More stories

  • in

    A1 F.: Scandicci si ritrova e centra la prima vittoria. 3-1 a Bergamo

    Elena Pietrini

    2. GIORNATASAVINO DEL BENE SCANDICCI – VOLLEY BERGAMO 1991 3-1 (25-15 26-24 20-25 25-15)SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Zilio Pereira 10, Alberti 7, Lippmann 12, Pietrini 14, Lubian 4, Milanova 5, Castillo (L), Antropova 14, Silva Correa 1, Malinov, Orthmann. Non entrate: Napodano, Bartolini (L), Angeloni. All. Barbolini.VOLLEY BERGAMO 1991: Lanier 19, Ogoms 6, Borgo 14, Loda, Schoelzel 5, Di Iulio 1, Faraone (L), Cagnin 11, Enright 2, Cicola. Non entrate: Colleoni, Turla’, Ohman. All. Giangrossi.ARBITRI: Turtu’, Rolla.NOTE – Spettatori: 500, Durata set: 22′, 32′, 28′, 22′; Tot: 104′.
    SCANDICCI – La Savino del Bene ritrova il successo. Dopo il passo falso di Casalmaggiore  la squadra di Massimo Barbolini vince in casa, al debutto, contro il Volley Bergamo. 3-1 il risultato finale che premia la formazione di Pietrini e compagne nonostante i 37 errori punto concessi alle orobiche (22 quelli di Bergamo). Per la Savino del bene 15 muri a 10, 4 ace a 1. 14 punti di Antropova e Pietrini, top scorer 19 punti di Lanier del Volley Bergamo.Per la sfida contro la formazione orobica coach Barbolini è costretto a fare a meno di Camera, Merlo e Malinov, che non al meglio va in panchina. Il tecnico scandiccese ritrova però Pietrini che, recuperata dal problema muscolare delle ultime settimane, parte in sestetto.
    SESTETTI – Il 6+1 della Savino Del Bene così è quello con la giovane Milanova titolare al palleggio, Lippmann confermata da opposto, Alberti e Lubian al centro, Natalia e Pietrini in banda e Castillo, alla prima da titolare in maglia Savino Del Bene, come libero. Bergamo risponde con Di Iulio al palleggio, Borgo Ana Paula da opposto, Ogoms e Schoelzel al centro, Lanier e Loda in banda e Faraone come libero.
    LA PARTITA – Avvio di gara marchiato a fuoco da Pietrini e Lippmann: risultato sul 6-1 con tre punti della schiacciatrice azzurra e due della teutonica. Bergamo è costretta al time out, ma la Savino Del Bene continua a martellare. Un ace di Lubian vale per il 9-3, Alberti ampia il solco con il muro del 10-3. Natalia piazza a terra due punti e il risultato arriva fino al 13-4, obbligando Bergamo al secondo time out del set. Anche la seconda pausa richiesta dagli orobici non influisce sull’avanzata della Savino Del Bene, che realizza il 16-7 con un muro in solitaria di Lippmann. Con uno splendido attacco Pietrini mette a segno il punto del 18-9, poco dopo Natalia firma il +10 (20-10). La Savino Del Bene gestisce il vantaggio e si aggiudica in scioltezza il set (25-15).
    Il secondo set si apre con la reazione di Bergamo, che passa al comando sul 1-3. La Savino Del Bene non si scompone, rincorre e pareggia i conti sul 4-4, prima di piazzare il sorpasso con il 5-4 di Pietrini. Scandicci si spinge fino al +3 (8-5), ma Bergamo rimane aggrappata con le unghie alla partita e pareggia sull’8-8 con Lanier. La formazione di Barbolini ricostruisce da capo il vantaggio, con Natalia e Lippmann che firmano i punti che portano il risultato sul 13-9 e obbligano coach Giangrossi al time out. Lippmann è protagonista del bel muro del 16-10, Pietrini invece trova il 17-12 dopo uno scambio lungo e ricco di difese. Bergamo riesce a riportarsi sul -3 ed a mettere un po’ sotto pressione la Savino Del Bene, sul 19-16 così Barbolini chiama il time out. Il set è tirato e una dimostrazione è il punto del 20-17, che arriva grazie ad un muro di Natalia che chiude un lungo scambio. Bergamo non si arrende e arriva in parità sul 20-20, Barbolini decide di inserire Orthmann per Natalia e Malinov per Milanova. Bergamo arriva al sorpasso con il punto del 21-22, ma due punti consecutivi di Lippmann (23-22) riportano in vantaggio la Savino Del Bene e obbligano Bergamo ad un cruciale time out. Un errore al servizio per parte porta la sfida ai vantaggi, dove le giocate decisive sono quelle di Pietrini, che a muro fa il 25-24, e di Lippmann, che con un ace fissa il 26-24.
