More stories

  • in

    Carlo Verdone, le auto dei suoi film riprodotte in scala per i collezionisti

    Come poter rendere omaggio ad una delle figure più importanti del nostro cinema? Per dare una risposta a questa domanda il team di “Infinite Statue” – una squadra di ragazzi legati dalla passione nel ricreare oggetti legati al collezionismo – ha voluto creare un’intera linea dedicata alle auto e ai personaggi interpretati dal mitico Carlo Verdone, che da poco ha compiuto 70 anni. 

    Tutti i modellini sono riprodotti in maniera fedele e scrupolosa in scala 1:18: dall’indimenticabile e goffo Pasquale Amitrano, a Furio Zòccano, fino a Mimmo e all’ostinato Enzo, che a bordo della sua Fiat Dino Spider voleva spingersi fino in Polonia nel film “Un sacco bello”. 

    Guarda la gallery
    Carlo Verdone, le auto dei suoi film riprodotte per i collezionisti GLI SCATTI

    Fiat, Alfa e BMW: le auto dei film di Verdone
    Amitrano e l’Alfasud
    Il primo modellino in scala ad aver visto la luce è stato quello di Pasquale Amitrano, silenzioso ma irriverente emigrato italiano presente nel film “Bianco, Rosso e Verdone”, impegnato nel viaggio per raggiungere la sua circoscrizione elettorale di Matera bordo della sua mitica Alfasud rossa.I ragazzi del Team “Infinite Statue”, come dichiarato dallo stesso Verdone in un recente post su Facebook, sono stati talmente in gamba da ricreare in maniera fedelissima la vettura originale presente nella pellicola.

    Cari amici, il team di “Infinite Statue” crea oggetti da collezione di altissima qualità che si ispirano al cinema e al…
    Pubblicato da Carlo Verdone su Martedì 24 novembre 2020

    “La scultura di Pasquale Amitrano è il frutto di un grande lavoro di ricerca e collaborazione con il creatore del personaggio stesso – hanno dichiarato i ragazzi di “Infinite Statue” – siamo, quindi, orgogliosi di presentare questo primo modello della serie Carlo Verdone Collection”.
    Presto anche altri personaggi 
    Ovviamente, lo stupore per queste creazioni così fedelmente riprodotte non finisce di certo qui. Come detto, infatti, nei prossimi mesi saranno resi disponibili anche i modellini di altri storici personaggi resi immortali da Carlo Verdone. Le prossime uscite, come già ampiamente specificato da “Infinite Statue”, saranno incentrate su Mimmo e la sua Fiat 1100 D, Furio e la Fiat 131 Panorama e sul mitico personaggio di Enzo nel film “Un Sacco Bello” a bordo della sua Fiat Dino Spider nera.
    Insomma, sarà quasi impossibile non essere presi dalla voglia di possedere uno di questi modelli in scala creati per omaggiare i più significativi personaggi usciti dal genio di Verdone.
    Gigi Proietti, tutte le auto di Febbre da Cavallo FOTO LEGGI TUTTO

  • in

    Guidava senza patente l'auto: fregato da tre sanzioni in un colpo solo

    Quando uno fa una cosa, la deve fare per bene. Sia essa una torta, una partita a calcetto, una casa sull’albero. Non biasimiamo i perfezionisti, forse li invidiamo, e il protagonista di questa storia sembra essere proprio un perfezionista… della multa. Non una, non due, ma tre infrazioni in un colpo solo in un periodo in cui i controlli delle forze dell’ordine fioccano, per controllare il rispetto del coprifuoco.

    PATENTE MAI PRESA
    L’uomo colto la scorsa notte viaggiava in auto oltre il limite di velocità, in pieno orario di coprifuoco – cioè dopo le 22 – e non aveva la patente, o meglio non ha mai conseguito la patente. A fermare la vettura, una volante del commissariato di Città di Castello (Perugia) che ha intercettato e seguito l’incauto protagonista per poi identificarlo e sanzionarlo: si tratta di un cittadino extracomunitario regolare, che non ha mai ottenuto il documento per guidare.
    TRE SANZIONI E FERMO AMMINISTRATIVO
    La sua auto è stata sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi e sono state elevate tre sanzioni amministrative: guida oltre i limiti di velocità, guida senza patente e presenza ingiustificata in strada durante l’orario vietato: 6.000 euro in totale, un prezzo che – crediamo – scoraggerà ogni futura ripetizione dell’accaduto.  
    Nuovo Codice della Strada, agenti di polizia: multe anche fuori servizio LEGGI TUTTO

  • in

    Ferrari 550 Maranello, il modello da pista di Eddie Van Halen va all'asta

    Si era già parlato di Eddie Van Halen – mitico chitarrista icona di intere generazioni – e della sua sfrenata passione per le auto. Quelle stesse auto, che lo ha portarono nel tempo ad avere addirittura un’intera collezione privata.  La star del rock scomparsa lo scorso ottobre, infatti, possedeva molti modelli: da Audi a Porsche (visibile nella gallery), fino ad una Ferrari 550 Maranello. Modello, che oltre ad aver guidato su strada e su pista, ora risulta messo all’asta da Gotta Have Rock & Roll per una cifra che si aggira intorno ai 170 mila euro.

