More stories

  • in

    La prima uscita di questa Pre-Season va alla SIECO. Fano (A3) battuta al Tie-Break

    Sabato 19 settembre ha visto l’esordio in campo, seppur in allenamento congiunto della nuova Sieco Service Impavida Ortona. Gli impavidi hanno incontrato la Vigilar Fano (Serie A3 CredemBanca) sul campo neutro di San Benedetto Del Tronto.

    Si scaldano i motori, ancora un po’ imballati dai carichi di lavoro quando si è in pratica a metà strada tra l’inizio degli allenamenti e la prima di campionato. La SIECO parte forte con quello che dovrebbe essere il sestetto base: Pedron in regia e Cantagalli opposto, Capitan Simoni e Menicali al centro, Marinelli e Shavrak schiacciatori con Toscani nel ruolo di libero.

    Sebbene si tratti soltanto di un allenamento congiunto i ritmi sono già alti e la SIECO deve lottare duro per avere la meglio dei propri avversari. Gli abruzzesi vanno in vantaggio per due set a zero e i parziali alti (25-22 / 25-20) dimostra tutto l’agonismo messo in campo dalle due formazioni.

    È la volta di cercare nuove soluzioni e tra gli impavidi trovano spazio Dario Carelli e Felice Sette, rispettivamente per Cantagalli e Shavrak. Gireranno molto, invece, i tre centrali così anche Fabi entra nei meccanismi di gioco.

    La stanchezza comincia a farsi sentire dalla sponda ortonese del gioco, così la SIECO cala di intensità, a differenza dei colleghi fanesi, che continuano a macinare gioco. La Vigilar prende in mano il pallino del gioco dopo averla spuntata al fotofinish nel terzo set, che termina 23-25. Il quarto è solo una formalità per i marchigiani che vincono per 16-25 con una Sieco che tira il fiato.

    Al rientro per il tie-break torna in campo anche la Sieco che sembra non aver difficoltà a portare a casa il risultato. I ragazzi di Fano però non sono proprio d’accordo e riescono a rosicchiare punti su punti nell’ultimissima parte di gara, recuperando uno svantaggio che sul 12-9 per gli ortonesi, sembrava ormai fatale. Set ed incontro andranno invece per le lunghe e i ragazzi di coach Lanci dovranno sudare fino al 16-14 per aggiudicarsi la prima uscita di questa pre-season.

    «Come tutte le gare di pre-campionato è stata una gara strana.» Sostiene Coach Nunzio Lanci. «La fase attuale della preparazione atletica ci porta a pagare alla lunga perdendo di brillantezza. Questi sono giorni importanti, oltre che per migliorare la condizione atletica, anche per trovare le meccaniche e le intese di gioco»

    Sieco Impavida Ortona – Vigilar Fano 3-2 (25-22 / 25-20 / 23-25 / 16-25 / 16-14). Allenamento congiunto sul campo neutro di San Benedetto Del Tronto.
     
    Sieco Ortona: Fabi 4, Simoni 5, Pesare (L), Rovetto, Pedron 4, Toscani (L), Del Frà, Cantagalli 8, Shavrak 4, Carelli 6, Marinelli 8, Sette 12, Menicali 8.

    Vigilar Fano: Silvestrelli 11, Cecato 1, Tallone 12, Lucconi 12, Roberti 11, Bertolucci 9, Ferraro 4, Durazzi 3, Cesarini (L), Ulisse, Mazzanti 5, Ruiz.

    Errori al Servizio: Ortona 24, Fano 24.
    Aces: Ortona 2, Fano 9.
    Muri punto: Ortona 7, Fano 8.
    Durata Incontro: 1h 37. (22’, 22’, 20’, 17, 16). LEGGI TUTTO

  • in

    Amichevoli: A2/A3. Santa Croce vince il derby di Siena. Ortona ok. Doppio 2-2 a Taranto e Cantù

    MODENA – Amichevoli di A2/A3 Credem Banca.

