More stories

  • in

    Australian Open, i risultati degli italiani: Berrettini, Sonego e Giorgi al 3° turno

    Pronostici rispettati nella terza giornata degli Australian Open. L’Italia manda al 3° turno Berrettini e Sonego nel tabellone maschile e Giorgi in quello femminile, dove perde invece Bronzetti e Trevisan. Giovedì tocca a Sinner, che affronta lo statunitense Johnson, n.104 del ranking, già battuto nelle due sfide precedenti. Tutto in diretta su Eurosport, canali 210 e 211 Sky. 
    Berrettini e Sonego al 3° turno: battuti Kozlov e Otte
    Soffre Matteo Berrettini, n.7 del ranking e del seeding, che sulla John Cain Arena batte in quattro set lo statunitense Stefan Kozlov, n.169 del ranking, in tabellone grazie ad una wild card. 6-1, 4-6, 6-4, 6-1 i parziali in poco più di due ore e mezza di gioco per l’azzurro, trascinato come al solito da un servizio che ha prodotto 21 aces. Nel 3° turno incrocerà lo spagnolo Carlos Alcaraz, n°31 del seeding, che ha vinto l’unico precedente a Vienna 2021. Vittoria in rimonta per Lorenzo Sonego, che si è liberato 2-6, 6-2, 6-3, 6-1 del tedesco Oscar Otte, n.96 ATP. Venerdì il torinese n°26 del ranking, mai così avanti a Melbourne, si giocherà un posto negli ottavi con il serbo Miomir Kecmanovic, n.77 del ranking. Quattro i precedenti, con Sonego che si è imposto negli ultimi tre. 
    Giorgi al 3° turno, eliminate Bronzetti e Trevisan
    Altra vittoria in due set per Camila Giorgi, al 3° turno grazie al successo sulla ceca Tereza Martincova 6-2 7-6 dopo un’ora e 37 minuti. Venerdì dall’altra parte della rete troverà l’australiana Ashleigh Barty. La numero 1 azzurra e la numero 1 WTA si erano già affrontate quattro anni fa, quando l’australiana s’impose in rimonta al terzo set. La Barty ha battuto con un doppio 6-1 in appena 52′ l’azzurra Lucia Bronzetti. Niente da fare sulla Rod Laver Arena nemmeno per Martina Trevisan, che ha ceduto 6-0, 6-3 con la spagnola Paula Badosa, n°6 del ranking. 

    Di seguito la cronaca e risultati della giornata: LEGGI TUTTO

  • in

    Australian Open, gli organizzatori: “Caso Djokovic fonte di distrazione per tutti”

    Gli organizzatori degli Open di Australia si sono detti “profondamente dispiaciuti” per l’impatto che il caso Djokovic ha avuto sul torneo e gli altri giocatori ammettendo che dalla vicenda “bisogna trarre un insegnamento”. “Come famiglia australiana del tennis, riconosciamo che gli eventi recenti sono stati una distrazione significativa per tutti e ci rammarichiamo profondamente per l’impatto che ciò ha avuto su tutti i giocatori”, ha dichiarato in un comunicato Tennis Australia. “Rispettiamo la decisione del Ministro e della Corte federale – si legge -. Ora concentriamoci sulle prossime settimane del torneo”. 

    Lacoste: “Vogliamo rivedere con Djokovic eventi in Australia”
    “Appena possibile, ci metteremo in contatto con Novak Djokovic per rivedere gli eventi che hanno accompagnato la sua presenza in Australia”. Lo scrive in una nota riportata dalla ‘CNN’ la Lacoste, primo sponsor di Novak Djokovic a intervenire sulla vicenda che ha portato l’espulsione del n°1 del mondo dall’Australia. Nessun commento invece dagli altri sponsor di Nole, che secondo Forbes ha incassato circa 30 milioni di dollari nel 2021 da accordi commerciali con le aziende.  LEGGI TUTTO

  • in

    Australian Open, i risultati di oggi: Medvedev e Murray al 2° turno

    Debutto agevole per Daniil Medvedev a Melbourne: il campione degli US Open si è liberato in tre set dello svizzero Laaksonen. Avanti Murray dopo una battaglia di quasi 4 ore con Basilashvili. Ritiro per Ruud, potenziale avversario di Sinner agli ottavi. Tra le donne successi per Muguruza, Halep e Swiatek, escono di scena Kvitova e Fernandez. Mercoledì sulla Rod Laver Arena tocca a Trevisan e Bronzetti
    I RISULTATI DEGLI ITALIANI LEGGI TUTTO