    Guarda la gallery
    Porsche 911 GT3: gli scatti di 20 anni di noveundici

    Michael Jordan, venduta per 171mila euro la sua Mercedes S 600 Coupé
    Personalizzata e con certificato di proprietà 
    “Esibirsi in un concerto davanti al pubblico e guidare in pista dà più o meno la stessa carica di adrenalina”, così disse qualche anno fa in un’intervista l’ex chitarrista. Un motivo in più, dunque, per equipaggiare e personalizzare la propria vecchia Ferrari con tutta una serie di accessori in grado di rendere migliori le sue avventure tra i cordoli di un tracciato.

    Guarda la gallery
    Ferrari 550 Maranello, il modello da pista di Eddie Van Halen va all'asta

    La Ferrari, come riportato dal sito d’aste, è in ottime condizioni: è provvista di tagliando, sedili da corsa personalizzati ordinati appositamente da Eddie per correre in pista insieme al fratello, certificato di proprietà originale e rinnovo a nome di Edward Van Halen. Insomma, un piccolo gioiellino che potrebbe tranquillamente essere esposto nei migliori musei della storia del Rock ’n’ Roll. Al momento la base d’asta si aggira sui 200 mila dollari (circa 170 mila euro), ma il sito stima che il suo prezzo potrebbe tranquillamente salire nel giro di poco.
    Ferrari Roma venduta a 630mila euro per bimbi di Save the Children LEGGI TUTTO

  • in

    Torino, Ztl ancora sospesa: varchi aperti fino al 5 dicembre

    Da marzo, con l’inizio della pandemia, il Comune di Torino aveva deciso di sospendere le Ztl del centro. Un provvedimento inizialmente previsto dal 12 marzo fino alle due settimane seguenti. Sappiamo tutti cosa è successo la scorsa primavera: sono passati ben 9 mesi e da allora le telecamere, proroga dopo proroga, non si sono più accese. Secondo le recenti direttive dell’amministrazione, i varchi avrebbero dovuto riattivarsi il 24 novembre ma c’è una nuova proroga che cambia ancora le cose. Lo stop alle Ztl si allunga ulteriormente fino al 5 dicembre.

    Sesso a bordo dell’auto di servizio: aperta l’indagine per i due vigili di Roma
    La decisione della sindaca Appendino
    È questa la decisione del Comune che ha preferito introdurre un’ulteriore estensione dell’accesso libero alla zona a traffico limitato centrale. La sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha firmato l’ordinanza il 23 novembre 2020. Come accaduto in precedenza, dal provvedimento sono escluse le Ztl Trasporto Pubblico, Pedonale e Area Romana. A questo va aggiunto anche che, fino al 28 novembre 2020, è sospeso il pagamento della sosta nelle aree a raso delimitate dalle strisce blu. “Dal provvedimento – ricorda il Comune – sono esclusi i parcheggi automatizzati a barriera e quelli in struttura”.
    Milano Monza Motor Show, ufficializzato per il mese di giugno LEGGI TUTTO

