è tanto importante il risultato, quanto il capire a che punto siamo soprattutto per quanto riguarda la nostra metà del campo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Oggi allenamento congiunto con Lagonegro

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Si chiuderà quest’oggi la quinta settimana di preparazione della Prisma Taranto Volley in vista del prossimo campionato di Serie A2 Credem Banca. Nel pomeriggio, la squadra rossoblù affronterà, in un allenamento congiunto che si disputerà al PalaMazzola a porte chiuse, la Rinascita Volley Lagonegro, compagine di pari valore. Per la formazione di coach Vincenzo Di Pinto sarà il primo di una serie di test importanti per verificare la condizione fisica e gli schemi tattici appurati nel primo mese di allenamento.
    Il test-match, a causa delle normative anti-Covid, sarà disputato a porte chiuse: tutti i sostenitori avranno la possibilità di seguire l’evento che sarà trasmesso, in diretta streaming, sul profilo Facebook ufficiale “SSD Prisma Taranto Volley”. L’inizio dell’allenamento congiunto è previsto per le ore 17.45.

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteDel Monte® Supercoppa 2020, domenica a Civitanova la semifinale di ritorno

    Prossimo articoloTest in famiglia: in evidenza i nuovi acquisti e Marzolla LEGGI TUTTO

  • in

    FINALMENTE IN CAMPO, MONTAGNANI SUL MATCH CON SIENA

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Mancano poche ore alla prima uscita stagionale e i biancorossi, guidati da Coach Montagnani, tra poche ore saranno impegnati nell’allenamento congiunto con Siena. Mister Montagnani affronta le tematiche calde.
    Con l’arrivo di Walla Souza il roster è completo.
    “Con l’arrivo di Walla siamo al completo e quindi ci possiamo dedicare alla costruzione del nostro gioco. Stiamo vedendo cose molte interessanti negli allenamenti tecnici e Walla sta bene, è arrivato preparato e sembra avere una buona predisposizione al lavoro con i compagni”.
    Tra poche ore l’allenamento congiunto con Siena, possiamo solo dire: finalmente!
    “Oggi primo test, ci cominciamo a studiare veramente, pregi e difetti, in modo di poter migliorare ancora, nelle prossime settimane. I dati ci dicono che i giocatori hanno la percezione che la preparazione sia durissima ma questo non impedisce loro di “giocare” negli allenamenti tecnici. Anzi il miglioramento avverrà quando la sensazione di non perfetta forma fisica sarà messa da parte in favore del gioco”.

    Francesco Rossi – Ufficio Stampa

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteA Taranto per prendere atto di quanto fatto fin ora

    Prossimo articoloDomani a Modena a caccia di un biglietto per la finale LEGGI TUTTO