More stories

  • in

    C femminile, Homeclick SB Volley: i Play Off sono vicini

    Il traguardo playoff è vicino, ma non ancora raggiunto. Anche se manca poco: nello specifico, una vittoria “piena e paffuta”. Insomma, da tre punti. La Homeclick ha la possibilità di blindare la piazza d’onore, e la conseguente qualificazione alla fase decisiva di C femminile, già domani sera (sabato 20 aprile, ore 18.30), quando al De Mas arriveranno le vicentine del Thema Studio Torri per l’ultimo confronto casalingo della regular season: con il Gs Volpe a riposo, e sconfitto non più tardi di sabato scorso dallo Scorzè, un successo per 3-0 o 3-1 garantirebbe alle ragazze di Josh De Salvador la certezza di concludere il loro cammino alle spalle della capolista Asolo. 

    “Siamo lì – afferma proprio il tecnico della SB Volley –. Ma fino a quando non abbiamo la certezza matematica, è meglio non sbilanciarsi troppo. Ora ci aspetta una delle partite più delicate del campionato, perché subentrerà inevitabilmente un po’ di pressione. Gli ultimi impegni in calendario sono come gli otto chilometri finali della maratona: i più duri. Tenteremo di goderceli e di far sì che l’epilogo vada nel verso giusto”. 

    De Salvador ha una richiesta piuttosto particolare per le sue atlete: “Sì, ho chiesto alla squadra di mettersi in “modalità aereo”. Ovvero, di disconnettersi da ogni fattore esterno e pensare a condurre in porto un risultato che è importante e non così scontato. Perché Torri è una compagine giovane, ma molto ben strutturata. E la tensione potrebbe toglierci un pizzico di tranquillità. La “modalità aereo” serve a questo: a pensare a noi e a nessun altro. Come del resto abbiamo fatto per l’intero campionato“. 

    Finora, al De Mas, la Homeclick non ha concesso nemmeno le briciole alle avversarie: “All’inizio della stagione – riprende il coach – avevo dichiarato che questo palasport vantava una storia ben definita. E noi avremmo avuto la possibilità di scriverne un altro pezzettino. Ecco, nel nostro piccolo abbiamo scritto che da noi non si passa. E, col Torri, speriamo di mantenere la piacevole tradizione”. 

    Una lunga serie di “stop and go” ha scandito una stagione davvero anomala: “Non lo nascondo – ammette De Salvador – tutte queste pause sono state devastanti. Perché spezzano la concentrazione e vanno a incidere sull’aspetto fisico, oltre che tecnico. Società, staff e ragazze, però, hanno tenuto duro, specialmente in un periodo delicato come quello di fine gennaio. Ci siamo ripresi alla grande in occasione del match contro la capolista Asolo“. Un match vinto, anzi, dominato in tre parziali. E ora si aprono nuovi orizzonti.

    (fonte: Comunicato stampa)  LEGGI TUTTO

  • in

    Piacenza continua a lavorare per l’ambiente con il progetto E-Co2 Free Energy

    Prosegue il percorso di sostenibilità ambientale della Gas Sales Bluenergy Piacenza, che con il progetto E-CO2 Free Energy ha continuato anche nelle ultime stagioni a compensare le emissioni di anidride carbonica associate alle attività della squadra di Superlega e del settore giovanile. Avviato nel 2018, il progetto dal 2023 si avvale del supporto tecnico di AzzeroCO2, società di consulenza per la sostenibilità e l’energia fondata da Legambiente e Kyoto Club.

    Focalizzandosi sulla riduzione delle emissioni di gas serra, la società ha adottato misure efficaci come l’uso di auto elettriche, installazione di colonnine elettriche per la ricarica e l’introduzione di borracce in acciaio inox ricaricabili dagli erogatori Bluebox dislocati all’interno del palazzetto. Queste azioni sono integrate da investimenti significativi nel PalabancaSport per l’uso di energia da fonti rinnovabili e l’uso di gas la cui fase di combustione è stata compensata grazie al main sponsor Gas Sales Energia, inclusi l’installazione di nuovi corpi illuminanti a tecnologia LED e pompe di calore efficienti.

