More stories

  • in

    Claire Williams: “L'addio in F1? Per noi è stato come un lutto”

    ROMA – “Per noi è stato come un lutto, dunque ci vorrà del tempo per riprenderci. Forse un giorno tornerò a guardare le gare perché sono state la mia vita, però per adesso posso soltanto augurare alla squadra di fare bene”. Così Claire Williams, figlia di Sir Frank, è tornata a parlare dell’addio della famiglia dalla Formula 1. Nonostante ciò, la scuderia è rimasta comunque in griglia, ma con proprietario diverso, la società di investimento Dorilton Capital. “Adesso potrò dedicarmi al ruolo di madre e moglie – continua l’ormai ex team principal della squadra britannica in un’intervista al sito ufficiale del Circus -, ma altresì occuparmi di mio padre che si è trasferito vicino a noi. Il nostro è uno sport esigente, di conseguenza cercherò di ricostruirmi. Capire ciò che sono al di fuori della F1”. “Sono sempre stata la figlia di papà. Ora vorrei ricominciare partendo dalla mia persona”, ha concluso la manager, per molti la causa dei tanti problemi accusati dalla scuderia negli ultimi anni. LEGGI TUTTO

  • in

    F1 Red Bull, Horner: “Verstappen frustrato perché ha fame di vittorie”

    MILTON KEYNES – “La frustrazione di Max per un altro ritiro è del tutto comprensibile”. Christian Horner, team principal della Red Bull, analizza così il momento di grande difficoltà che sta attraversando Max Verstappen dopo i due ritiri consecutivi del pilota olandese.
    Pensiero alla Russia
    Il manager austriaco, parlando al sito ufficiale della scuderia, afferma che la rabbia del numero 33 della Red Bull dopo i problemi riscontrati tra Monza e il Mugello sia assolutamente comprensibile nonostante durante la corsa sul circuito toscano sia stato coinvolto in un incidente: “Avevamo una macchina velocissima e questa cosa lo ha irritato tanto” spiega Horner. “Finire sulla ghiaia dopo pochi metri quando eri convinto di poter lottare con le Mercedes ti causa una naturale rabbia: normale che si sia sfogato via radio”.
    Il team principal però vuole guardare avanti, al Gran Premio di Russia: “È stata la seconda gara di fila in cui Max non è andato a punti ed è normale che sia frustrato perché ha fame di vittorie. Ora però bisogna guardare avanti: prima di Sochi analizzeremo cosa abbiamo fatto, noi e la Honda, e cercheremo di lavorarein vista della prossima corsa” ha concluso Horner. LEGGI TUTTO

  • in

    F1 Red Bull, Horner: “Comprensibile la rabbia di Verstappen”

    MILTON KEYNES – “La frustrazione di Max per un altro ritiro è del tutto comprensibile”. Il team principal della Red Bull, Christian Horner prova a spiegare il nervosismo di Verstappen dopo i due ritiri consecutivi del pilota olandese.
    In lotta con le Mercedes
    Il manager austriaco, parlando al sito ufficiale della scuderia, afferma che la rabbia del numero 33 della Red Bull dopo i problemi riscontrati tra Monza e il Mugello sia assolutamente comprensibile nonostante durante la corsa sul circuito toscano sia stato coinvolto in un incidente: “Avevamo una macchina velocissima e questa cosa lo ha irritato tanto” spiega Horner. “Finire sulla ghiaia dopo pochi metri quando eri convinto di poter lottare con le Mercedes ti causa una naturale rabbia: normale che si sia sfogato via radio”.
    Il team principal però vuole guardare avanti, al Gran Premio di Russia: “È stata la seconda gara di fila in cui Max non è andato a punti ed è normale che sia frustrato perché ha fame di vittorie. Ora però bisogna guardare avanti: prima di Sochi analizzeremo cosa abbiamo fatto, noi e la Honda, e cercheremo di lavorarein vista della prossima corsa” ha concluso Horner. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, il Gran Premio dell'Emilia Romagna si corre con il pubblico