    Prisma Taranto – Rinascita Lagonegro 2-2 (25-13, 24-26, 25-23, 17-25)Prisma Taranto: Fiore 8, Coscione 3, Alletti 11, Cottarelli 2, Presta 11, Padura Diaz 15, Di Felice ne, Goi 0, Persoglia 6, Hoffer 0, Cascio 2, Di Martino 5. All. Di PintoRinascita Lagonegro: Mazzone 12, Spadavecchia 5, Fabroni 0, Battaglia 2, Marretta 13, Santucci 0, Maccarone 7, Russo 0, Molinari 1, Tiurin 14, Scuffia 5, Bellucci 0, Armenante 0.NOTE: Allenamento congiunto disputato a porte chiuse.

    Emma Villas Aubay Siena – Kemas Lamipel Santa Croce 2-3 (25-17; 18-25; 21-25; 22-25; 25-18).Emma Villas Aubay Siena: Zamagni 6, Panciocco 3, Crivellari (L), Salsi 1, Yudin 14, Fusco (L), Fantauzzo 2, Barone 9, Della Lunga 10, Ciulli, Romanò 25, Truocchio 5. Coach: Alessandro Spanakis. Assistente: Omar Pelillo.Kemas Lamipel Santa Croce: Copelli 9, Sorgente (L), Sposato (L), Mannucci 1, Wallyson Sousa 15, Colli 12, Di Marco, Acquarone, Di Silvestre 12, Caproni 4, Andreini, Turri Prosperi 8, Cappelletti 1, Robbiati 9. Coach: Paolo Montagnani. Vice: Alessandro Pagliai.NOTE. Ace: Siena 7, Santa Croce 9. Errori in battuta: Siena 20, Santa Croce 19. Muri punto: Siena 5, Santa Croce 6.

    Pool Libertas Cantù – Conad Reggio Emilia 2-2 (25-15, 24-26, 25-23, 21-25)

    Sieco Impavida Ortona – Vigilar Fano 3-2 (25-22, 25-20, 23-25, 16-25, 16-14)Sieco Ortona: Fabi 4, Simoni 5, Pesare (L), Rovetto, Pedron 4, Toscani (L), Del Frà, Cantagalli 8, Shavrak 4, Carelli 6, Marinelli 8, Sette 12, Menicali 8.Vigilar Fano: Silvestrelli 11, Cecato 1, Tallone 12, Lucconi 12, Roberti 11, Bertolucci 9, Ferraro 4, Durazzi 3, Cesarini (L), Ulisse, Mazzanti 5, Ruiz.Errori al Servizio: Ortona 24, Fano 24. Aces: Ortona 2, Fano 9. Muri punto: Ortona 7, Fano 8. Durata Incontro: 1h 37. (22’, 22’, 20’, 17, 16). LEGGI TUTTO

  • in

    A1 F.: Monza fa la voce grossa. 3-1 su Busto Arsizio ancora senza Poulter

    La Saugella Monza festeggia il successo della 1. giornata

    SAUGELLA MONZA – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 3-1 (25-13 25-22 21-25 25-22)SAUGELLA MONZA: Van Hecke 20, Orthmann 17, Heyrman 17, Orro 3, Meijners 10, Danesi 9, Parrocchiale (L), Squarcini, Begic, Davyskiba. Non entrate: Negretti, Carraro, Obossa. All. Gaspari.UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Piccinini 1, Olivotto 1, Mingardi 23, Gennari 16, Stevanovic 9, Bonelli 1, Leonardi (L), Gray 5, Herrera Blanco. Non entrate: Cucco, Bulovic, Poulter, Escamilla. All. Fenoglio.ARBITRI: Bassan, Piperata.NOTE – Durata set: 21′, 28′, 33′, 29′; Tot: 111′.

    MONZA – Vittoria piena per la Saugella Monza di coach Gaspari nel primo anticipo televisivo di A1 femminile. La formazione brianzola ha saputo sfruttare al meglio l’assenza della regista statunitense Jordyn Poulter e saputo assorbire al meglio i 23 punti della top scorer della gara Mingardi, opposta delle bustocche, grazie alla prolificità di Van Hecke (20), Orthmann e Heyrman (entrambe 17).

