More stories

  • in

    Europei ciclismo, oro per Sonny Colbrelli nella prova in linea elite. 2° Evenepoel

    Grande gioia per l’Italia nella prova regina dei Campionati Europei di ciclismo: Sonny Colbrelli ha vinto la medaglia d’oro nella prova in linea elite sul percorso di 179.2 chilometri con partenza e arrivo a Trento. L’azzurro si è imposto allo sprint davanti al compagno di fuga, il belga Remco Evenepoel. Medaglia di bronzo al francese Benoit Cosnefroy, staccato dall’italiano e dal belga sulla salita nell’ultimo giro del circuito. Quarto posto per Matteo Trentin (arrivato con le braccia al cielo per la vittoria del compagno), che ha regolato allo sprint il gruppetto degli inseguitori davanti allo sloveno Pogacar e allo svizzero Hirschi. L’Europeo si conferma terreno di caccia per la nostra nazionale: si tratta infatti della quarta vittoria di fila dopo quelle conquistate da Trentin, Viviani e Nizzolo nelle ultime tre edizioni.
    “Oro che vale doppio perché conquistato in casa”
    “La squadra è stata grandissima e ho conquistato questo oro che vale doppio in quanto ottenuto in casa, in Italia. Sono felice, vincere qui è qualcosa di indescrivibile” le prime parole di Sonny Colbrelli dopo la vittoria. “Non siamo mai andati piano – ha detto ancora l’azzurro -, negli ultimi quattro giri siamo rimasti davanti una decina di corridori e io per seguire Evenepoel ho dato anche quello che non avevo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Europei ciclismo, Filippo Baroncini argento nella prova Under 23. Vince il belga Nys

    Ancora una medaglia per l’Italia agli Europei di ciclismo, che si concluderanno domenica nelle strade di Trento. E’ arrivata dalla prova in linea Under 23 maschile, grazie a Filippo Baroncini, che è stato battuto solo da Thibau Nys, nuovo campione d’Europa Under 23.

    Classe 2002, figlio d’arte (il papà Sven è stato campione di ciclocross), il giovane e talentuoso belga si è imposto in volata. Terzo posto, e medaglia di bronzo, per il vincitore del Giro d’Italia Under 23, Juan Ayuso. Sesto l’altro azzurro Filippo Zana. “Sono uscito per primo dall’ultima curva, sapevo che era fondamentale, ma Nys è stato più forte con un picco di potenza davvero incredibile. Sinceramente non sapevo fosse così veloce. Peccato, perché in salita era rientrato proprio negli ultimi metri. Per noi era difficile muoversi diversamente, perché in salita c’era comunque un asso come Ayuso. La medaglia e’ comunque una bella soddisfazione, anche se la maglia di campione europeo per me era un grande sogno”.

    Azzurre a bocca asciutta, invece, nella prova in linea Elite donne, vinta da Ellen Van Dijk. L’olandese si è imposta dopo 25 chilometri di cavalcata solitaria, con il tempo di 2h50’35”. Argento alla tedesca Liane Lippert, staccata di 1’18” e sul traguardo davanti alla lituana Rasa Leleivyte (stesso tempo). Prima delle italiane Martina Cavalli, sesta sempre a 1’18”, decima Elisa Balsamo in ritardo di 2’28”.

    Domenica gli Europei si concluderanno con la prova più attesa: la corsa in linea Elite maschile. La Nazionale italiana punterà tutto su Matteo Trentin e su Sonny Colbrelli. I favoriti per il titolo, tuttavia, sono il belga Remco Evenepoel e lo sloveno Matej Mohoric, che rivaleggeranno con lo slovacco Peter Sagan, tre volte campione del mondo su strada in linea e sempre pronto a dire la sua nelle corse in linea.  LEGGI TUTTO

  • in

    Europei ciclismo, Silvia Zanardi vince l'oro nella gara Under 23

    Silvia Zanardi ha vinto l’oro nella prova in linea Under 23 agli Europei in corso in Trentino. L’azzurra si è imposta allo sprint in piazza Duomo, bruciando l’ungherese Blanka Vas, che si è presa la medaglia d’argento. Il bronzo, invece, è andato alla francese Evita Muzic. La gara si è disputata su un percorso lungo 80,8 chilometri, che presentava un dislivello di 1.500.