    Anche nella terza frazione di gara comincia meglio Bergamo, che si porta avanti sul 3-6.Un bell’attacco in diagonale di Natalia e un muro di Alberti portano la Savino Del Bene sul -1 (5-6). Bergamo riallunga fino al 5-8 con un punto fortunoso di Lanier, un ace di Milanova comunque riporta Scandicci sul -1 (7-8). La formazione orobica torna ad allungare ed una pipe della solita Lanier porta il punteggio sul 7-11. Barbolini ferma il set con un time out e trova la risposta di Lippmann e Pietrini (9-12). Il tecnico della Savino Del Bene cambia le carte in tavola inserendo Antropova e Ana Beatriz al posto di Lubian e Lippmann, ma Bergamo si innalza fino al 10-15. Natalia realizza il 13-16 con un mani out magistrale che premia delle ottime difese scandiccesi, mentre Antropova appena entrata si rende subito utile con quattro punti vitali. Sul 14-16 Giangrossi deve fermare l’avanzata della Savino Del Bene e chiama un time out. Acciuffato il pari grazie al 16-16 realizzato a muro da Milanova, la Savino Del Bene pensa di andare in fuga, ma Bergamo non si arrende e si porta nuovamente in vantaggio (16-19). Sul 17-21 si rivede in campo Malinov, ma la Savino Del Bene non riesce ad invertire la rotta e il set si chiude 20-25 per Bergamo.
    Set combattuto il quarto, che si apre con le due squadre a fronteggiarsi punto a punto. La Savino Del Bene avanti di due punti (6-4) e anche dopo altre quattro parità è nuovamente la squadra di Barbolini ad andare in vantaggio di due lunghezze con il 12-10 di Antropova. Pietrini firma il 13-11 e Scandicci si trova tre punti avanti grazie al “murone” del 15-12. Sul 16-13 Giangrossi spende un time out e sempre il tecnico bergamasco deve chiamare un “tempo” dopo il muro del 18-13 realizzato da Natalia. Il finale di set è un monologo scandiccese, con la Savino Del Bene che si impone 25-15, vince il quarto set e la sua prima gara in campionato.
    Savino Del Bene Scandicci
    HANNO DETTO
    Barbolini (Scandicci): “Siamo una squadra che gioca sempre con la spada di Damocle dell’errore e di essere un po’ imprecise. Nei momenti in cui possiamo evitarlo dobbiamo evitarlo. A metà secondo set abbiamo sbagliato quattro attacchi su cinque e loro sono rientrate in partita. Il terzo set da 11-16 siamo andati 16-16 e dopo abbiamo sbagliato noi. Sono errori che non dobbiamo commettere. Nel primo set siamo partite molto attente e determinate e allo stesso modo abbiamo fatto anche nel quarto set. Dopo che avevamo perso il terzo, abbiamo capito che dovevamo tornare a mettere attenzione e così il set è filato via abbastanza liscio.”Isabella Di Iulio (Bergamo): “Siamo partite male, poi siamo riuscite a prendere ritmo e fiducia, abbiamo sistemato alcune cose, ma non siamo state brave a tenerle fino alla fine della partita. Dovevamo approfittare della loro flessione, ma il servizio non è andato bene così come la difesa. Con Trento siamo partite a bomba e poi ci siamo spente, oggi è successo il contrario”.Emma Cagnin (Bergamo): “Sono contenta del contributo che ho dato, ma so che potevo dare di più, anche nel quarto set. A casa di Scandicci non era facile, siamo partite con il freno a mano tirato. Mantenendo il ritmo del terzo set anche nel quarto, forse, un punto avremmo potuto farlo. Dobbiamo lavorare sulla difesa e anche in copertura possiamo fare meglio”.
    CLASSIFICAIgor Gorgonzola Novara 3Prosecco Doc Imoco Conegliano 3Acqua & Sapone Roma Club 3Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore 3Reale Mutua Fenera Chieri 3Delta Despar Trentino 3Unet E-Work Busto Arsizio 3Savino Del Bene Scandicci 3*Vero Volley Monza 0Volley Bergamo 1991 0*Bartoccini-Fortinfissi Perugia 0Bosca S.Bernardo Cuneo 0Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia 0Il Bisonte Firenze 0.* una gara in più LEGGI TUTTO

