More stories

  • in

    Gp Stiria, Perez davanti a tutti, soffre la Ferrari, decima, con Vettel

    SPIELBERG – Sono Sergio Perez e la Racing Point a dominare la prima sessione di prove libere del Gp di Stiria. Dopo il Gran Premio di apertura di domenica scorsa, il Circus torna sul circuito del Red Bull Ring, per la seconda gara stagionale: il pilota messicano ha messo il muso davanti a tutti con il tempo in 1:04.867, precedendo Max Verstappen. Seconda posizione, quindi, per l’olandese della Red Bull staccato di 0.096 mentre Valtteri Bottas, con la prima delle Mercedes, chiude il podio della mattinata con 0.222 di ritardo.
    Il campione del mondo Lewis Hamilton fa segnare il quarto tempo a 0.253 dal pilota messicano. Nonostante alcune novità arrivate, come il fondo simile alle Mercedes, le Ferrari continuano a soffrire: Vettel, decimo, a 0.903 da Perez mentre Leclerc chiude dodicesimo a 0.970 dal miglior tempo di giornata.
    Delusione Norris
    La Racing Point si conferma uno dei team da battere con il quinto tempo di Lance Stroll: il canadese finisce a .0529 dal compagno di squadra. Piccola delusione per Lando Norris, con la McLaren e terzo cinque giorni fa: il pilota britannico chiude la prima sessione di prove quattordicesimo. LEGGI TUTTO

  • in

    Binotto: “Mugello, sarà festa per anniversario Ferrari”

    MARANELLO – “L’Autodromo del Mugello non è solamente uno dei tracciati più affascinanti e sfidanti per i piloti e le monoposto, ma è anche un’impianto che ha fatto della sostenibilità una sua priorità, un impegno che lo ha portato a raggiungere liivelli di eccellenza in Italia e nel mondo. Poter festeggiare un anniversario straordinario come quello dei mille Gran Premi della Scuderia Ferrari proprio a casa nostra al Mugello è un’opportunita’ incredibile.”. Così Mattia Binotto, team principal della Ferrari, ha commentato la notizia dell’ufficialità del Gp della Toscana Ferrari 1000, nona prova del Mondiale 2020 che si correra’ il 13 settembre. “A rendere questa possibilità una realtà hanno contribuito diversi protagonisti, cui va il nostro ringraziamento. Innanzitutto Chase Carey, Chairman e CEO di Formula 1, che conosce e apprezza il valore che la nostra squadra rappresenta per questo sport, tanto da riconoscere l’anniversario nel nome ufficiale dell’evento”, ha dichiarato Binotto. “Poi ci sono due partner fondamentali per il raggiungimento di questo obiettivo – ha proseguito il team principal della Rossa – Innanzitutto il territorio che ci ospiterà, la Regione Toscana, una delle più belle del nostro Paese, ricca di tesori artistici e di paesaggi mozzafiato, e poi la città di Firenze, un gioiello unico al mondo per le sue bellezze architettoniche e i capolavori che vi si possono ammirare”.

    Mugello: prima i test, ora la gara
    “Per me personalmente, il Mugello è legato ai ricordi di tante giornate di test passate insieme alla squadra per cercare di migliorare la monoposto, talvolta sognando di sfidare proprio lì i nostri avversari: pensare che oggi stiamo per vivere su quel tracciato un evento come un Gran Premio, perdipiù il millesimo della nostra storia in Formula 1, è un’emozione bellissima e non vedo l’ora che quello che allora era un sogno si avveri il prossimo 13 settembre”, ha concluso Binotto.
    Carey: Benvenuto Mugello, circuito fantastico
    “Siamo lieti di dare il benvenuto al Mugello nel calendario di Formula 1 del 2020 – ha sottolineato Chase Carey, presidente e CEO di Formula 1 – Voglio ringraziare il promoter per il duro lavoro svolto al fine di realizzare questo evento. So che tutti i nostri fans sono entusiasti all’idea di assistere ad una corsa su questo fantastico circuito e per tutti i tifosi della Ferrari sarà un piacere poter celebrare così i 1000 Gran Premi della Scuderia”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, è ufficiale: Gp al Mugello il 13 settembre