    L’ANALISI – Subito bottino pieno per la Saugella Monza nella Serie A1 femminile 2020-2021. Le monzesi battono 3-1 la Unet E-Work Busto Arsizio sul mondoflex di casa dell’Arena di Monza, nella prima giornata di andata della stagione regolare, grazie ad una bella prova corale di squadra. Le ragazze di Gaspari inaugurano il campionato con una performance a tratti incontenibile, schiacciando subito sull’acceleratore con le bordate di Heyrman e Meijners, ben imbeccate da Orro, ed i muroni della rientrante Danesi (4 personali per l’azzurra). Sul 2-0 nel conteggio dei set sembra che il match sia quasi chiuso, ed invece Busto Arsizio rientra con generosità e grinta, nonostante la pesante assenza in regia di Poulter. Le fiammate di Mingardi e Gennari riportano in gara le ospiti che, dopo essersi aggiudicate il gioco, approcciano con lucidità anche il quarto. Dopo l’infinito equilibrio è però la Saugella Monza a fare la voce grossa, con degli ottimi turni al servizio e le giocate offensive di Orthmann e Van Hecke (MVP finale). 

    HANNO DETTO

    Lise Van Hecke (Monza): “Nel primo set siamo partite alla grande, calando poi nel terzo complice qualche errore. Nel quarto set siamo tornate ad esprimere il nostro gioco, difendendo molto e questa è stata la cosa importante che ha fatto la differenza. Siamo molto contente della prova e del risultato. Il nostro è un bel gruppo: andiamo tutte d’accordo e questo lo si vede anche in campo. E’ la prima gara e c’è tanto da lavorare, ma iniziare con i tre punti è un segnale positivo”.Marco Gaspari (allenatore Monza): “Stasera non era semplice. Complimenti alle ragazze che hanno giocato una partita vera dopo tanto tempo con un avversario tosto. A loro mancava Poulter ma Bonelli non ha demeritato. Ottima la fase cambio palla, molto incisiva. Sono molto orgoglioso: è stato importante partire col piede giusto”. 
    Alessia Gennari (Busto Arsizio): “Abbiamo avuto un approccio alla gara non buono, non siamo quelle dei primi due set. Non c’eravamo, eravamo disorientate e dobbiamo capire il perchè. Ci siamo riprese, ma brave loro: hanno forzato sempre la battuta, sbagliando poco. Volevamo fare punti qui, dobbiamo recuperare qualche situazione fisica ancora precaria”.

    Marco Fenoglio (allenatore Busto Arsizio): “Abbiamo fatto quello che possiamo in questo momento: va detto chiaramente che Monza ora è più forte di noi e questa sera ci ha surclassato, è una squadra costruita come Conegliano, Novara e Scandicci per arrivare in altissimo. Noi male i primi due, poi siamo tornati in partita e anche nel quarto eravamo avanti: contro queste formazioni però non basta stare sopra di due punti, bisogna continuare a spingere e anche loro in questi frangenti ne hanno di più in questo momento. Ho provato a partire con Piccinini e Gennari in linea di ricezione per favorire Bonelli al palleggio, ma non siamo riusciti a giocare al centro. Il nostro terminale oggi è Mingardi, ma in uno sport di squadra non può essere uno contro sei. L’assenza di Poulter, la scarsa condizione fisica di Gray e l’acciacco di Gennari non hanno poi aiutato. Credo che dopo la gara con Conegliano, ritrovata la squadra al completo, potrà iniziare veramente il nostro campionato”. LEGGI TUTTO

  • in

    A1 F.: Perugia stecca la prima in casa. 3-0 Chieri

    BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – REALE MUTUA FENERA CHIERI 0-3 (22-25 18-25 20-25)BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Mlinar 9, Koolhaas 2, Ortolani 6, Angeloni 9, Aelbrecht 4, Di Iulio 2, Rumori (L), Casillo 4, Havelkova 4, Agrifoglio 2, Cecchetto (L). Non entrate: Scarabottini, Carcaces. All. Bovari.REALE MUTUA FENERA CHIERI: Villani 16, Mazzaro 6, Grobelna 12, Perinelli 8, Zambelli 7, Bosio 3, De Bortoli (L), Frantti 3, Laak 1, Alhassan, Mayer. Non entrate: Gibertini, Meijers, Marengo. All. Bregoli.ARBITRI: Verrascina, Grassia.NOTE – Durata set: 25′, 24′, 24′; Tot: 73′.

