More stories

  • in

    Olimpiadi di Tokyo, domani le liste a 20 delle nazionali azzurre

    Di Redazione Domani i commissari tecnici Gianlorenzo Blengini e Davide Mazzanti comunicheranno le liste a 20 atleti/e delle nazionali italiane per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Da questi elenchi verranno poi scelti i 12 azzurri e le 12 azzurre che parteciperanno all’Olimpiade, in programma nella capitale giapponese dal 23 luglio all’8 agosto 2021.   (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Martedì 15 giugno il sorteggio del Campionato Mondiale under 21 maschile

    Di Redazione Si terrà martedì 15 giugno alle ore 11.30, presso la sede federale di via Vitorchiano, il sorteggio del Campionato Mondiale under 21 maschile, organizzato congiuntamente da Italia e Bulgaria (dal 23 settembre al 3 ottobre 20021). Due gironi e la fase finale della rassegna iridata si disputeranno in Sardegna a Cagliari e Carbonia. Al momento si conoscono 15 dei 16 nomi delle squadre che prenderanno parte al Mondiale, considerata la rinuncia nelle ultime ore della Corea del Sud. Gli azzurrini di Angiolino Frigoni (vice campioni continentali U20) nell’ edizione 2019 del Campionato del Mondo U21 ottennero la medaglia d’Argento, sotto la guida di Monica Cresta. Il sorteggio sarà trasmesso in diretta streaming dalla pagina facebook della Federazione Italiana Pallavolo e dal canale Youtube della Fivb.    L’elenco delle squadre partecipanti: Italia e Bulgaria (Paesi Ospitanti); Iran (vincitrice torneo asiatico U20); Egitto e Camerun (vincitrice e seconda classificata del torneo africano U21); Russia e Belgio (vincitrice e terza classificata dell’Europeo U20); Brasile e Argentina (vincitrice e seconda classificata del torneo africano U21): Cuba, Canada (attraverso il ranking continentale Norceca); Polonia (in sostituzione della Cina), Marocco, Bahrain, e Repubblica Ceca (attraverso il ranking Mondiale U21, aggiornato al 1° marzo 2021). (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Tinet riparte dall’entusiasmo di Manuel Bruno

    Lo schiacciatore calabrese, con la sua grinta e dedizione al lavoro, è il primo tassello della nuova Tinet stagione 2021-2022.“La serietà della società e il calore dell’ambiente anche nei momenti brutti mi hanno fatto sentire a casa e adesso vorrei ripagarli. Saremo un gruppo giovane e affamato: niente ci deve essere precluso”
    Arrivato forse un po’ in sordina la scorsa estate Manuel Bruno ha conquistato tutti con la sua dedizione al lavoro e le sue capacità che, nonostante un’altezza non stratosferica, si sono dimostrate fondamentali per il gruppo gialloblù. Per questo il DS Luciano Sturam ha deciso che la prima riconferma nel roster della stagione 2021-2022 dovesse essere quella dello schiacciatore 27enne calabrese. Solo un brutto infortunio lo ha privato della gioia di giocare gli incontri decisivi di fine stagione. Ma Manuel, con la grinta che lo contraddistingue è ora in quel di San Lucido dove, assieme all’amato mare che non vedeva da otto mesi, si allena quotidianamente per farsi trovare al meglio ad agosto per la ripresa dell’attività. Ormai l’infortunio è un brutto ricordo.
    La prima domanda è forse la più scontata. Cosa ti ha portato a firmare il rinnovo?
    “A Prata mi sono trovato veramente bene. Era la mia prima esperienza al nord e devo dire che sono rimasto colpito dalla serietà della società e da tutto il calore dei tifosi che mi hanno coccolato fin dall inizio e nei momenti più brutti della stagione. Ora tocca a me ripagarli”
    La scorsa stagione si è chiusa con rammarico, per l’uscita dai play off e, per te in particolare, per non aver potuto dare l’usuale contributo in campo a causa di un infortunio, avvenuto proprio nel momento topico della stagione. A Prata ancora tutti ricordano le tue lacrime nel post partita con Torino. Quelle lacrime sono un’ulteriore benzina per iniziare al meglio questa stagione? Quali sono i tuoi obiettivi personali?
    “La scorsa stagione si ê conclusa con molto rammarico. Il brutto infortunio nel momento top mi ha fatto stare molto male. Ho fatto di tutto per recuperare il prima possibile ma purtroppo non ci sono riuscito evedere le partite da bordo campo e non poter dare una mano ai miei compagni mi faceva soffrire ancor di più.”
    Come vedi la squadra che si sta costruendo? Quali pensi possa essere l’obiettivo di squadra di questa stagione?
    “Saremo un gruppo di giovani affamati, sono molto fiducioso. Io personalmente non vedo l’ora di cominciare. Il nostro obbiettivo deve essere quello di provare a vincerle tutte e puntare ai piani alti della classifica, sperando che riaprano i palazzetti perché l’ apporto del pubblico sarà fondamentale per noi”
    Cosa ti sei messo nel bagaglio dopo la prima stagione in gialloblù?
    “Credo di essere cresciuto molto grazie anche ai  consigli di Paolo Mattia, Dante e Luciano Sturam. Anche quest’anno sono in buone mani e sono sicuro che crescerò ancora di più”
    Vuoi dire qualcosa ai tifosi di Prata?
    “Io mi carico molto con il pubblico e non vedo l’ora di esultare su ogni punto con loro sperando che riaprano il PalaPrata. Voglio una vera e propria bolgia!” LEGGI TUTTO