    SCARPERIA – Il 13 settembre si correrà la prima gara di Formula 1 al Mugello: la notizia è stata confermata con un tweet pubblicato sul profilo della F1. La gara è stata calendarizzata prima del Gp di Russia, in programma a Sochi il 27 settembre. Salgono così a dieci gli appuntamenti del calendario 2020 e nuovi annunci sono attesi nei prossimi giorni. Gli organizzatori stanno valutando l’andamento dei contagi da coronavirus nei vari paesi prima di decidere se cancellare definitivamente o meno l’ipotesi di gareggiare. Per la Ferrari, si tratterà di un anniversario importante: il Gp numero 1000 in Formula 1, da festeggiare proprio sul circuito di sua proprietà. Le auto di Formula 1 hanno provato molte volte sul circuito, con Sebastian Vettel e Charles Leclerc che hanno girato in pista prima dell’inizio della stagione, caratterizzato da velocità e fluidità.
    Un circuito di eccellenza
    Presenza fissa nel calendario della MotoGP, il Mugello sarà il quarto circuito italiano della Formula 1, dopo Monza, Imola e il leggendario percorso su strada a Pescara, utilizzato solo una volta nel 1957 per ospitare una gara del campionato mondiale. Il Mugello è tra le poche piste che la FIA ha certificato con la qualifica 3-Star Level: l’impianto ha superato il test ambientale definito dalla Federazione, ottenendo così un riconoscimento per l’eccellenza delle politiche di sostenibilità adottate. 

    BREAKING: F1 will race at Mugello in Tuscany for the first time on September 13, before heading to Sochi for the Russian Grand Prix on September 27#F1 pic.twitter.com/dhhNNU5BrV
    — Formula 1 (@F1) July 10, 2020

    Per la Ferrari è il Gp numero 1000
    Con l’assegnazione del nono appuntamento della stagione al Mugello, l’Italia torna ad ospitare due Gran Premi di Formula 1 per la prima volta dal 2006. Il nome ufficiale dell’evento, il Formula 1™ Pirelli Gran Premio della Toscana Ferrari 1000, nono appuntamento della stagione, è proprio un omaggio alla terra che ospiterà questo appuntamento e alla ricorrenza storica che la Scuderia Ferrari, l’unica squadra presente in tutte le 70 edizioni fin qui disputate della massima competizione automobilistica, celebrerà quel giorno.

    All’Autodromo del Mugello il Gran Premio numero 1000 della Scuderia Ferrari https://t.co/xILzMDqrfl#essereFerrari #1000GP @MugelloCircuit pic.twitter.com/CHU5QB9cYk
    — Scuderia Ferrari (@ScuderiaFerrari) July 10, 2020

    Le reazioni
    “Sognato per generazioni, ora è realtà: per la prima volta il GP di Formula 1 si terrà al Mugello Circuit. Grazie a chi ha lavorato per questa conquista, noi non vediamo l’ora di sentire i motori rombare!”, ha scritto su Facebook Dario Nardella, sindaco della Città metropolitana di Firenze. “La Regione Toscana è molto felice di sostenere il millesimo GP della Ferrari, una data storica per le quattro ruote. Siamo certi del fatto che contribuendo a questa importantissima tappa sportiva di rilevanza planetaria, promuovendola al meglio con i nostri canali, daremo lustro al Mugello e alla Toscana. Daremo così una scossa benefica ai nostri territori dopo un periodo davvero difficile. Ci riempie d’orgoglio poter dire che questo sarà il Gran Premio della Toscana”, ha aggiunto il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi. LEGGI TUTTO

  • in

    Verstappen: “Vettel in Red Bull? Sono contento di Albon”

    SPIELBERG – “Vettel in Red Bull come mio compagno di squadra? In un programma televisivo ho risposto in maniera gentile ed educata dicendo che sarei disponibile. Ma come compagno di squadra io sono contento di Albon”. Non usa mezzi termini Max Verstappen nel commentare le voci sul possibile ritorno di Sebastian Vettel in Red Bull in vista del Mondiale 2021.