    Nello specifico, nel corso della stagione 2022-2023 la Gas Sales Bluenergy Piacenza ha compensato 508 tonnellate di Co2 acquistando corrispettivi crediti di carbonio, contribuendo così al sostegno di due progetti che producono energia idroelettrica in India. Queste iniziative rafforzano il contributo della società agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

    L’impegno verso la sostenibilità si estende anche al coinvolgimento del pubblico del PalabancaSport, con azioni di comunicazione e installazione di strumenti per promuovere un approccio più rispettoso dell’ambiente. La società emiliana può contare inoltre sul supporto di Banca di Piacenza, partner organizzativo e tra i primi gruppi bancari con fornitura luce 100% da fonti rinnovabili e la cui fase di combustione è stata interamente compensata, e Ponginibbi Group, che ha contribuito fornendo auto elettriche alla società.

    “Dal 2018 – racconta l’amministratore delegato Isabella Cocciolo – ogni anno cerchiamo di ridurre le nostre emissioni di anidride carbonica. Perché questa scelta? Essere una società sostenibile è sempre stato un obiettivo per noi fondamentale: nel mondo moderno, in cui l’attenzione all’ambiente è tra le priorità, non possiamo esimerci dall’operarci anche noi nel nostro piccolo. Il lavoro dietro alle quinte è impegnativo, in primis per calcolare i nostri consumi e successivamente per adoperarsi a fare scelte strategiche che ci consentono di migliorare stagione dopo stagione“.

    “Il nostro palazzetto fornito da Gas Sales, nostro main sponsor, è alimentato solo con energia CO2free – spiega Cocciolo – l’utilizzo della plastica è pressoché nullo, le nostre macchine sono elettriche e abbiamo anche intenzione di implementare nuove colonnine all’interno, abbattiamo i consumi delle trasferte in Italia e all’estero sia per la prima squadra che per il settore giovanile. Anche per la stagione 2022-2023, con sforzi economici e non, il traguardo è stato raggiunto ed ora stiamo lavorando per la stagione in corso. Per essere una società futuristica bisogna sempre guardare al futuro a 360 gradi, dentro e fuori dal campo“.

    Sandro Scollato, amministratore delegato di AzzeroCO2, aggiunge: “Per poter attuare una transizione ecologica davvero efficace nel mettere un freno ai cambiamenti climatici, ogni soggetto deve fare la propria parte. La nostra collaborazione con Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza ha potenziato un percorso che la società aveva già intrapreso, mirato a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Queste iniziative non solo riflettono la nostra visione di futuro, ma rafforzano anche il connubio tra lo sport e la protezione dell’ambiente. Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza si è fatta portavoce di questo messaggio, dimostrando che l’aspirazione a migliorare e l’azione concreta possono evolvere in perfetta sincronia, e che il tessuto imprenditoriale può effettivamente essere il motore di un cambiamento positivo e durevole“.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Brasile: Volei Renata in finale, Joinville e Sesi Bauru a Gara 3

    Il Volei Renata è la prima finalista scudetto della Superliga maschile brasiliana. In Gara 2 della semifinale playoff con il Vedacit Guarulhos la squadra di Campinas si impone per 3-0 (25-21, 25-22, 32-30) davanti al pubblico amico, faticando solo nel terzo set, in cui deve annullare una chance agli avversari prima di imporsi ai vantaggi: decisivo Adriano con 16 punti (64% in attacco, 50% in ricezione), in doppia cifra anche Bruno Lima, Mauricio Borges e Juninho. Per il Volei Renata si tratta della seconda finale della storia: la prima risale al 2016, quando comunque il club aveva un’altra denominazione (Kirin/Campinas).

    Per conoscere la seconda finalista bisognerà attendere fino a lunedì 22 aprile, quando si giocherà la decisiva Gara 3 tra Sesi Bauru e Joinville. La sorprendente matricola ha pareggiato i conti della serie vincendo in casa per 3-2 (19-25, 25-21, 16-25, 25-22, 21-19) una partita non adatta ai deboli di cuore, con tanto di doppio match point annullato alla squadra ospite: eroe della serata Honorato con 18 punti, il 64% in attacco e il 63% in ricezione, ma fondamentale anche l’ingresso dalla panchina dell’ex Santa Croce Guilherme Hage, con 13 punti in due set e mezzo. Al Sesi non sono bastati i “soliti” 39 punti del bomber Darlan (55% di efficacia, ma anche 7 errori e 5 murate subite).