    PERUGIA – Chieri vince a Perugia il primo anticipo della 1. giornata di A1 femminile. Spiccano i 16 punti di Villani e i 12 di Grobelna per Chieri. Nessuna giocatrice in doppia cifra per le umbre.   

    LA PARTITA  

    Nel primo set Chieri scappa avanti, ma Perugia non molla e si riporta a -2 sul 10-12 grazie al muro. La Fenera riallunga sul 11-16 con due punti consecutivi di Perinelli e mantiene il vantaggio sul 15-22 sfruttando gli errori delle “magliette nere”. La Bartoccini Fortinfissi ha un sussulto sul turno di battuta di Mlinar e con Ortolani risale fino al 21-24 costringendo coach Bregoli a chiamare timeout. Al rientro in campo ancora Mlinar riaccende le speranze umbre, poi il servizio lungo di Casillo consegna il set sul 22-25 alla Reale Mutua. Grobelna e Villani danno il doppio vantaggio alle piemontesi in avvio di secondo set, Casillo accorcia, ma le ospiti continuano a comandare e sul 6-11 Bovari ferma il gioco. La Bartoccini Fortinfissi risale sul 10-14 con Mlinar, Angeloni e uno errore delle avversarie. La mira errata della schiacciatrice croata di Perugia e Perinelli danno l’allungo a Chieri: 11-17. Le piemontesi sono padrone del campo e per Villani è facile siglare il punto del 13-20. Le ragazze di casa accorciano con il turno di battuta di Agrifoglio che mette in difficoltà la Fenera, che comunque riesce a scattare sul 16-22. Nuovo time out per Bovari, ma alla ripresa del gioco è ancora Villani con due punti di fila a regalare otto set point alle ospiti. Perugia annulla i primi due, ma un mani e fuori del muro dà la seconda frazione sul 18-25 a Chieri. Il primo punto di Perugia nel terzo set è opera di Havelkova, poi il muro delle umbre fissa il punteggio sul 7 a 7. Le ragazze di casa sono in partita e con Aelbrecht e la schiacciatrice ceca vanno sul 10-9. Agrifoglio vince una contesa a rete e ferma il tentativo di allungo di Chieri che comunque riesce a portarsi sul 12-15 con due muri consecutivi. Bovari prova a cambiare: dentro Ortolani per Mlinar, ma Villani non lascia scampo alla Bartoccini Fortinfissi che si rifugia nel time out sul 12-16. Si torna in campo e il primo tempo di Mazzaro porta la Reale Mutua sul 12-17. Le ospiti hanno il controllo del gioco, la nuova entrata Franti realizza il 14-21 che costringe Bovari a fermare il gioco. Aelbrecht interrompe il parziale di Chieri, ma Perugia continua a fare troppa fatica per mettere a terra il pallone. La Bartoccini risale sul 18-23 con Casillo e un errore di Franti e sul 20-24 con Angeloni: questa volta è Bregoli a voler parlare alle sue ragazze. Alla ripresa delle ostilità Grobelna chiude il set, 20-25, e la partita. 

     La schiacciatrice ceca della Bartoccini Fortinfissi Perugia, Helena Havelkova, commenta la sconfitta: “C’è tanto da lavorare, Chieri ha giocato molto bene. È una formazione senza grandi nomi, ma gioca bene di squadra e copre bene il campo; mentre noi siamo state troppo tese e impazienti. Loro sono state brave a portarsi avanti con alcuni break che noi non siamo riuscite a recuperare. Ci vuole pazienza: siamo una squadra completamente nuova, oggi ci mancava il libero, avevamo alcuni problemini in mezzo, ma abbiamo bisogno di giocare e basta”.
    Alessia Mazzaro, centrale della Reale Mutua Fenera Chieri, ha festeggiato nel migliore dei modi il 22° compleanno: “Sono contentissima per il debutto con una vittoria in trasferta: ringrazio le mie compagne per il regalo di compleanno. Abbiamo giocato bene, ma possiamo dare anche di più, adesso abbiamo due settimane per lavorare dato che la seconda giornata di campionato riposiamo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Lombardia e Veneto aprono le porte: fino a 700 spettatori nei palazzetti