    Ottima la prova delle ragazze azzurre che hanno costretto a una naturale selezione sulla salita di Poco e preso in mano il comando delle operazioni. Nel finale è stata Gaia Realini ad accelerare in salita e a dare il via all’azione decisiva che ha visto protagoniste la Zanardi, la Vas e la Muzic. Sul rettilineo finale è stata l’ungherese Vas a lanciare una lunghissima volata, ma la Zanardi ha retto e fatto valere le proprie doti di velocista. LEGGI TUTTO

  • in

    Europei ciclismo, Eleonora Ciabocco argento nella gara femminile Juniores. Vince Riedmann

    Eleonora Ciabocco ha conquistato la medaglia d’argento nella prova in linea donne
    Juniores, agli Europei di ciclismo in corso a Trento. La gara è stata vinta, al termine di una volata ristretta, dalla tedesca Linda Riedmann, in 1h53’09”. Bronzo alla francese Eglantine Rayer, con un distacco di un secondo.  Quarta un’altra italiana, Francesca Barale, sempre a 1″, ottava Carlotta Cipressi, staccata di 1’10”. La gara si è disputata sul percorso lungo 67,6 chilometri, con partenza e arrivo in piazza Duomo a Trento. La gara presentava un dislivello di 1.250, un’altezza minima di 189 metri, massima di
    368.  LEGGI TUTTO

  • in

    Dumoulin investito: polso fratturato e stagione finita

    Stagione finita per Tom Dumoulin. L’olandese, medaglia d’argento nella crono alle ultime Olimpiadi, è rimasto infatti coinvolto in un brutto incidente mentre si allenava nelle Ardenne: è stato investito da un’automobile che stava svoltando, sbattendo sul cofano della vettura prima di finire sull’asfalto e riportare la frattura del polso durante l’impatto. Necessaria l’operazione e addio agli ultimi obiettivi prefissati per il 2021. Il ciclista di Maastricht si stava preparando per la cronometro dei Mondiali, nelle Fiandre, e per il Giro di Lombardia, in programma a inizio ottobre, ma questo imprevisto chiude anzitempo la sua stagione.
    Dumoulin: “Non vedevo l’ora di vivere questo mese…”
    “È una grande delusione. – ha commentato il corridore della Jumbo-Visma – La mia stagione è terminata ed è un vero peccato perché stavo iniziando a sentirmi di nuovo bene. Anche durante l’allenamento mi sentivo davvero molto forte e avevo grande fiducia di poter vivere un mese ad alto livello. Non vedevo l’ora, sono corse molto adatte alle mie caratteristiche: purtroppo, però, non sarà per quest’anno”. LEGGI TUTTO

  • in

    Europei ciclismo, Filippo Ganna secondo nella cronometro. Vince svizzero Küng

    Filippo Ganna si deve accontentare del secondo posto nella cronometro agli Europei di ciclismo in Trentino. Il campione del mondo ha chiuso la prova con un distacco di sette secondi dallo svizzero Stefan Küng, che ha bissato il successo dello scorso anno percorrendo i 22,4 km della gara in 24’37″66. Completa il podio il belga Remco Evenepoel con un ritardo di 14 secondi dal vincitore di giornata. Quarto lo svizzerro Bissegger, quinto il tedesco Walscheid, sesto Edoardo Affini. Nella top ten anche Asgreen (Danimarca), Bodnar (Polonia), Cavagna (Francia) e Almeida (Portogallo). LEGGI TUTTO

  • in

    Europei ciclismo, crono donne under 23: oro per Vittoria Guazzini, bronzo a Elena Pirrone

    Gli Europei di ciclismo su strada a Trento continuano a regalare gioie all’Italia. Dopo il trionfo di mercoledì della staffetta mista a cronometro, il programma di giovedì si apre con due azzurre a salire sul podio della cronometro femminile Under 23. La regina di giornata è Vittoria Guazzini, ventenne di Pontedera, che copre i 22,4 km di percorso con il tempo di 29’02”, inavvicinabile per le avversarie.  Una vittoria netta, costruita sin dall’inizio dettando subito il ritmo per poi prendere il largo nella seconda parte di gara. Argento per la tedesca Hanna Ludwig, che chiude al traguardo con un ritardo di 38”. A completare la festa azzurra sul podio, il terzo posto di Elena Pirrone, ventiduenne di Bolzano, che centra il bronzo continentale a circa 45″ di distacco dalla compagna di squadra. Il programma di giornata prosegue con la crono donne elite, la crono uomini Under 23 e la crono uomini elite. LEGGI TUTTO

  • in

    Europei ciclismo, Italia d'oro nella cronometro-staffetta mista

    La Nazionale azzurra di ciclismo ha vinto il titolo europeo su strada, aggiudicandosi la prova a cronometro della staffetta mista, al termine della gara disputata a Trento, su un percorso di 48,800 chilometri (22,4 da percorrere per i tre uomini e altrettanti per le tre donne). La squadra azzurra, formata da Matteo Sobrero, Filippo Ganna, Alessandro De Marchi, Elena Cecchini, Marta Cavalli ed Elisa Longo Borghini, ha chiuso la prova contro il tempo in 51’59″01, precedendo i campioni uscenti della Germania sul gradino più alto del podio. Tedeschi e tedesche hanno accusato un ritardo di 21″. Al terzo posto, e medaglia di bronzo, la Nazionale olandese, in ritardo di 26″. Otto squadre miste hanno preso il via: quarto posto per la Francia, a 1’28”; quinta l’Austria, a 3’24”; sesta la Russia, a 3’34” e a pari merito con l’Ucraina; ottava la Polonia, a 3’52”.  LEGGI TUTTO