    (fonte: Superliga CBV) LEGGI TUTTO

  • in

    Reggio, dentro o fuori: domenica la seconda gara di Coppa Italia

    Domenica si torna al Bigi per disputare Gara 2 degli ottavi di finale di Coppa Italia: il match contro la Consoli Sferc Brescia andrà in scena alle 18:00.

    Per acquistare i biglietti basterà andare sul sito www.liveticket.it/volleytricolore; si ricorda che valgono le stesse promozioni sui biglietti della Regular Season, gli abbonati dovranno comunque pagare il biglietto: i possessori dell’abbonamento intero, presentandolo in cassa, pagheranno 6€, mentre i possessori dell’abbonamento ridotto, presentandolo in cassa, pagheranno 4€.

    Ancora una domenica all’insegna dello sport al PalaBigi, che prima di ospitare l’importantissima partita di Coppa Italia, che per Reggio significa dentro o fuori, vedrà il derby Under13 Pieve Tricolore contro Under15 Pieve Tricolore alle ore 14:00, proprio sul taraflex.

    Se Reggio Emilia vorrà continuare nella serie dovrà per forza vincere per portare Brescia a Gara 3 e giocarsi il tutto per tutto al centro sportivo San Filippo; nel frattempo si è ufficializzato il tabellone dei quarti di finale: Cantù è avanti 1-0 nella serie contro Santa Croce, la vincente affronterà Grottazzolina, Prata di Pordenone arriva da un 3-0 con Aversa, chi vincerà delle due la serie si scontrerà con Ravenna, anche Cuneo ottiene un 3-0 contro Pineto e chi uscirà vincente sfiderà Porto Viro.

    Tommaso Zagni, secondo allenatore di Reggio Emilia, commenta il match alle porte: “Domenica cercheremo di dare il tutto per tutto davanti al nostro pubblico. I ragazzi anche questa settimana si sono impegnati nel lavoro quotidiano sia tattico che tecnico e siamo soddisfatti come staff, perché stanno dimostrando fino all’ultimo la loro serietà ed il loro attaccamento alla maglia”.

    “Dall’altra parte sappiamo bene che c’è una squadra preparata con valori tecnici alti e atleti di categoria superiore, ma noi cercheremo di fare una bella figura per i nostri tifosi, per gli sponsor, per la società e per noi stessi, dimostrando le nostre qualità; sappiamo bene che la palla è rotonda e quindi si vedrà domenica se riusciremo ad accaparrarci gara tre”.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    B1 femminile, Elettromeccanica Angelini attende la capolista Castelfranco: “Non facciamoci intimidire”

    Domenica 21 aprile al MiniPalazzetto andrà in scena la partita di cartello del girone D del campionato di serie B1: l’Elettromeccanica Angelini Cesena attende la capolista Castelfranco di Sotto, che a fine marzo ha trionfato nella finale di Coppa Italia.

    Cesena arriva dalla sconfitta contro Clementina e con 45 punti occupa la terza posizione, a -2 dalla seconda Jesi e a +3 dalla quarta Casal de’ Pazzi. Le toscane svettano con 54 punti, frutto di un campionato al vertice con una sola sconfitta, e arrivano dalla netta vittoria infrasettimanale contro VolleyRò. All’andata le bianconere subirono la supremazia delle avversarie: nella corsa ai play off, quello di domenica sarà un crocevia importante, visti e considerati anche gli incroci delle altre squadre coinvolte.

    “Immaginavamo – commenta Lucia Guardigli – che la trasferta in casa di Clementina sarebbe stata una gara difficile, al cospetto di una squadra attrezzata ed esperta. Abbiamo commesso troppi errori e non siamo riuscite ad essere efficaci come nelle ultime gare“.Guardigli, centrale di Faenza, è al secondo anno a Cesena ed è pronta ad affrontare l’esame Castelfranco: “Arriva la capolista e sarà una gara molto difficile: il suo valore è chiaro a tutti, ma noi non dobbiamo farci intimidire. Dovremo giocare con determinazione e pazienza. Il nostro obiettivo è quello di affrontare questo finale di campionato provando a toglierci altre grandi soddisfazioni. Dovremo dare tutto, contando sul supporto del nostro caloroso pubblico“.