  • in

    Australian Open, i risultati degli italiani in diretta: Sinner al 2° turno, ora Musetti

    Mager eliminato al 1° turno: vince Rublev 6-3, 6-2, 6-2Non riesce l’impresa a Gianluca Mager, n.65 ATP, che è stato battuto nettamente al debutto dal russo Andrey Rublev, n.6 del ranking e 5 del seeding. Il 24enne moscovita, alla sesta partecipazione al Major aussie dove lo scorso anno ha raggiunto i quarti, si è imposto in un match senza storia con i parziali di 6-3, 6-2, 6-2 in meno di un’ora e mezzo di gioco. Era la terza presenza per il 26enne sanremese a Melbourne, la seconda nel tabellone principale, dove non ha mai superato un turno. LEGGI TUTTO

  • in

    Novak Djokovic, le news di oggi: il serbo torna a Belgrado. La capitale lo omaggia

    Novak Djokovic è su un aereo in direzione Belgrado: dopo aver lasciato Melbourne in seguito all’espulsione dall’Australia, il n°1 del mondo ha fatto scalo a Dubai per poi dirigersi verso casa. Scritta sulla Torre della capitale: “Nole, sei l’orgoglio della Serbia”
    LE TAPPE DELLA VICENDA – AUSTRALIAN OPEN, RISULTATI LIVE 

    Dopo la sosta all’aeroporto internazionale di Dubai, Novak Djokovic è salito su un aereo diretto a Belgrado. Il tennista numero 1 al mondo è stato fotografato mentre prendeva posto che lo porterà nella capitale serba.  La tappa di Dubai, con il volo proveniente da Melbourne, è stata solo un transito dopo che ieri Djokovic è stato espulso dall’Australia. Il tennista non ha rilasciato dichiarazioni alla stampa, ma ha posato per i selfie con altri passeggeri sbarcati con lui dal volo Emirates EK409 dopo un viaggio di 14 ore da Melbourne.

    Djokovic a Belgrado via Dubai
    Novak Djokovic era atterrato oggi a Dubai, dopo essere stato espulso dall’Australia a causa delle regole di vaccinazione contro il coronavirus. Il numero 1 del mondo di tennis ha lasciato l’aereo con due borse e una mascherina, dopo essere atterrato all’aeroporto internazionale emiratino alle 5:32 ora locale (le 2:32 in Italia). Djokovic avrebbe dovuto essere stamani il protagonista del match di apertura degli Australian Open, ma il serbo non vaccinato non difenderà il suo titolo dopo che la Corte federale australiana ha respinto la sua richiesta di appello contro la cancellazione del suo visto, portando alla sua espulsione dal Paese. Nole aveva lasciato ieri Melbourne con i suoi allenatori alle 22:51 ora locale (le 12:51 in Italia), senza far sapere quale fosse la sua destinazione finale. 

    Scritta su torre Belgrado: “Sei orgoglio della Serbia”
    “Nole, tu sei l’orgoglio della Serbia”. Questo il tributo che la Serbia, ha dato al tennista con una scritta che nella serata di domenica è stata mostrata insieme ai colori della bandiera serba in segno di appoggio a Novak Djokovic sulla Kula Beograd, la Torre alta 168 metri realizzata nel nuovo e moderno quartiere residenziale di “Belgrado sull’acqua”, lungo il fiume Sava. 

    La torre di Belgrado con la scritta per Djokovic – ©Getty

    TAG: LEGGI TUTTO

  • in

    Australian Open, i risultati di oggi. Nadal al 2° turno: “Djokovic? Giustizia ha parlato”

    Debutto sul velluto per Rafa Nadal agli Australian Open: il maiorchino si libera in tre set di Giron, a cui concede appena 7 giochi. Il maiorchino: “Djokovic? La giustizia ha parlato”. Avanti Zverev, Alcaraz e Shapovalov, esce di scena il britannico Norrie (12 del seeding), battuto nettamente dallo statunitense Korda. Donne: avanti Barty e Osaka, fuori Gauff
    I RISULTATI DEGLI ITALIANI

    Vince Rafa Nadal, unico campione dell’Australian Open (2009) rimasto in tabellone quest’anno dopo l’esclusione di Djokovic. Il primo passo verso quello che potrebbe diventare il ventunesimo major in carriera è piuttosto agevole. Il maiorchino, che ha ha appena conquistato l’89° titolo in carriera, ha sconfitto 6-1 6-4 6-2 il numero 66 del mondo Marcos Giron, che a Melbourne non ha mai passato un turno e in carriera non ha mai battuto un Top 5. Nadal ha completato il suo 70° successo all’Australian Open con 34 vincenti e potrebbe diventare il secondo uomo dopo Novak Djokovic a vincere ogni Slam almeno due volte, sfiderà al secondo turno il tedesco Yannick Hanfmann o Thanasi Kokkinakis. Avanti anche Zverev, Alcaraz, Shapovalov e Hurkacz, cade la prima testa di serie di rilievo: Cameron Norrie, 12 del seeding e campione a Indian Wells, sconfitto dallo statunitense Korda. 