    Di Redazione
    Anche Lombardia e Veneto, sulla scia dei provvedimenti adottati da altre regioni, consentono l’accesso del pubblico alle competizioni sportive, sia pure in misura limitata. Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha firmato oggi l’ordinanza che apre al pubblico gli impianti sportivi, fino a un massimo di 1.000 spettatori per le manifestazioni all’aperto e 700 spettatori per quelle al chiuso. Il provvedimento è in vigore da oggi, sabato 19 settembre, e quindi già da domani le squadre di volley lombarde potranno aprire le rispettive gare agli spettatori.
    L’ordinanza, infatti, è valida anche per gli eventi “riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive Federazioni“, quindi si applicherà anche ai campionati nazionali. Il pubblico potrà accedere soltanto “limitatamente a quei settori nei quali sia possibile assicurare posti a sedere da assegnare ai singoli spettatori per l’intera durata dell’evento“. Nell’ordinanza si confermano anche le altre misure di sicurezza previste per gli eventi, dall’utilizzo della mascherina (che dovrà essere indossata anche all’aperto) al distanziamento interpersonale. Non sarà consentita l’apertura di bar e punti di ristoro.
    Regole molto simili anche per il Veneto, dove però la mascherina sarà obbligatoria solo al chiuso. L’ordinanza emessa dal governatore Luca Zaia è valida fino al 3 ottobre, mentre quella della Lombardia sarà in vigore fino al 15 ottobre.
    (fonte: Ansa.it) LEGGI TUTTO

  • in

    Due set a testa e tante indicazioni

    Allenamento congiunto: Prisma Taranto-Rinascita Lagonegro 2-2 (25-13, 24-26, 25-23, 17-25)
    Primo allenamento congiunto per la Rinascita Lagonegro che è ospite della Prisma Taranto. Quattro set giocati con mister D’Amico che sceglie di schierare inizialmente  Fabroni-Tiurin, Marretta e Mazzone in banda, Maccarone e Spadavecchia centrali, Santucci libero. Dall’altra parte mister Di Pinto risponde con una diagonale Coscione palleggiatore e Padura Diaz opposto, Fiore e Alletti schiacciatori; Di Martino-Presta centrali, Goi Libero.
    Primo set ad appannaggio dei padroni di casa che si impongono sulla formazione lucana che non entra subito in gara. Cancellata la falsa partenza ,il secondo inizia molto più equilibrato rispetto al precedente con i lagonegresi che riesco a fare il loro gioco e a costruire azioni importanti. Ottima la prova di  Marretta e di Tiurin, ma migliora anche il muro e la difesa della Rinascita. D’amico fa ruotare i suoi e si vedono anche  il palleggiatore Bellucci al servizio e Molinari al centro.Il set procede punto a punto nel finale e si chiude con il vantaggio della Rinascita.
    Terzo set continua sulla scia del secondo con le due squadre sempre molto vicine  . Mazzone , Tiurin e il solito Marretta si fanno sentire e il primo allungo è di Lagonegro sul 13-15. Poi i due tecnici chiamano il tempo : prima Mister Di Pinto e poi D’Amico sul 19-18 ma è ancora parità nel finale di set. Punto a punto fino al 24-23 e poi l’ultimo muro è di Taranto che si aggiudica il set.
    Quarto set sono ancora buone le indicazioni per il tecnico lucano che arrivano dalla campo: si vede l’altra diagonale biancorossa con l’opposto Scuffia e il palleggiatore Bellucci, al centro Molinari rileva Spadavecchia , il libero Russo al posto di Santucci. Lagonegro in vantaggio nel finale sul 15-19: entrano anche Armenante e Battaglia per Mazzone e Marretta e Lagonegro continua a mantenere la distanza fino alla fine. Dall’altra parte Cottarelli entra al posto di Coscione, Cascio al posto di Fiore ed infine Goi e Hoffer si alternano in posizione di libero . Il set si chiude con la vittoria nel parziale da parte della Rinascita e mister D’Amico si dice soddisfatto dei suoi “tranne per il primo set”,  “per gli altri è stata una partita maschia e abbiamo prodotto del gioco interessante- spiega il tecnico lucano-:  la squadra si è difesa  e ha contrattaccato.Siamo partiti molto contratti, anche per merito della formazione avversaria che ha trovato dei turni di battuta interessanti- spiega mister D’Amico- e così con il break che aveva preso Taranto era difficile entrare in partita. Negli altri set siamo venuti fuori e soprattutto si è visto il lavoro fatto in queste settimane : abbiamo cominciato ad avere informazioni e dati utili. Ci portiamo un pò di ansie per il primo set,  ma sicuramente delle note interessanti per gli altri tre”,conclude D’Amico che darà per ora due giorni di riposo ai suoi per riprendere poi ad allenarsi a Sapri martedì prossima e giocare nuovamente in un allenamento congiunto mercoledì prossima a Castellana Grotte. LEGGI TUTTO