  • in

    Auto a idrogeno, Hyundai e Ineos studiano nuovi progetti

    Cerchi un’auto usata? Sfoglia il listino di Auto
    Hyundai e Ineos – con la controllata Inovyn presente nel campo della produzione e stoccaggio di idrogeno – hanno sottoscritto un memorandum d’intesa che dovrà portare in futuro a una collaborazione concreta nel settore dell’economia dell’idrogeno.
    Idrogeno la via verso le zero emissioni
    Il vettore energetico è visto, in campo automobilistico, come l’ottimale soluzione tecnica per l’auto elettrica, in grado di superare i limiti delle elettriche a batteria (tempi di ricarica, autonomia, peso delle batterie, approvvigionamento delle materie prime) e accelerare la corsa verso le zero emissioni di Co2 nel settore dei trasporti.
    La condizione necessaria prevede che l’idrogeno si produca da fonti rinnovabili, mediante elettrolisi e – idealmente – con l’impiego di energia fotovoltaica. Ancora meglio se direttamente sul posto, delle stazioni di rifornimento.
    Ineos e Hyundai lavoreranno in diverse direzioni, che sia la produzione dell’idrogeno o la fornitura, la tecnologia o i modelli di business, lo faranno nell’ottica di un potenziamento dalla filiera dell’idrogeno in Europa.
    La Vision Hyundai 2030
    Ci sarà anche un profilo strettamente legato al prodotto. Ineos, tra le molteplici attività nelle quali è coinvolta – sponsorizzazione in Formula 1, Coppa America, ciclismo – ha lanciato nel 2020 anche un fuoristrada, Ineos Grenadier, sul quale potrebbe arrivare il sistema di fuel cell a idrogeno sviluppato da Hyundai su Nexo. Un’esperienza che vede il gruppo coreano presente sin dal 2013, con il primo suv di serie alimentato da una fuel cell e l’obiettivo di arrivare al 2030 a produrre 700 mila unità l’anno di una gamma di modelli, parte del piano Fuel Cell Vision 2030.
    L’elettrico a fuel cell
    Ricordiamo come la fuel cell di un veicolo sia il “cuore” della trasformazione dell’idrogeno stoccato nei serbatoi ad alta pressione in energia elettrica, dal processo chimico ottenuto dalle membrane di cui si compone la pila a combustibile, con gli scarti di tale trasformazione risultanti in semplice vapore acquo allo scarico.
    Sfoglia il listino Hyundai: tutti i modelli sul mercato
    Dall’attività nel settore chimico di Ineos, annualmente vengono prodotte 300 mila tonnellate di idrogeno quale risultato delle operazioni industriali. Produzione alla quale abbinare il know how in materia di stoccaggio dell’idrogeno, un altro aspetto chiave per la diffusione capillare di un’infrastruttura di ricarica, specialmente in Italia, oltre che in Europa, dalla quale passano le possibilità di sviluppo dell’elettrico a fuel cell. LEGGI TUTTO

  • in

    Tesla Model S e Lucid Air, chi vince la sfida dell'autonomia di guida?

    Tesla “sente il derby” con Lucid Air. La Casa di Elon Musk, al momento per il mercato americano, ha incrementato l’autonomia del suo modello più iconico, la Model S nella versione Long Range Plus. Che era stata superata di una manciata di chilometri nel range dalla nuova arrivata.

    Guarda la gallery
    Tesla Model S Shooting Brake, le foto della wagon speciale

    E’ arrivata la replica. Queste le tappe di una sfida che ha un certo peso per il prestigio, dei modelli e dei Marchi.
    Model S durante l’estate era stata la prima auto elettrica a superare il muro delle 400 miglia di autonomia (644 km) arrivando a 647 chilometri dichiarati.
    Lucid Air a sua volta è stata presentata con una autonomia di 653 chilometri.
    Model S ora a 658 km di range
    Allo “sgarbo” da Palo Alto hanno risposto con un abbassamento del prezzo di listino (69.420 dollari) e soprattutto immatricolando una Model S Range Plus a 658 km di autonomia.
    Piccoli passi, dovuti probabilmente ad aggiornamenti software. Il testa a testa con buona probabilità serberà altri capitoli.

    Guarda la gallery
    Lucid Air, elettrica che sfida Tesla FOTO LEGGI TUTTO

  • in

    Bugatti Chiron Sport Les Légendes du Ciel, omaggio “esclusivo” ai padroni del cielo

    Roland Garros, Meo Costantini, Albert Divo o Robert Benoist. Sono solo alcuni degli eroi che Bugatti ha deciso di omaggiare con la sua esclusiva Chiron Sport Les Légendes du Ciel. Venti esemplari che si ispirano agli aviatori-plioti che a inizio ‘900 erano considerati veri e propri miti. Il modello sarà prodotto dalla fine dell’anno. Quali saranno le sue caratteristiche? Motore W16 da 1.500 cavalli e una velocità massima autolimitata a 420 km/h – ve ne sarebbe in abbondanza per affrontare una fase di decollo, con un’aerodinamica “capovolta” –.