    Nadal: “Djokovic? Giustizia ha parlato”
    Nadal è tornato a dire la sua sul caso Djokovic, spiegando che per Nole “la giustizia ha parlato”, ma non è l’unico da incolpare per il “casino” che ha oscurato gli Australian Open. “Quasi una settimana fa, quando ha vinto in prima istanza – ricorda Nadal – è stato in grado di riavere il visto e si stava allenando. Ho detto che la giustizia aveva parlato. Se la giustizia dice che il suo visto è valido e può giocare qui, la giustizia ha parlato, quindi è la cosa più giusta, che si meriti di giocare qui. Ieri la giustizia ha detto un’altra cosa. Non sarò mai contrario a ciò che dice la giustizia”.  LEGGI TUTTO

  • in

    Australian Open, risultati degli italiani: Berrettini e Sonego al 2° turno, Fognini out

    Prima giornata con bilancio positivo per gli italiani nel day-1 degli Australian Open, Slam che apre il 2022. Volano al 2° turno in campo maschile sia Berrettini che Sonego, mentre le donne calano il tris: avanti Giorgi, Bronzetti e Trevisan. Martedì il debutto di altri sei azzurri, tra cui uno degli uomini più attesi, Jannik Sinner.

    Berrettini e Sonego al 2° turno, fuori Fognini e Caruso
    Buona la prima per Matteo Berrettini.. Ha dovuto lottare non poco il 25enne romano, n.7 del ranking e del seeding, che ha sconfitto 4-6, 6-2, 7-6, 6-3, dopo una battaglia di tre ore e dieci minuti, lo statunitense Brandon Nakashima, 20enne californiano di San Diego, n.68 ATP. Per Berrettini anche problemi di stomaco, tanto da scrivere sulla telecamera a fine partita: “Imodium, grazie”.  L’azzurro affronterà lo statunitense Stefan Kozlov, n.169 del ranking, in tabellone grazie ad una wild card: tra i due non ci sono precedenti. Bene anche Lorenzo Sonego, che batte Sam Querrey 7-5, 6-3, 6-3 e bissa il successo contro l’americano di dodici mesi fa, sempre a Melbourne e sempre al 1° turno. Per la testa di serie n°25 ora uno tra Otte e Tseng. Escono di scena invece Fognini (6-1, 6-4, 6-4 con l’olandese Griekspoor, 62 del ranking) e il lucky loser Caruso, che aveva preso il posto di Djokovic ed è stato battuto 6-4, 6-2, 6-1 dal serbo Kecmanovic (77 ATP). 

    Tris di azzurre al 2° turno: avanti Giorgi, Bronzetti e Trevisan
    Esordio vincente per tre italiane a Melbourne. Al rientro nel tour dopo oltre tre mesi, Camila Giorgi lascia appena quattro giochi alla russa Potapova. L’azzurra, arrivata a Melbourne solo un paio di giorni fa dopo essere guarita dal Covid-19, non disputava una partita dal 23 ottobre scorso: sfiderà ora la ceca Tereza Martincova. Impresa di Lucia Bronzetti, promossa dalle qualificazioni e per la prima volta in gara nel main draw di uno Slam. La 23enne di Villa Verucchio, n.142 WTA (best ranking proprio questa settimana), ha battuto in rimonta 3-6, 6-2, 6-3, in un’ora e 49 minuti di gioco, la russa Varvara Gracheva, n.78 del ranking, centrando la sua prima vittoria in uno Slam. Per lei secondo turno contro la beniamina di casa e regina del tennis mondiale Asheleigh Barty. Bene anche Martina Trevisan, n.111 WTA, che ha battuto nettamente 6-2, 6-3 la lucky loser giapponese Nao Hibino: affronterà una tra Badosa e Tomljanovic. Fuori invece Jasmine Paolini, n.52 WTA, che ha ceduto 6-1, 6-3 alla romena Elena-Gabriela Ruse, n.72 del ranking.  LEGGI TUTTO