  • in

    Ecosantagata Civita Castellana, la gara di andata della finale è di Marigliano

    Di Redazione Finisce 3-0 per i padroni di casa della Tya Marigliano la finale d’andata dei playoff promozione di serie B che vede protagonista l’Ecosantagata Civita Castellana. La squadra di coach Beltrame subisce il gioco e la forte tempra dei campani, incappando in una pesante battuta d’arresto. Ora per raggiungere la promozione in A3 servirà vincere per almeno 4-1 la gara di ritorno al Palasmargiassi. Trascinata dal calore del pubblico locale, la Tya inizia il primo set determinata e compatta, sfruttando un gioco al centro particolarmente efficace. L’Ecosantagata non è da meno, ma all’improvviso, dopo un’ingenuità in difesa, per i rossoblù si spegne la luce e il Marigliano dilaga. Da 14-14, il set si chiude 25-16 per i campani. Battaglia vera e fino alla fine solo nel secondo set, in cui Ecosantagata e Marigliano se la giocano punto a punto. Colpi pregevoli, tensione agonistica alle stelle e risultato che si decide solo ai vantaggi. I civitonici sembrano sul punto di riuscire ad avere la meglio, invece la Tya Marigliano trova lo scatto di reni che le permette di aggiudicarsi il set 29-27 e andare sul 2-0. Un colpo duro soprattutto per il morale dell’Ecosantagata, che nel terzo set torna in campo con meno mordente e non riesce a opporre una resistenza efficace al Marigliano. I padroni di casa chiudono sul 25-19 che decreta un pesantissimo 3-0 a loro favore. Ora l’Ecosantagata Civita Castellana deve giocarsi il tutto per tutto nella gara di ritorno, in programma sabato 19 giugno alle 17 al Palasmargiassi. I rossoblù hanno una strada obbligata da percorrere: vincere almeno 3-1 per portare la sfida al golden set e poi vincere anche il game di spareggio. Difficile, senza dubbio, ma non impossibile. TYA MARIGLIANO – ECOSANTAGATA CIVITA CASTELLANA 3-0 (25-16; 29-27; 25-19) (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    La Canottieri Ongina duella strenuamente ma cede a Garlasco al tie break