  • in

    Domenica la sfida Novara-Casalmaggiore. Rosamaria: “Si pensa solo a vincere”

    Di Redazione Seconda di campionato e seconda sfida casalinga per la Igor Volley di Stefano Lavarini, che domenica 17 alle 17 (diretta su Volleyball World TV) affronterà al Pala Igor le lombarde di Casalmaggiore, reduci dall’ottima vittoria d’esordio per 3-0 contro Scandicci. Due le ex dell’incontro, entrambe da parte Igor: sia Caterina Bosetti (2018-2020) sia Rosamaria Montibeller (2020-2021) hanno infatti un passato tra le casalasche. Rosamaria Montibeller (opposto Igor Gorgonzola Novara): “Casalmaggiore è partita forte, con una bellissima vittoria contro una grande squadra e sono certa che questo avrà portato loro ulteriore fiducia nei propri mezzi ed entusiasmo. In questo momento, però, credo che da parte nostra sia giusto stare concentrate su noi stesse e sul nostro gioco: questo perché possiamo crescere molto, lavorando per migliorare e per ridurre il numero degli errori. E’ inizio stagione ed è normale che sia così. Affronterò la mia ex squadra? Sì, vivrò emozioni speciali sicuramente. Con loro ho vissuto un’esperienza e una stagione importante e sarà bello ritrovarli ma ora che sono dall’altra parte della rete, ovviamente, voglio vincere. Nel nostro sport capita spesso di affrontare amici e amiche da avversari ed è bello, però poi quando si scende in campo… si pensa solo a vincere“. (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Roma: Appuntamento storico con Conegliano. Cecconello: “Orgogliosa di giocare al Palazzo dello Sport”