    La classifica del girone D dopo il ventiduesimo turno (1a, 2a e 3a accedono ai Play Off Promozione; le ultime 4 retrocedono in B2): Castelfranco di Sotto 54; Jesi 47; Elettromeccanica Angelini Cesena 45; Casal de Pazzi 42; Castelbellino 36; Pomezia 29; Montespertoli 28; Pontedera 27; Firenze 25; Fonte Nuova 22; Trevi 19; Capannori 16; Figline 6.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Antonaci, muri di fiducia: «Ora concreti e consapevoli»

    Professione pallavolista? Ma anche, e soprattutto, “muratore”. In questi playoff, Piergiorgio Antonaci sta respingendo anche l’aria. E i suoi muri rappresentano uno dei segreti del tris di successi ottenuti nella post season dal Belluno Volley. Il centrale originario di Galatina, infatti, ha inchiodato nella metà campo avversaria dieci palloni nelle due sfide degli ottavi con la Negrini Cte Acqui Terme (sei in Piemonte e quattro alla Spes Arena). E altri due nel primo match dei quarti di finale, vinto per 3-1 dai rinoceronti contro l’OmiFer Palmi. 
    MATTONI – Il volley di oggi, però, non consente di godersi troppo a lungo numeri e statistiche. E allora, il ventinovenne passato per San Giustino è pronto a “riprendere i mattoni” e a edificare nuovi muri. Perché domenica 21 aprile (ore 18), in Calabria, è in programma gara 2: «Sarà un’altra battaglia pallavolistica – afferma “Pingu”, come viene simpaticamente soprannominato il numero 15 in maglia biancoblù -. Spinta dal proprio pubblico, l’OmiFer cercherà di aggiudicarsi il match casalingo. Ma noi dobbiamo entrare in campo con la necessaria concretezza. E consapevolezza nei nostri mezzi. Avremo di fronte una squadra che, al servizio, esprimerà la sua migliore versione: quindi è necessario dare il massimo». 
    VANTAGGIO – Il Belluno Volley parte col vantaggio acquisito in una gara 1 vinta in quattro parziali: «È stata una grande prova del collettivo. Abbiamo lottato con la mentalità giusta, provando a difendere su ogni pallone, rispettando il nostro sistema di gioco e adattandolo allo studio condotto sugli avversari. L’atteggiamento di domenica scorsa è quello che dobbiamo portare sempre sul parquet, da qui alla fine della stagione, per riuscire a esprimerci al meglio e concretizzare il lavoro settimanale, in palestra». 
    FATTORE CAMPO – I rinoceronti puntano ovviamente a chiudere la serie ma, in caso di sconfitta, hanno il paracadute di gara 3: «Il fattore campo è fondamentale – riprende il centrale pugliese -. In questo senso, abbiamo la fortuna di giocare l’eventuale “bella” davanti ai nostri tifosi. Anche se fortuna non è: abbiamo lavorato un anno per guadagnarci questo vantaggio. Tuttavia, pensiamo al match di Palmi: troveremo un ambiente “caldo”». 
    TRAGUARDI – Oltre alle qualità tecniche e alla personalità, Antonaci porta un’esperienza garantita dalle quattro stagioni e dai 102 incontri disputati in Serie A. E, sempre in A, è a 4 punti da quota 600: «In realtà non ero a conoscenza di questi traguardi. Fanno piacere, ma ora sono concentrato sui playoff. Voglio fare bene e andare il più lontano possibile: io, come tutti i miei compagni. Dove possiamo arrivare? Domenica a Palmi – sorride il centrale – poi si vedrà…». LEGGI TUTTO

  • in

    Belluno, Antonacci verso gara 2: “Vogliamo fare bene e andare il più lontano possibile”

    Professione pallavolista? Ma anche, e soprattutto, “muratore”. In questi playoff, Piergiorgio Antonaci sta respingendo anche l’aria. E i suoi muri rappresentano uno dei segreti del tris di successi ottenuti nella post season dal Belluno Volley. Il centrale originario di Galatina, infatti, ha inchiodato nella metà campo avversaria dieci palloni nelle due sfide degli ottavi con la Negrini Cte Acqui Terme (sei in Piemonte e quattro alla Spes Arena). E altri due nel primo match dei quarti di finale, vinto per 3-1 dai rinoceronti contro l’OmiFer Palmi. 

