More stories

  • in

    Basket, Eurocup: sorteggio amaro per Venezia e urna dolce per Bologna, Brescia e Trento

    ROMA – Le quattro formazioni italiane che saranno impegnate nella prossima Eurocup attendevano con ansia il sorteggio odierno e l’urna, almeno per la Reyer Venezia, non è stata dolcissima. Il sorteggio di Barcellona regala all’Umana un girone di ferro, con Unics Kazan, Badalona, il Partizan Belgrado che ieri ha annunciato la decisione di puntare su Vlado Scepanovic per il dopo Trinchieri e le due “matricole” Bahcesehir e JL Bourg. La Reyer è stata inserita nel girone A, mentre Brescia trova spazio nel B con Malaga, Buducnost, Maccabi Rishon Lezion, Ulm e Boulogne. Non semplicissimo il raggruppamento della Virtus Bologna, che aveva pregustato anche la possibilità di essere chiamata in Eurolega in caso di addio del Panathinaikos: le Vu Nere, nel gruppo C, trovano Lokomotiv Kuban Krasnodar, Morabanc Andorra, Lietkabelis, Monaco e Anversa. A chiudere il quadro delle italiane, la Dolomiti Energia Trento, inserita nel girone D insieme a Promitheas Patras, Gran Canaria, Olimpia Lubiana, Bursaspor e Nanterre.La formula e le dateLa stagione regolare prenderà il via il 30 settembre e si chiuderà il 16 dicembre, con le squadre che si affrontano due volte tra di loro (10 partite). Si qualificano per le Top 16 le prime quattro di ogni gruppo, andando poi a comporre altri quattro gironi da 6 partite complessive (30 dicembre-3 febbraio). Dalla seconda fase a gironi si qualificano le prime due di ogni raggruppamento per i quarti di finale (2-10 marzo, al meglio delle tre gare), con lo svolgimento poi di semifinali (16-24 marzo) e finale (6-14 aprile) sempre al meglio delle tre gare. Si ripresentano al via sette delle squadre che avevano strappato la qualificazione per la fase a eliminazione diretta un anno fa, prima della pandemia: si tratta di Partizan Belgrado, Malaga, Monaco, Promitheas Patras, Virtus Bologna, Unics Kazan e Reyer Venezia. In palio, per la vincitrice, un posto nell’Eurolega 2021-22.Il calendarioNel girone A Venezia debutterà in casa contro l’Unics Kazan per poi affrontare Partizan Nis Belgrade, JL Bourg, Joventut Badalona e Bahcesehir Koleji Istanbul. Nel girone B Brescia esordirà sul campo del Buducnost Voli Podgorica e dovrà poi vedersela con Unicaja Malaga, Maccabi Rishon LeZion, Ratiopharm Ulm e Boulogne Metropolitans 92. Nel gruppo C la Virtus Bologna comincerà in trasferta contro il Lietkabelis Panevezys e poi troverà Lokomotiv Kuban Krasnodar, Morabanc Andorra, AS Monaco e Telenet Giants Antwerp; infine nel gruppo D Trento debutterà sul campo del Frutti Extra Bursaspor per poi sfidare Promitheas Patras, Nanterre 92, Cedevita Olimpija Ljubljana ed Herbalife Gran Canaria. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, per tutti i giocatori un braccialetto con Topolino

    Il 31 luglio si avvicina a grandi passi e le 22 squadre Nba coinvolte nella ripartenza stanno arrivando alla spicciolata a Orlando, dove si giocherà tutto il finale di stagione del basket professionistico americano. I team vengono ospitati nell’ESPN Wide World of Sports, l’immenso complesso di proprietà della Disney che farà da “bolla” e in cui si muoveranno i protagonisti, rispettando il più possibile le 113 pagine di protocolli indicati dalla Lega.Il braccialetto di TopolinoDopo essere atterrati ed essere stati sottoposti ai controlli di sicurezza, i giocatori salgono direttamente a bordo di un pullmino noleggiato che li porta nel Walt Disney World. Nicolò Melli ha postato su Twitter il proprio arrivo a Orlando: è su un mezzo col faccione di Paperino sullo sfondo. Dopo il check-in in hotel, ogni giocatore riceve un “MagicBand”, un braccialetto di gomma con un chip e con un’immagine di Topolino che funge da chiave della stanza e portafoglio in tutto l’hotel. L’NBA lo userà anche per controllare i giocatori per i test del coronavirus. Dopo aver eseguito il test e in attesa dei risultati, i giocatori devono mettersi in quarantena nelle loro camere d’albergo per 24-48 ore fino a quando non superano due test a distanza di 24 ore. Tutte le squadre sono state disseminate in tre diversi hotel: Grand Destino, Grand Floridian e Yacht Club.Photobombing #DisneyWorld pic.twitter.com/TlcaGjTQpL— Nicolò Melli (@NikMelli) July 8, 2020L’anello anti-CovidA tutto il personale della squadra sarà richiesto di indossare un “allarme di prossimità” che avviserà chi lo indossa se trascorre più di cinque secondi entro due metri da un’altra persona che indossa la stessa strumentazione. L’idea è di ricordare a tutti la distanza sociale. I giocatori hanno anche la possibilità di indossare l’anello Oura, che traccia la temperatura di chi lo indossa, la respirazione e la frequenza cardiaca. Secondo la casa produttrice indossarlo potrebbe aiutare a indicare se un giocatore ha i primi sintomi di COVID-19 prima di rendersene conto. Tutti dovranno indossare una mascherina, tranne quando mangiano, quando si allenano o sono nella propria stanza. Il cibo sarà preparato sul posto dagli chef Disney, ma alcuni giocatori hanno chef privati. Le partite si svolgeranno su tre diversi campi, l’HP Field House, il campo di gioco principale, L’Arena e, soprattutto per gli allenamenti, il Visa Center. Dopo alcune amichevoli, si partirà il 31 con Nets-Magic, Trail Blazers-Grizzlies, Wizards-Suns, Pelicans-Jazz e l’attesissimo derby losangelino Lakers-Clippers.  LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, Serie A: Shields a Milano, Rich verso l'addio a Varese