    L’Acqua&Sapone Roma

    ROMA – L’attesa è finita. Finalmente il grande volley torna nel maestoso impianto del Palazzo dello Sport di Roma dove l’Acqua & Sapone Roma Volley Club ospiterà le campionesse del Mondo, d’Europa e d’Italia.Dopo l’ottimo risultato nella gara d’esordio in A1 a Cuneo, della settimana scorsa, e le emozioni che questa ha provocato, le ragazze guidate da Stefano Saja si confronteranno con la prestigiosa compagine della Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano di Daniele Santarelli.Entrambe le squadre, nella gara inaugurale, hanno portato a casa due belle vittorie. Roma, spinta dalle prestazioni di Trnkova e Klimets, ha dimostrato di potersela giocare anche contro squadre ben allestite come Cuneo. Conegliano ha confermato il suo strapotere ai danni di un’ottima Vallefoglia. Sulla carta, dunque, due formazioni con esperienze e potenzialità molto differenti, accomunate però dalla stessa voglia di dare spettacolo. Questi sono i presupposti di un match che sarà comunque un evento storico visto che sarà la prima volta per l’imbattuta Conegliano nella Capitale d’Italia e la prima volta per la Roma Volley Club al Palazzo dello Sport.Agnese Cecconello, centrale dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club, commenta così la partita alle porte: “Martedì siamo tornate in palestra con tanta energia e la consapevolezza che giocare bene contro Conegliano potrebbe non bastare. Ci sarà il bisogno di dare quel qualcosa in più, di mettere il 100% contro una squadra e una società che hanno vinto praticamente tutto. L’elemento fondamentale per poter mettere in difficoltà un avversario di tale livello è la grinta e la spavalderia. Non dobbiamo avere paura di rischiare, ma farlo, farlo bene, e nei momenti giusti. È difficile trovare un punto debole nel loro gioco, ma ci saranno sicuramente situazioni che potremo sfruttare a nostro favore. Almeno su questi aspetti dobbiamo cercare di raggiungere la perfezione. Siamo sicure che il pubblico ci aiuterà. Avere il tifo e giocare in casa per la prima volta al Palazzo dello Sport sarà un motivo in più di orgoglio e motivazione per dare il nostro massimo in questa partita.”

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteSuperlega: Pillole anticipi 2ª. Szwarc senza macchia, Bottolo cerca il bis, per Ravenna e Taranto attacchi da registrareArticolo successivoA3 Credem Banca: Il programma della 2. giornata. A Portomaggiore, San Donà, Sabaudia e Palmi sfide in vetta LEGGI TUTTO

  • in

    Giulia Gennari, prima volta a Roma: “La capitale può dare tanto al volley”

    Di Redazione Quella di domenica sarà una trasferta speciale per Giulia Gennari, impegnata per la prima volta con la maglia della Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano contro una squadra della sua città: l’Acqua & Sapone Roma Volley Club. “Il mio percorso a Roma si è interrotto a 16 anni – racconta la palleggiatrice classe 1996 in un’intervista a Il Gazzettino Treviso – ma è sempre casa mia. Sono super contenta di tornarci anche perché, nonostante Roma fosse sempre vicina ai vertici, in B1 e in A2, non sono mai riuscita a giocarci né a incontrarla da avversaria“. “Roma potrebbe offrire tanto – aggiunge Gennari – ed è un peccato che si investa poco nel volley. Per questo sono molto contenta per la società che si è creata con l’Acqua & Sapone e spero che possa crescere il più possibile, facendo da traino per altre realtà nella capitale“. Ora, però, il focus è tutto sulla gara: “Ci aspettiamo di far vedere una bella pallavolo come sappiamo fare, di giocare per noi a prescindere dall’avversario. Sia loro che altre squadre hanno dimostrato nel weekend scorso che il campionato è equilibrato e pieno di formazioni che non si arrendono facilmente. Nessuna partita sarà scontata e nessun risultato facile da ottenere, quindi siamo molto concentrate e decise a giocare come sappamo“. LEGGI TUTTO

  • in

    Bergamo: Sfida allo Scandicci in diretta su RaiSport. Tra ex, dubbi e un nuovo arrivo