    IMOLA – La Regione Emilia-Romagna ha emesso la delibera per far sì che ci sia il pubblico sugli spalti nell Gran Premio dell’Emilia Romagna di Formula 1, in programma il prossimo 1° novembre che si correrà all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari. Ogni giorno saranno presenti 13.147 spettatori.
    Martedì il via alla prevendita
    Formula Imola, da martedì 22 settembre, aprirà quindi la prevendita dei biglietti per la prima edizione del Formula 1 Emirates Gran Premio dell’Emilia-Romagna. Un ritorno del Circus a Imola atteso da 14 anni da parte degli appassionati. I biglietti saranno disponibili dalle ore 18.00 on line sul sito ticketone.it.
    Il format della manifestazione è articolato su due giornate, con prove libere e qualifiche sabato 31 ottobre e la gara in programma domenica 1 novembre. Nei prossimi giorni, sui canali ufficiali social e web dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, verranno comunicate le regole previste in materia sanitaria anti-covid per l’accesso e la presenza in totale sicurezza nelle zone adibite al pubblico.
    Grande chance
    “Dopo il ritorno del pubblico al Mugello e Misano” spiega Uberto Selvatico Estense, presidente Formula Imola. “Imola può godere di un’occasione di ritorno alla quasi normalità, festeggiando con il rispetto delle regole ed in assoluta sicurezza grazie agli enormi spazi a disposizione, un evento iconico e leggendario atteso da ben quattordici anni”.
    Il Gran Premio dell’Emilia Romagna avrà molti significati: “Una grande opportunità per dimostrare al mondo la capacità di fronteggiare la grave crisi con intelligenza e presa di coscienza. Quale occasione migliore quindi per tutti gli appassionati, di godersi uno spettacolo unico caratterizzato dalla presenza di adrenalina e di tecnica sportiva automobilistica in regime di massima sicurezza, sugli spalti dell’Autodromo di Imola con posti opportunamente distanziati, raggiungibili tramite accesso regolato da percorsi e parcheggi dedicati ai possessori dei biglietti” conclude Estense. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Gran Premio dell'Emilia Romagna aperto al pubblico

    IMOLA – Una gioia che si aspettava da tanto e che ora ha ricevuto l’ufficialità. La Regione Emilia-Romagna ha emesso una delibera per la quale il Gran Premio dell’Emilia Romagna di Formula 1, che si correrà il prossimo 1° novembre presso l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, ospiterà 13.147 spettatori ogni giorno.
    Biglietti in vendita da martedì
    Formula Imola, da martedì 22 settembre, aprirà quindi la prevendita dei biglietti per la prima edizione del Formula 1 Emirates Gran Premio dell’Emilia-Romagna. Un ritorno del Circus a Imola atteso da 14 anni da parte degli appassionati. I biglietti saranno disponibili dalle ore 18.00 on line sul sito ticketone.it.
    Il format della manifestazione è articolato su due giornate, con prove libere e qualifiche sabato 31 ottobre e la gara in programma domenica 1 novembre. Nei prossimi giorni, sui canali ufficiali social e web dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, verranno comunicate le regole previste in materia sanitaria anti-covid per l’accesso e la presenza in totale sicurezza nelle zone adibite al pubblico.
    Occasione unica
    “Dopo il ritorno del pubblico al Mugello e Misano” spiega Uberto Selvatico Estense, presidente Formula Imola. “Imola può godere di un’occasione di ritorno alla quasi normalità, festeggiando con il rispetto delle regole ed in assoluta sicurezza grazie agli enormi spazi a disposizione, un evento iconico e leggendario atteso da ben quattordici anni”.
    Il Gran Premio dell’Emilia Romagna avrà molti significati: “Una grande opportunità per dimostrare al mondo la capacità di fronteggiare la grave crisi con intelligenza e presa di coscienza. Quale occasione migliore quindi per tutti gli appassionati, di godersi uno spettacolo unico caratterizzato dalla presenza di adrenalina e di tecnica sportiva automobilistica in regime di massima sicurezza, sugli spalti dell’Autodromo di Imola con posti opportunamente distanziati, raggiungibili tramite accesso regolato da percorsi e parcheggi dedicati ai possessori dei biglietti” conclude Estense. LEGGI TUTTO