    Cerchi un’auto usata? Sfoglia il listino di Auto
    Tinta Gris Serpent
    A essere inedito è il trattamento stilistico, la tinta Gris Serpent, un grigio opaco che agli aeroplani degli Anni Venti si rifà come per la banda bianca lucida. I richiami al mondo dell’aviazione sono molteplici, all’interno nell’abitacolo interamente rivestito in pelle color Gaucho, con inserti in alluminio, materiale applicato nelle lavorazioni più varie, dall’elemento spazzolato al taglio laser, passando per l’alluminio diamantato. Il legame tra Bugatti e il cielo è nelle esperienze di Ettore Bugatti, nel 1915 a progettare motori d’aereo, fino al 1937 di un progetto fermato poi dalla guerra: un aeroplano pensato per il record di velocità.
    Nieuport 17
    A bordo della Chiron Sport “Les Légendes du Ciel”, un po’ come una moderna incisione rupestre, i pannelli delle portiere raccontano storie di corse d’auto e aerei, il disegno a mano di un Nieuport 17, biplano monoposto dell’aviazione francese nel 1916, e una Bugatti Type 38 del 1910, la prima a portare il nome Bugatti, su 15 cavalli per quasi 100 km/h di velocità in versione Pur Sang.
    Venti esemplari
    Tratti distintivi dei 20 esemplari saranno il tricolore applicato ai deviatori di flusso dietro le ruote anteriori, i loghi stilizzati Les Légendes du Ciel, la cover del motore W16 a vista, in fibra di carbonio, proseguendo con la calandra trattata in nero lucido e la griglia in alluminio tagliato al laser. In coda, la fascia in fibra di carbonio e la copertura stampata in 3D dei terminali di scarico in Incone, definiscono l’edizione speciale.
    Sarà possibile personalizzare ulteriormente la Chiron Sport, ad esempio con sedili “comfort” in sostituzione della specifica con inserti in alluminio anche sui poggiatesta, nonché con gli oblò in vetro sul tetto.
    Sfoglia il listino delle auto nuove: tutti i modelli sul mercato
    Le prenotazioni sono già aperte, servirà munirsi di pazienza per l’attesa necessaria prima che venga costruito il proprio esemplare e, tra gli altri, di 2 milioni e 880 mila euro, prezzo per guidare la sintesi tra aereo e automobile proposta da Bugatti.
    Bugatti Bolide, come in Formula 1 a Le Mans in 3’07” LEGGI TUTTO

  • in

    Aston Martin, la collezione da corsa è in vendita

    Dal reparto corse al garage di un facoltoso estimatore della storia Aston Martin. Così, la Vantage Legacy Collection. Pensata per essere guidata ovviamente solo in pista, giacché le Vantage GT4, V12 Vantage GT3 e Vantage GTE, sono esattamente gli esemplari con i quali Aston Martin Racing ha corso tra il 2009 e il 2018, vincendo nel mondiale Endurance (7 titolo WEC complessivamente), due volte la 24 Ore di Le Mans – nel 2014 e 2017 – oltre alle uscite nell’European Le Mans Series e i campionati GT, britannico e World Challenge.
    Cerchi un’auto usata? Sfoglia il listino di Auto
    Vantage VH, dalla GT4 alla GTE 
    Alla produzione destinata alle squadre che hanno gestito le Vantage della precedente generazione, per intenderci con l’architettura VH lanciata nel 2005 sulla V8, si sommano tre esemplari, uno per ciascuna omologazione.
    Così, sarà il telaio numero 108 della V8 Vantage GT4 a finire nelle mani del collezionista di Vantage Legacy Collection – ovviamente l’offerta interessa il lotto di 3 auto nel suo insieme -, il telaio numero 7 della GTE e il 47 della Vantage GT3 con motore V12 6 litri aspirato, da oltre 600 cavalli e cambio Xtrac sequenziale.
    Le specifiche di GT3 e Vantage V8 GTE
    Per esigenze di regolamento tecnico, la V8 GT4 è la Vantage più vicina alla specifica di serie, stradale, con motore 4.7 litri, un’aerodinamica evoluta e tutti i necessari sistemi di sicurezza omologati FIA. Con Vantage GT3 le libertà regolamentari diventano molto più ampie e si riflettono in tutta la loro imponenza, di un progetto alleggerito fino a 1.250 kg.
    Dieci kg in meno e tanta ricerca aerodinamica in più confluiscono su Aston Martin Vantage GTE, per l’ultima volta schierata nel 2018 a Le Mans, in Classe GTE Am (da regolamento a utilizzare auto prodotte e omologate l’anno precedente), con il motore V8 rivisto nell’installazione per un migliore accentramento delle masse: l’esemplare della Legacy Collection avrà la specifica di pacchetto aerodinamico schierato da Aston Martin nel 2016. Il debutto avvenne quattro anni prima, a Sebring, 2012 subito vincente nella gara conclusiva del WEC a Shanghai, in Classe GTE.
    La Vantage “classica”
    “Per un collezionista, questo trio di Aston Martin Racing Vantage rappresenta il tributo definitivo a un periodo felice per il marchio nelle competizioni internazionali.
    Sebbene da allora Aston Martin abbia proseguito con la vittoria di titoli mondiali e l’attuale generazione V8 turbo della Vantage, le fondamenta gettate dall’enorme successo della macchina originaria hanno conquistato ammiratori in tutto il mondo e portato a diventare una tra le preferite tra i tifosi. La Legacy Collection è una bellissima chiusura su questa splendida macchina”, ha commentato il presidente di AMR, David King. LEGGI TUTTO