    Il volley di oggi, però, non consente di godersi troppo a lungo numeri e statistiche. E allora, il ventinovenne passato per San Giustino è pronto a “riprendere i mattoni” e a edificare nuovi muri. Perché domenica 21 aprile (ore 18), in Calabria, è in programma gara 2: “Sarà un’altra battaglia pallavolistica – afferma “Pingu”, come viene simpaticamente soprannominato il numero 15 in maglia biancoblù –. Spinta dal proprio pubblico, l’OmiFer cercherà di aggiudicarsi il match casalingo. Ma noi dobbiamo entrare in campo con la necessaria concretezza. E consapevolezza nei nostri mezzi. Avremo di fronte una squadra che, al servizio, esprimerà la sua migliore versione: quindi è necessario dare il massimo“. 

    Il Belluno Volley parte col vantaggio acquisito in una gara 1 vinta in quattro parziali: “È stata una grande prova del collettivo. Abbiamo lottato con la mentalità giusta, provando a difendere su ogni pallone, rispettando il nostro sistema di gioco e adattandolo allo studio condotto sugli avversari. L’atteggiamento di domenica scorsa è quello che dobbiamo portare sempre sul parquet, da qui alla fine della stagione, per riuscire a esprimerci al meglio e concretizzare il lavoro settimanale, in palestra“. 

    I rinoceronti puntano ovviamente a chiudere la serie ma, in caso di sconfitta, hanno il paracadute di gara 3: “Il fattore campo è fondamentale – riprende il centrale pugliese –. In questo senso, abbiamo la fortuna di giocare l’eventuale “bella” davanti ai nostri tifosi. Anche se fortuna non è: abbiamo lavorato un anno per guadagnarci questo vantaggio. Tuttavia, pensiamo al match di Palmi: troveremo un ambiente “caldo””. 

    Oltre alle qualità tecniche e alla personalità, Antonaci porta un’esperienza garantita dalle quattro stagioni e dai 102 incontri disputati in Serie A. E, sempre in A, è a 4 punti da quota 600: “In realtà non ero a conoscenza di questi traguardi. Fanno piacere, ma ora sono concentrato sui playoff. Voglio fare bene e andare il più lontano possibile: io, come tutti i miei compagni. Dove possiamo arrivare? Domenica a Palmi – sorride il centrale – poi si vedrà…“.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Decortes, Bulaich, Caruso e non solo: primi nomi per Macerata

    La CBF Balducci HR Macerata ha chiuso ieri ufficialmente la sua stagione, dopo l’eliminazione in semifinale dai Play Off Promozione, ma è già alacremente al lavoro per programmare la prossima. A partire dalla panchina: dopo il cambio in corsa di questo campionato, con il passaggio di Saja a Carancini, per il 2024-2025 si fa sempre più spesso il nome di Valerio Lionetti, ormai pronto al debutto da head coach in Serie A dopo sette stagioni da assistente di Daniele Santarelli a Conegliano.

    Sul fronte giocatrici, secondo Il Resto del Carlino Macerata, la società avrebbe già chiuso le trattative con l’opposta Clara Decortes, nelle ultime due stagioni a Mondovì, e con la centrale Sara Caruso, proveniente da Montecchio dopo l’esperienza in A1 a Cuneo. Tra gli obiettivi di mercato ci sarebbero anche due schiacciatrici: l’argentina Daniela Bulaich, ormai da tre anni in A2 con Catania, Olbia e Albese, e Valeria Battista, reduce da un ottimo campionato con Messina. Arrivi che comporterebbero la partenza di Alessia Bolzonetti, molto richiesta sia in A1 (Bergamo e Cuneo) sia nella categoria inferiore (Brescia).

    (fonte: Il Resto del Carlino Macerata) LEGGI TUTTO