    Di Redazione Una prestazione di spessore per quanto riguarda il carattere e anche di qualità per ciò che concerne la pallavolo espressa. Una torta gustosa, dunque dove è mancata solo la proverbiale ciliegina: il risultato. Nella finale play off di serie B maschile, la Canottieri Ongina cede al tie break al Volley 2001 Garlasco al termine di un lunghissimo braccio di ferro risoltosi solamente nel finale. I conti si regoleranno nel ritorno in programma domenica 20 giugno alle 18,30 in terra pavese, dove la squadra di Mauro Bartolomeo dovrà vincere: 3-0 o e 3-1 per festeggiare subito, oppure 3-2 per poi andare a disputare il golden set. Fatta eccezione per il secondo set, la contesa è sempre rimasta in equilibrio tra due buone formazioni che sostanzialmente si sono equivalse, come confermano anche i dati statistici di squadra e come testimoniano anche i restanti parziali, tutti chiusi con il minimo scarto. Per i gialloneri piacentini, il rammarico risiede soprattutto nel tie break, dove un buon inizio poteva lasciar presagire l’”happy end”, arrivato invece per la formazione di Maranesi. LA PARTITA – La Canottieri Ongina scende in campo con la diagonale Scrollavezza-Miranda, con Caci-Amorico coppia di posto quattro, De Biasi e Fall al centro e Cereda libero. Garlasco risponde con Di Noia in palleggio, Beltrami opposto, Crusca e Miglietta in posto quattro, Coali e Mellano centrali e Taramelli libero. Due muri agevolano il buon inizio piacentino (7-4), con i pavesi che rispondono con la coppia di post oquattro (8-7). Fall rilancia Monticelli (10-7), ma Garlasco annulla il gap a quota undici con i muri di Miglietta e Coali. Caci allunga nuovamente (15-13), anche se la squadra di Maranesi trova la forza per pareggiare e sorpassare con Crusca: 16-17 e time out Bartolomeo. Il ping pong prosegue (19-18, 19-20), si arriva in volata dove decidono Miranda e due muri di Fall: 25-23. Dopo il cambio di campo, la squadra di Bartolomeo riparte con un break (5-3, muro di De Biasi), salvo poi pagare due imprecisioni e scivolare sotto (7-9). Garlasco avanza (8-11), capitan De Biasi suona la carica (muro dell’11-12), anche se Garlasco piazza un nuovo break: 15-12 con Miglietta e time out giallonero. Un’invasione aiuta gli ospiti (14-18), dentro Kolev per Scrollavezza, ma Miranda commette due errori (15-21, timeout Bartolomeo). L’opposto si riscatta con un ace (18-22), ma non basta: 19-25 e un set pari. Nel terzo set, la Canottieri Ongina riparte forte (5-2), convincendo Maranesi a fermare il gioco. La sosta è benefica per i pavesi, presi per mano da Coali: attacco e muro per l’immediata parità. Crusca brilla da posto quattro (7-9), ma i piacentini possono contare su capitan De Biasi: primo tempo di potenza e muro a uno per il 12-12. Dentro Morchio per Mellano al centro, ma Miglietta regala per il +1 locale (14-13). La lotta si fa serrata, Garlasco trova il break con il “solito” Coali (19-21, time out Bartolomeo), Monticelli reagisce (22-21), annulla un set ball con Amorico ma poi paga dazio con un errore finale in palleggio: 24-26. La quarta frazione vede i padroni di casa rimanere aggrappati alla partita, anche se Garlasco scappa con il muro di Morchio (7-10). Miranda tiene a galla la Canottieri Ongina (9-10), che poi va nuovamente sotto e infine rimonta, mettendo il naso davanti con l’ace di Scrollavezza (18-17). Time out Maranesi, con le due squadre che arrivano a braccetto a quota venti. Beltrami annulla un set ball locale, poi sul 24-24 decidono Miranda e un ace di Scrollavezza. Nel set corto, la Canottieri Ongina tenta due allunghi (5-3 e 7-5), ma Garlasco risponde sempre presente, salvo poi piazzare l’allungo che vale tre match ball (11-14). I monticellesi ne annullano due (13-14), ma Miglietta mette giù il pallone del 13-15. CANOTTIERI ONGINA-VOLLEY 2001 GARLASCO 2-3 (25-23, 19-25, 24-26, 26-24, 13-15) CANOTTIERI ONGINA:  Fall 12, Miranda 27, Amorico 10, De Biasi 9, Scrollavezza 7, Caci 9, Cereda (L), Perodi, Kolev, Msatfi. N.e.: Paratici, Rossi (L), Ousse, Bartoli. All.: Bartolomeo VOLLEY 2001 GARLASCO: Crusca 23, Mellano 3, Beltrami 14, Miglietta 13, Coali 14, Di Noia 1, Taramelli (L), Morchio 7, Testagrossa, Fracasso, Moro F. N.e.: Maranesi D., Moro D., Resegotti (L). All.: Maranesi M. ARBITRI: Paolicelli ed Erman (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Finale interregionale Under17, nella prima gara la Tonno Callipo cede con Catania