    BERGAMO – Telecamere di RaiSport accese sabato sera alle 20.30 per la trasferta del Volley Bergamo 1991 in terra toscana. Le orobiche saranno ospiti infatti della Savino Del Bene Scandicci.Ma prima di pensare alle avversarie, “in settimana abbiamo lavorato soprattutto sul nostro gioco – spiega Isabella Di Iulio – analizzando quello che non ha funzionato nella partita con Trento. Ci siamo concentrate in particolare sulla difesa, sull’avere posizioni chiare, perché sono cadute troppe palle semplici che hanno portato a perdere dei set e ci hanno fatto perdere energia nel corso della partita”.
    Le toscane, allenate da Massimo Barbolini, si presentano ai blocchi di partenza del Campionato con un ampio roster e due “ex bergamasche”: il libero Enrica Merlo e la palleggiatrice Lia Malinov. E sarà proprio quest’ultima uno dei dubbi del sestetto iniziale, reduce da un infortunio alla caviglia di cui l’alzatrice è stata vittima nel corso del match che ha visto Scandicci arrendersi in tre set a Casalmaggiore.“Difficile prevedere come saranno in campo – ammette Di Iulio – Hanno avuto tanti problemi, ma al tempo stesso hanno una panchina molto lunga e molte alternative. Abbiamo iniziato a studiare le singole giocatrici, ma la tattica è difficile da prevedere e sarà un’incognita, così come lo è stata con Trento. Non sappiamo se Malinov sarà della partita, però penso che proveranno in tutti i modi a recuperarla, sia per la sua qualità che per la necessità di atlete italiane nel sestetto titolare. Io me la aspetto in campo, ma noi dobbiamo comunque prima pensare al nostro gioco. Ci adatteremo all’evolversi della situazione nel corso della partita”.
    Rispetto all’esordio con Trento, Giangrossi potrà contare su un’arma in più al centro, con l’arrivo a Bergamo della nazionale finlandese Daniela Öhman, che ha lavorato con la squadra nella sua prima settimana italiana ed è pronta ad indossare la maglia rossoblù numero 2 per il suo esordio.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteClub Italia: Azzurre pronte al debutto. Mencarelli: “Predominante l’obiettivo della crescita individuale”Articolo successivoRussia: Kazan vince l’anticipo in scioltezza LEGGI TUTTO

  • in

    Chieri: A Monza la prima trasferta stagionale. Bosio: “Dovremo battere bene per limitare le loro attaccanti”

    CHIERI – Si inizia da dove si era finito. Lo scorso 4 aprile, in gara3 dei quarti di finale dei play-off, la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 aveva concluso all’Arena di Monza il suo terzo campionato in A1. Nel palazzetto della Vero Volley Monza le biancoblù disputano ora la prima trasferta della nuova stagione. L’incontro, valido per la seconda giornata, andrà in scena domenica 17 ottobre con fischio d’inizio alle ore 17.Le due squadre arrivano alla sfida dopo un turno inaugurale di segno opposto. Le ragazze di Giulio Cesare Bregoli hanno superato 3-1 Perugia. Identico risultato anche per la prima partita delle brianzole allenate da Marco Gaspari, uscite però sconfitte dal derby con Busto Arsizio.Le due società si sono affrontate per la prima volta in B1 nel 2011. Quello di domenica sarà il confronto numero 17, per un bilancio complessivo di 12 vittorie a 4 per Monza.L’unica ex è Alessia Mazzaro.
    “Siamo contentissime del risultato con Perugia, la vittoria ci ha dato tanta fiducia e consapevolezza. Iniziare bene è sempre importante – sottolinea Francesca Bosio – Dobbiamo essere fiere della partita fatta. Ci portiamo dietro l’atteggiamento che abbiamo avuto, perché non abbiamo mai mollato, e abbiamo lavorato molto bene sul muro-difesa. La cosa da migliorare un po’ è cercare di limitare al massimo i black-out che abbiamo avuto nel corso della partita“.Per quanto riguarda la trasferta a Monza, secondo la palleggiatrice della Reale Mutua Fenera Chieri ’76: “Sarà sicuramente una partita tosta. Giocare da loro non è mai facile. Monza si è anche rinforzata molto rispetto allo scorso anno. Noi come sempre scenderemo in campo per cercare di portare a casa il risultato. Dovremo battere bene e metterle il più in difficoltà possibile in ricezione, per cercare di limitare un po’ il loro gioco e le loro attaccanti. Per il resto, anche domenica dovremo lavorare molto bene sul muro-difesa, e cercare di difendere tanto per avere tanti palloni da rigiocare. Abbiamo dimostrato di saperlo fare, ora dobbiamo cercare di aggiungere uno step in più per la nostra crescita di squadra“.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteVogliadivolley: Manuela Collazzo e Andrea Brogioni sulle partite del weekendArticolo successivoSuperlega: Il match da seguire. Civitanova vs Piacenza… Bronzo e oro olimpico in regia: De Cecco vs Brizard contro LEGGI TUTTO