    Verstappen promuove Albon
    “Albon è un bravo ragazzo ed è molto bravo anche negli assetti – ha aggiunto l’olandese della Red Bull in conferenza stampa alla vigilia del Gp di Stiria -. Entrambi diamo buoni consigli al team e non credo che ci sia motivo di lasciarlo andare”. LEGGI TUTTO

  • in

    Gp Stiria, Leclerc: “Difficile lottare per podio, ma siamo fiduciosi”

    SPIELBERG  –  “Tutti erano liberi di fare come volevano e credo che questo sia sufficiente. Ho preso la mia posizione contro il razzismo e ho scelto di farlo così, ecco perchè non mi sono inginocchiato”. Lo ha spiegato Charles Leclerc, a proposito del movimento di protesta contro il razzismo per il quale il monegasco ha scelto di non inginocchiarsi, a differenza della stragrande maggioranza della griglia, a pochi minuti dal via della tappa inaugurale in Austria, la scorsa domenica. Il pilota della Ferrari, poi, ha parlato del prossimo appuntamento, il Gp di Stiria, ancora sul circuito austriaco. “Questo weekend porteremo alcuni aggiornamenti, non sappiamo quanto guadagneremo e se questo ci metterà in lotta per il podio. Ma realisticamente sarà molto difficile perchè le Mercedes e le Red Bull sono molto veloci”, ha detto ancora Leclerc.

    Leclerc fiducioso e ottimista
    “Penso che sarà importante che questi aggiornamenti funzionino nel modo corretto e che ci portino a fare progressi, altrimenti sarebbe un cattivo segnale. Sono fiducioso che questi aggiornamenti possano portare maggiore prestazione nella macchina – ha aggiunto il monegasco della Ferrari in conferenza stampa -Il podio ci ha dato un’iniezione di fiducia come team perchè se facciamo tutto alla perfezione possiamo raggiungere i risultati. La Safety Car ci ha aiutato ma abbiamo sfruttato tutte le opportunità: è importante avere fiducia anche nei momenti negativi”, ha concluso Leclerc.  LEGGI TUTTO

  • in

    Ferrari, Leclerc: “Inginocchiarsi? Tutti liberi di fare come volevano”

    SPIELBERG  –  “Perchè non mi sono inginocchiato al via del Gran Premio d’Austria? Tutti erano liberi di fare come volevano e credo che questo sia sufficiente. Ho preso la mia posizione contro il razzismo e ho scelto di farlo così”. Lo ha dichiarato Charles Leclerc in merito al movimento di protesta contro il razzismo per il quale il monegasco ha scelto di non inginocchiarsi, a differenza della stragrande maggioranza della griglia, a pochi minuti dal via della tappa inaugurale in Austria, la scorsa domenica. Il pilota della Ferrari, poi, ha parlato del prossimo appuntamento, il Gp di Stiria, ancora sul circuito austriaco. “Questo weekend porteremo alcuni aggiornamenti, non sappiamo quanto guadagneremo e se questo ci metterà in lotta per il podio. Ma realisticamente sarà molto difficile perchè le Mercedes e le Red Bull sono molto veloci”, ha detto ancora Leclerc.

    Podio iniezione di fiducia per la Ferrari
    “Penso che sarà importante che questi aggiornamenti funzionino nel modo corretto e che ci portino a fare progressi, altrimenti sarebbe un cattivo segnale. Sono fiducioso che questi aggiornamenti possano portare maggiore prestazione nella macchina – ha aggiunto il monegasco della Ferrari in conferenza stampa -Il podio ci ha dato un’iniezione di fiducia come team perchè se facciamo tutto alla perfezione possiamo raggiungere i risultati. La Safety Car ci ha aiutato ma abbiamo sfruttato tutte le opportunità: è importante avere fiducia anche nei momenti negativi”, ha concluso Leclerc.  LEGGI TUTTO