  • in

    A2 F.: Anticipo, Vallefoglia corsara a Soverato

    VOLLEY SOVERATO – MEGABOX VALLEFOGLIA 1-3 (25-20 19-25 12-25 20-25)VOLLEY SOVERATO: Mason 12, Riparbelli 7, Bianchini 11, Lotti 10, Meli 7, Bortoli 2, Barbagallo (L), Piacentini 3, Ferrario, Nardelli, Salimbeni. Non entrate: Cipriani. All. Napolitano.MEGABOX VALLEFOGLIA: Pamio 23, Kramer 6, Balboni 5, Bacchi 20, Bertaiola 3, Saccomani 1, Bresciani (L), Costagli 10, Colzi 4. Non entrate: Stafoggia, Ricci, Durante. All. Bonafede.ARBITRI: Scarfo’, Stancati.NOTE – Durata set: 25′, 25′, 20′, 27′; Tot: 97′.

    MODENA – Anticipo di A2 femminile della 1a giornata di andata, Girone Est.

    Comincia con un prezioso successo in trasferta il campionato della Megabox Vallefoglia, vincitrice in quattro set sul campo dell’esperta Volley Soverato. La squadra di Fabio Bonafede ha offerto una ottima prova collettiva, reagendo ad un inizio non facile e portando a casa con pieno merito i primi tre punti della stagione.

    Il primo parziale ha visto Soverato condurre sin dall’inizio: Mason allungava sul 9-6, Bacchi sciupava la palla del pari a quota 10 e poi un muro su Saccomani riportava a +3 le padrone di casa. Il timeout di Bonafede riportava a contatto le biancoverdi (14-15 con Pamio), m poi Soverato riallungava. Entrava Costagli per Saccomani, uno scambio prolungato finiva a favore delle padrone di casa, che chiudevano il set col massimo vantaggio (25-20).Il secondo set vedeva le tigri biancoverdi partire meglio e guadagnare ino a tre lunghezze di vantaggio sul 9-6. Soverato però sioorpassava quasi subito (11-10) e con Meli guafìdagnava il + 3 (14-11). Entrava Colzi per Bertaiola, Pamio scaldava il braccio e sul suo turno di battuta, sul 16-15, spaccava il set in due: tre ace diretti e ricezione avversaria in difficoltà, per un 8-0 che praticamente consegnava il parziale alle ragazze di Bonafede (25-19).Il terzo set era un monologo delle biancoverdi, che partivano subito forte: primo timeout di Soverato sul 7-3, secondo sull’8-15. Costagli firmava il 19-10, Il quinto e sesto ace di Pamio siglavano lo strappo finale (25-12).Nel quarto parziale Vallefoglia provava a scappare via subito, ma sul 6-9 la reazione di orgoglio delle ragazze di coach Napolitano produceva un 8-1 che scacciava la Megabox a -4 (16-12) e costringeva Bonafede al timeout. Un muro su Kramer salvava il + 2 (18-16), ma era l’ultimo guizzo: salivano in cattedra Bacchi e Costagli, che strappavano set e partita sul 25-19.