  • in

    F1 Red Bull, Verstappen incerto sul domani

    ROMA – Max Verstappen è il volto della Red Bull e vederlo in un’altra scuderia appare fantascienza o quasi. Questo perché il team austriaco ha puntato tantissimo sul giovane olandese per centrare il primo titolo mondiale della sua storia in Formula 1. Ma il futuro, che prima sembra certo, adesso inizia a presentare qualche incertezza.
    Problemi meccanici
    Verstappen ha rinnovato il suo contratto lo scorso anno fino alla fine del 2023 e il team è fiducioso che l’accordo verrà rispettato. Ma in Olanda non sono così certi di questo, soprattutto se la vettura non sarà all’altezza delle aspettative del pilota. Secondo il quotidiano “De Telegraaf”, il contratto prevede una clausola per facilitare la partenza di Verstappen nel caso in cui la prestazione della Red Bull non consentissero di puntare al titolo iridato. Alla fine del 2021 scadrà il contratto tra il team e Honda come fornitore di motori: lo scenario a quel punto potrebbe cambiare drasticamente se il propulsore non fosse gradito al giovane olandese.
    In realtà, sembra che sia lo stesso Verstappen a non essere attualmente soddisfatto del motore Honda visti i due ritiri stagionali causati proprio da problemi di natura meccanica mentre il terzo è arrivato dopo la collisione con Raikkonen al Mugello. LEGGI TUTTO

  • in

    F1 Red Bull, Verstappen indeciso sul suo futuro

    ROMA – È difficile pensare una Red Bull senza Max Verstappen. La scuderia austriaca ha puntato tutto, o quasi, sul pilota olandese per centrare il titolo mondiale in Formula 1. Ma qualche nube sembrerebbe profilarsi all’orizzonte.
    Dubbi e incertezze
    Verstappen ha rinnovato il suo contratto lo scorso anno fino alla fine del 2023 e il team è fiducioso che l’accordo verrà rispettato. Ma in Olanda non sono così certi di questo, soprattutto se la vettura non sarà all’altezza delle aspettative del pilota. Secondo il quotidiano “De Telegraaf”, il contratto prevede una clausola per facilitare la partenza di Verstappen nel caso in cui la prestazione della Red Bull non consentissero di puntare al titolo iridato. Alla fine del 2021 scadrà il contratto tra il team e Honda come fornitore di motori: lo scenario a quel punto potrebbe cambiare drasticamente se il propulsore non fosse gradito al giovane olandese.
    In realtà, sembra che sia lo stesso Verstappen a non essere attualmente soddisfatto del motore Honda visti i due ritiri stagionali causati proprio da problemi di natura meccanica mentre il terzo è arrivato dopo la collisione con Raikkonen al Mugello. LEGGI TUTTO

  • in

    F1 AlphaTauri, Gasly: “Adesso sfruttiamo tutte le occasioni”

    FAENZA – “Il team ha fatto un grande lavoro perché ha preparato la macchina in maniera ottimale sia per le qualifiche che per la gara”. Conferma le impressioni dei primi Gran Premi Pierre Gasly parlando dell’AlphaTauri e del livello raggiunto dalla vettura nel corso del Mondiale 2020.
    Alzato il livello
    Il francese, parlando al sito specializzato autosport.com, quest’anno si sta mostrando molto costante, grazie anche all’affidabilità della macchina, visto che ha chiuso nei primi dieci già in cinque occasioni, compresa la straordinaria vittoria a Monza.
    Gasly, rammaricato per il ritiro al Mugello, non manca però di sottolineare i progressi stagionali dell’AlphaTauri: “Abbiamo davvero fatto un notevole passo avanti quest’anno nel rendere la macchina più veloce e competitiva. Vero non siamo la vettura più veloce ma offriamo sempre ottime prestazioni e cogliamo le occasioni che ci si presentano la domenica”.
    Il numero 10 del team di Faenza ammette che la vittoria al Gran Premio d’Italia ha cambiato la mentalità: “Il successo ha dato fiducia a tutto il team che ora è ancora più carico e motivato. Questa nuova consapevolezza mi rende felice perché sono convinto che, in questa stagione, abbiamo a disposizione un pacchetto molto forte” conclude Gasly. LEGGI TUTTO