  • in

    Busto Arsizio: A Urbino la prima trasferta per le biancorosse. Olivotto: “Vallefoglia da non sottovalutare”

    Rossella Olivotto, centrale, 27 aprile 1991, Trento

    BUSTO ARSIZIO – Prima trasferta stagionale per la Unet e-work Busto Arsizio che domenica farà visita alla neopromossa Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia sul campo del PalaCarneroli di Urbino. Col morale alto dopo la vittoria all’esordio con Monza, Stevanovic e compagne affrontano l’impegno consapevoli che non sarà certo una passeggiata: la squadra di Bonafede è ben costruita e ha confermato tutte le sue qualità nel primo match del campionato, giocato a Conegliano.Nonostante la sconfitta per 3-0, il team marchigiano ha reso la vita difficile alle campionesse d’Italia, sfiorando più volte la conquista del terzo parziale.La formazione di Marco Musso si allena fino a domani mattina (sabato) alla e-work arena e partirà per Urbino nel primo pomeriggio.
    PARLA OLIVOTTO – Così Rossella Olivotto: “Vallefoglia non è un avversario da sottovalutare: nonostante sia una squadra neopromossa ha già dimostrato nella partita di Conegliano di saper reggere la categoria, mettendo in difficoltà le campionesse d’Italia. La Megabox è composta da giocatrici giovani ma anche tante esperte tra cui spicca naturalmente Kosheleva. La UYBA è partita bene, dobbiamo ancora lavorare tanto, ma i presupposti per una stagione positiva sono molto buoni. Sabato con Monza abbiamo espresso un buon gioco e cercheremo di ripeterlo domenica a Urbino. Alla e-work arena abbiamo ritrovato il nostro pubblico, è stato eccezionale rivedere i tifosi al palazzetto e sono stati fantastici nel sostenerci con tanto calore nei momenti di difficoltà. So che verranno in tanti anche in trasferta, li ringrazio in anticipo e li aspetto a Urbino carichi come sabato scorso”.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteRoma: Tgr Lazio, il sogno della neo promossa società romanaArticolo successivoTalmassons: Arriva il derby con Martignacco. Coach Barbieri: “Gara speciale…” LEGGI TUTTO

  • in

    De Gennaro e Santarelli esperti di volley, ma ai fornelli… “Cuciniamo per la sopravvivenza”

    Di Redazione Monica De Gennaro è famosa in tutto il mondo per le sue splendide difese e ricezioni perfette, tanto con la maglia dell’Imoco quanto con quella della Nazionale italiana. Delle sue prestazioni, e dei successi del marito Daniele Santarelli, si parla sovente e tutti ne sono a conoscenza. Ma quando la coppia si ritrova tra le mura di casa, chi è il top scorer in cucina? La stessa De Gennaro lo racconta in una originale intervista della Gazzetta dello Sport. C’è un alimento con cui fa fatica a trattenersi? “Cioccolata fondente, ne mangio di tutti itipi. Ma le caramelle gommose sono la mia droga. Ecco di quelle devo levare di mezzo il pacchetto”. In cucina come se la cava? “Me la cavo per la sopravvivenza. Essendo del Sud a volte mi illudo di cucinare, poi arrivano mia sorella e mia mamma e capisco che cucinare è un’altra cosa. Fanno crostate con la pastafrolla, polpette al sugo,la parmigiana di melanzane, quella vera, fritta, la pizza fritta. Mia sorella Maria è brava con i dolci: mi prepara le graffe (la ciambella napoletana, ndr) e la cheese cake”. E in casa chi si cimenta ai fornelli fra lei e Daniele Santarelli? “Io comunque, Daniele cucina anche meno della sopravvivenza. Dice che se andassimo in due squadre diverse farebbe la convenzione con un ristorante”. LEGGI TUTTO