    Così l’allenatore della Megabox Fabio Bonafede: “Questi sono campi difficili, in avvio eravamo un po’ contratte e facevamo fatica a mettere palla a terra. Nel secondo set abbiamo messo in campo un’altra pallavolo, poi il turno di battuta di Pamio ha girato il set. Da partite del genere ne esci come squadra, e così è stato per noi: ognuna ha portato il suo contributo per la vittoria finale, tutte hanno dimostrato grande pazienza e lucidità, lavorando bene a muro e in difesa e via via trovando le linee di attacco che avevamo preparato in settimana”.
    SERIE A2 FEMMINILEPROGRAMMA DELLA 1. GIORNATAGIRONE ESTSabato 19 settembreVolley Soverato-Megabox Vallefoglia 1-3 (25-20, 19-25, 12-25, 20-25)

    Domenica 20 settembre, ore 17.00Sorelle Ramonda Ipag Montecchio – Cuore di Mamma Cutrofiano  ARBITRI: Licchelli-Serafin
    CDA Talmassons – Omag S.G. Marignano  ARBITRI: Sabia-Traversa
    CBF Balducci HR Macerata – Itas Città Fiera Martignacco  ARBITRI: Dell’Orso-SomansinoRiposa: Olimpia Teodora Ravenna GIRONE OVESTDomenica 20 settembre, ore 15.15Geovillage Hermaea Olbia – Sigel Marsala  ARBITRI: Nava-Marconi
    Domenica 20 settembre, ore 17.00Barricalla CUS Torino – LPM BAM Mondovì  ARBITRI: Cavicchi-Pozzi
    Futura Volley Giovani Busto Arsizio – Green Warriors Sassuolo  ARBITRI: Scotti-Usai
    Acqua&Sapone Roma Volley Club – Eurospin Ford Sara Pinerolo  ARBITRI: Pasciari-Capolongo
    Exacer Montale – Club Italia Crai  ARBITRI: Mesiano-Clemente LEGGI TUTTO

  • in

    Sa.Ma.: prima settimana di lavoro con Coach Cruciani

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Si è conclusa la quarta settimana di lavoro in casa Sa.Ma. Potomaggiore FE, la prima guidata per intero da coach Simone Cruciani, di ritorno dal vittorioso campionato Europeo con la Nazionale pre Juniores maschile. Durante tutto lo svolgimento delle sedute giornaliere si è continuato a porre molta attenzione all’aspetto fisico, sotto l’attento occhio del preparatore Matteo Lunati. Si è però sempre di più inserita una componente tattica che risulterà poi fondamentale per la creazione di un’identità di squadra chiara e definita, come ha dichiarato Cruciani in alcune precedenti interviste. Lo scopo di questo periodo è ‘mettere benzina’ nel serbatoio di ogni singolo atleta ponendo molta attenzione alla prevenzione da eventuali infortuni che intaccherebbero il percorso di crescita di tutto il gruppo. Ricordiamo appunto che il gruppo vede nove atleti nuovi rispetto alla scorsa stagione, quindi dovrà essere plasmato quasi da zero, con un lavoro che avrà bisogno di tempo e di tanta costanza. Al termine della prossima settimana verrà svolta la prima amichevole di questo precampionato contro una delle favorite di questo girone, la Pallavolo Motta. Nei prossimi giorni daremo tutte le informazioni su questo e su gli altri incontri che caratterizzeranno l’avvicinamento alla storica partecipazione al campionato di Serie A3 Credem Banca. Nella giornata di ieri, durante la manifestazione di premiazione che dà il via all’Antica Fiera di Portomaggiore, l’amministrazione comunale ha voluto premiare la società con una targa per la nuova avventura nella terza serie nazionale, una vetrina importante per tutto il movimento pallavolistico locale e non solo. E’ stata questa anche l’occasione per presentare alla città gli atleti e lo staff della prima squadra e tutte le squadre del settore giovanile.

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteConsar in cerca di riscatto e di un’ulteriore crescita a Cisterna

    Prossimo articoloDue set a testa e tante indicazioni LEGGI TUTTO