    ROMA – Il mercato del basket italiano entra nel vivo e continua in particolare a rinforzarsi l’Olimpia Milano che oggi ha ufficializzato l’arrivo della guardia-ala danese Shavon Shields. In casa Varese invece è imminente l’addio di Jason Rich che si era accordato col club nemmeno un mese fa. Dall’estero arriva la notizia che Pau Gasol potrebbe tornare in Europa e precisamente al Barcellona.Shields torna in Italia, sponda MilanoMilano ha ufficializzato l’arrivo, con contratto biennale, di Shavon Shields, guardia-ala danese classe ’94, proveniente dal Kirolbet Baskonia. “Voglio ringraziare Giorgio Armani, il presidente Leo Dell’Orco, Coach Ettore Messina, ma in realtà tutta l’Olimpia Milano per avermi concesso questa opportunità –  ha commentato Shields – Sono estasiato all’idea di lavorare con i miei nuovi compagni e di far parte di un club storico come questo”. “Shavon è un giocatore nel pieno della maturità, esperto ma ancora giovane, con le caratteristiche ideali per far parte della nostra squadra”, ha detto invece il general manager Christos Stavropoulos. Per Shields si tratta della seconda esperienza italiana dopo due stagioni, e altrettante finali scudetto, con la maglia di Trento.Varese, Rich verso l’addioRischia di finire il matrimonio fra Varese e Jason Rich. La società lombarda infatti fa sapere in una nota che “la scorsa settimana il giocatore Jason Rich ha espresso la volontà di non onorare il contratto firmato da entrambe le parti in data 21 giugno 2020. Le motivazioni alla base di questa decisione sono da ricondurre alla sfera personale del giocatore. Il club biancorosso intende sottolineare che sta valutando ogni via possibile per tutelare i propri interessi e la propria immagine nelle opportune sedi”. Rich si era legato a Varese con un contratto di un anno, tornando così in Italia dopo le esperienze a Cantù (2008-2009), Cremona (da gennaio 2012 e poi nella stagione 2013-2014) e Avellino (2017-2018), annata, quest’ultima, chiusa da MVP del campionato.Gli altri affariL’Allianz Pallacanestro Trieste starebbe valutando di ingaggiare William Buford, secondo quanto scrive “Il Piccolo”. Il giocatore 30enne ha trascorso la stagione 2019/20 con la maglia della Virtus Roma e in LegaBasket ha realizzato 12.3 punti di media a partita con 3 rimbalzi. In casa Fortitudo Bologna, Henry Sims andrà in Corea del Sud, e allora il nuovo centro titolare sarà lo stesso che coach Sacchetti aveva lo scorso anno a Cremona: Ethan Happ, svincolato dall’Olympiacos Pireo. Per Filippo Baldi Rossi, il lungo che la Virtus Bologna non vuole lasciare andare e che sembrava promesso a Pesaro, dopo l’interessamento di Brindisi, arriva anche la corte più pressante e con un’offerta migliore di Reggio Emilia. E la destinazione potrebbe essere proprio quest’ultima.Gasol verso BarcellonaPau Gasol, 40 anni e tanta voglia di continuare a giocare. Uno dei fuoriclasse della Nba, vincitore di due titoli, potrebbe tornare in Europa e precisamente nella sua Catalogna per la parte conclusiva della sua carriera. Per ora non ha voglia di smettere e dopo più i due decenni e tante soddisfazioni e moltissimi soldi sul fronte del grande basket americano, si appresta a rientrare in patria. Il campione dei Lakers prima e dei Grizzlies poi (ma anche dei Bucks e di altre formazioni) potrebbe firmare presto un contratto con il Barcellona, le trattative secondo i media spagnoli sarebbero a buon punto. Gasol, che è una colonna della nazionale spagnola con la quale fra l’altro ha anche vinto i Mondiali del 2006, è considerato uno degli stranieri più forti ad avere militato in Nba, oltre che il cestista spagnolo più forte di sempre.  LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, il Barcellona sogna il ritorno di Pau Gasol

    BARCELLONA – Pau Gasol potrebbe tornare a giocare a Barcellona dopo 19 anni. L’indiscrezione arriva dall’emittente radiofonica “Cadena Ser”, secondo cui la trattativa per riportare in Spagna il giocatore, che ha appena spento 40 candeline, è in una fase molto avanzata. I colloqui sarebbero iniziati dopo l’arrivo di Jasikevicius sulla panchina catalana. Gasol ha lasciato […] LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, Petrucci contro il Cts: “Il calcio sì, noi no. Ma abbiamo gli strumenti per ripartire”

    Nelle tempeste Gianni Petrucci ci naviga da quarant’anni. Ma onde così alte, il presidente della Federbasket non le aveva mai affrontate. Il Covid ha azzerato l’attività, stoppato i campionati, creato scompiglio in Serie A. Gli sport di contatto non ripartono e il basket, come il volley, non sa né quando, né se potrà rimettersi in […] LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, tutti in piedi per Polonara, eroe di Spagna

    Una delle cose più importanti accadute al basket italiano negli ultimi cinque anni è un assist. Un solo, magnifico, decisivo assist. A tre secondi dalla fine di Barcellona-Baskonia, sfida che assegnava in partita unica il titolo della Liga Acb, il campionato spagnolo di basket, il torneo nazionale più importante d’Europa, la palla ce l’ha Achille […] LEGGI TUTTO