    Di Redazione La squadra di coach Agricola parte male (17-25) ma si riscatta prontamente nel secondo set (25-14). Nel terzo la spunta ai vantaggi il sestetto siciliano (26-28) abile poi a rimontare in un quarto set (23-25) in cui Vibo spreca gli iniziali vantaggi di 7-0 e 11-0. Domattina (ore 10) Callipo-Altamura; alle 16-30 Catania-Altamura. La Finale Interregionali Under 17 inizia con una prima gara al cardiopalma tra Tonno Callipo e Gupe Catania. Il match andato in scena ieri pomeriggio al PalaValentia di Vibo di fatto è stata una maratona interminabile di oltre due ore di gioco. Continui ribaltamenti di risultato, pathos intenso e squadre che non ci stanno a perdere. Alla fine la spuntano i siciliani che si impongono in quattro set. Parte meglio Catania che nel primo set si impone con 2-3 punti di vantaggio (12-14 e 15-18), fino a prendere il largo nella seconda parte del gioco nonostante i vibonesi Vizzari e Cortese cercassero di far rientrare la Callipo nel set. Invece Catania mantiene sempre un rassicurante vantaggio, ed un errore al servizio di Vibo (17-23) apriva le porte alla vittoria ai siciliani. Prima Romano e poi un’infrazione a rete del capitano vibonese Guarascio consentono agli ospiti di vincere 25-17. La Tonno Callipo però non si arrende, anzi risponde subito nel secondo set pareggiando i conti con grande autorevolezza e caparbietà. Dopo l’iniziale equilibrio (4-4), Vibo travolge i siciliani che non riescono a trovare varchi nell’attenta formazione di casa. I tonnetti giallorossi staccano vistosamente la Gupe, praticamente tramortita dalla voglia di riscatto della formazione di Agricola. Il pareggio è presto servito in un set tanto breve quanto ricco di attacchi imprendibili ad opera della Callipo che chiude 25-14 senza grosse difficoltà. Intenso ed emozionante il terzo parziale, con Vibo che passa a condurre spesso nella prima parte (9-7 e 15-10), anzi sembra mantenere un tranquillizzante vantaggio anche nel finale (19-14 e 21-16). Ecco invece riemergere Catania al contrario Vibo che nonostante avanti ancora 21-19, cala di intensità commettendo qualche errore di troppo in attacco. Così la squadra ospite di coach Petrone acquista fiducia e pareggia 23-23. Da qui in poi ritmo palpitante e carico di adrenalina. Catania conquista ben tre set-point, Vibo uno in meno. Proprio alla terza palla del set Catania si impone 28-26 grazie al primo tempo out di Mirarchi. Incredibile l’epilogo del quarto set. Con Catania avanti due set ad uno, Vibo parte lancia in resta alquanto determinata. Il 7-0 iniziale e poi l’11-0 da parte della Callipo raccontano della smisurata voglia di Guarascio e compagni di portare il match al tie break. E l’impresa giallorossa sembra più facile del previsto con quei vantaggi. Invece Catania gradualmente risale e nella seconda parte del gioco, con la formazione di Agricola forse già convinta di aver vinto, infila alcuni parziali vincenti che impauriscono i calabresi. Il vantaggio per i giallorossi, 16-10, 19-15, si assottiglia nel finale di set con Catania mai arrendevole e con un ace di Fisichella pareggia i conti sul 20-20. Vibo traballa, perde certezze in ricezione e subisce il break di Catania 22-20 ancora con un ace di Fisichella. Agricola chiama time out. Ed al rientro ecco il pareggio vibonese 22-22, e poi ancora 23-23. Nel finale Catania è più lucida e concreta: prima una veloce di Fassari e poi Guarascio e Mirarchi non riescono ad attaccare e così Catania si impone 25-23 vincendo la gara per 3-1. Oggi la Tonno Callipo scenderà in campo alle ore 10.00 contro Volley Altamura; poi alle 16.30 si giocherà Catania-Altamura.Sarà la giornata decisiva per agguantare le finali Nazionali. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Il PalaPanini riapre le sue porte in occasione dei quarti dell’Under 19

    Di Redazione Sarà una serata speciale quella di domani, lunedì prossimo 14 giugno, per il popolo gialloblù. Dopo otto mesi il PalaPanini riaprirà le porte al pubblico e lo farà in occasione della gara unica del quarto di finale regionale Under 19 che vedrà di fronte i gialli di mister Tomasini e la Gs Vigili del fuoco Marconi Reggio Emilia. I posti disponibili saranno 56 e l’accesso al PalaPanini sino ad esaurimento posti sarà consentito dalle 19,45 fino all’inizio della partita alle 20,15. Sarà necessario portare l’autocertificazione compilata che è possibile scaricare al link: https://www.modenavolley.it/assets/Uploads/MV-AutodichiarazioneSingoli3.pdf (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO