More stories

  • in

    Ufficiale: Arpad Baroti è il nuovo opposto dei Suntory Sunbirds

    Di Redazione La notizia era già filtrata nei giorni scorsi, ma adesso c’è anche l’ufficialità: Arpad Baroti giocherà nella V.League giapponese (in partenza nel prossimo weekend) con la maglia dei Suntory Sunbirds. L’esperto attaccante ungherese, classe 1991, prenderà dunque il posto di Dmitry Muserskiy, il bomber russo che ha trascinato la squadra di Osaka alla conquista dell’ultimo titolo nazionale e che, evidentemente, risente ancora dell’infortunio che lo ha costretto a saltare le Olimpiadi di Tokyo. Per Baroti si tratterà della prima esperienza in Giappone, ma non in Estremo Oriente: ha già giocato per ben tre stagioni in Corea del Sud con Ansan Rush&Cash, Kepco Vixtorm e Hyundai Skywalkers. Nell’ultima stagione, l’ex Vibo, Monza e Città di Castello si è invece diviso tra il Bursa BBSK in Turchia e il Tourcoing in Francia. (fonte: Yahoo! Japan) LEGGI TUTTO

  • in

    Niente Asseco Resovia: Muserskiy resta ai Suntory Sunbirds

    Di Redazione Il campione russo Dmitry Muserskiy, reduce dalla conquista del titolo della V.League con i Suntory Sunbirds, resterà ancora per una stagione nel club giapponese. Ad affermarlo è il suo agente Viktor Ivanov, che all’agenzia RIA Novosti dichiara: “Dima rimarrà al Suntory per la prossima stagione. È contento di tutto in Giappone e le cose con la società vanno molto bene“. Recentemente si era sparsa la voce di un interessamento dell’Asseco Resovia per Muserskiy, ma il presidente della società polacca Piotr Maciag aveva smentito recisamente ogni trattativa in un’intervista a Sportowe Fakty: “Non abbiamo parlato con lui. È un giocatore che la maggior parte delle squadre di PlusLiga non sarebbero in grado di permettersi“. Maciag ha comunque ammesso che il budget della società per la prossima stagione aumenterà del 15%. (fonte: RIA Novosti) LEGGI TUTTO

  • in

    Un Mondo di Volley: Muserskiy riporta i Sunbirds nell’Olimpo

    Di Stefano Benzi Assegnato il titolo della V.League maschile giapponese, che si conclude al termine di uno dei campionati più belli e tecnicamente evoluti di sempre. Nonostante la pandemia e i cancelli chiusi. In Russia nel campionato femminile vince la Lokomotiv Kaliningrad, contro ogni pronostico, mentre in Brasile si conferma l’Itambé Minas. Da oggi si giocano le gare decisive in Turchia, Polonia e in Russia maschile. La pandemia blocca di nuovo i campionati in Slovenia e Repubblica Ceca. POLONIACome da programma la Gara 1 delle semifinali nella PlusLiga maschile. Ma solo lo Zaksa Kedzierzyn-Kozle può dirsi completamente soddisfatto: la squadra testa di serie numero 1 del campionato domina il campo contro lo Skra Belchatow, vincendo con margini sostanzialmente ampi. Grande sofferenza invece per lo Jastrzebski Wegiel di Andrea Gardini, costretto ad andare fino al quinto set per avere ragione del Verva Varsavia di Andrea  Anastasi, domato al termine di una partita lunga, intensa e ricca di capovolgimenti di fronte. Nella finalina per il quinto posto, utile per i piazzamenti che portano alle coppe europee, l’Asseco Resovia di Giuliano Giuliani batte 3-1 il Trefl Gdansk. Le serie sono al meglio delle due vittorie su tre. In ambito femminile la Tauron Liga ha la sua prima finalista: si tratta del Chemik Police che, confermando un lungo percorso di crescita che non si è ancora concluso ed era nato da un avvio estremamente problematico e difficile, conquista anche la seconda vittoria in semifinale contro l’E.Leclerc Radomka Radom in rimonta. Finisce 3-1 per una squadra che ha appena accolto un altro rinforzo, Sinead Jack, subito in campo e decisiva. Per l’altra finalista bisognerà aspettare la terza sfida tra il Developres SkyRes Rzeszow di Antiga e l’LKS Commercecon Lodz. La bella è in programma questa sera alle 20.30. Il quinto posto assoluto va invece al Budowlani Lodz, che ribalta lo 1-3 subito all’andata dal Bielsko Biala, vince in tre set e sullo slancio si aggiudica anche il decisivo Golden Set. RUSSIAPer una volta partiamo dal campionato femminile che assegna il suo titolo di Superleague, non senza sorpresa, alla Lokomotiv Kaliningrad. È innegabile che la squadra baltica avesse da tempo tutte le carte in regola per puntare con decisione alla vittoria, ma di certo non ci si aspettava una tale esplosione in un momento così particolare e con un format tanto atipico, soprattutto di fronte alla padrona di casa Dinamo Kazan e a una Dinamo Mosca che sembrava quasi imbattibile. E invece proprio nelle partite decisive, la Lokomotiv ha disegnato una impresa storica. Prima, nella fase a gironi, ha clamorosamente battuto Kazan. Poi, dopo essersi sbarazzata dell’Uralochka in semifinale, ha giocato la sua partita più bella nella finale contro la Dinamo. Una rimonta impressionante, dallo 0-2 al 3-2, maturato al termine di un tie-break che vede la corazzata Dinamo sgretolarsi in modo impietoso sotto i colpi di Voronkova e Lippmann. In ambito maschile la Final Six è appena cominciata, con le vittorie di Lokomotiv Novosibirsk e Zenit San Pietroburgo ai danni di Zenit Kazan e Fakel Novy Urengoy. Oggi (Kemerovo-Kazan e Dinamo-Zenit San Pietroburgo) e domani (Kemerovo-Lokomotiv e Fakel-Dinamo Mosca) le ultime gare che designeranno le quattro semifinaliste. Si gioca alle 15.30 e alle 18.00 a Mosca, in casa della Dinamo, top seeded della regular season. TURCHIADopo una sosta di quasi tre settimane tra la regular season e le semifinali, Gara 1 registra le vittorie dello Ziraat Bankasi di Giampaolo Medei, al quinto set in casa sul Galatasaray, e dell’Arkas Izmir, al quarto set in trasferta sul Fenerbahce. Due partite molto incerte e nervose. Già oggi è giornata decisiva: si gioca alle 13 in casa del Gala e alle 16 a Smirne la seconda partita che potrebbe definitivamente chiudere i conti. Nel play off per il quinto posto è in parità, 1-1, la serie tra Spor Toto e Halbank, con i banchieri che ribaltano la sconfitta di Gara 1 andando a vincere in trasferta per 3-2. In Sultanlar Ligi, il Vakifbank di Giovanni Guidetti, ultimo avversario della Imoco Conegliano nella finalissima di Champions League, non deve fare gli straordinari. Arriva anche in Gara 2 di semifinale una secca vittoria per 3-0 sul THY di Marcello Abbondanza che chiude i conti. Il Vakif attende la bella della sfida tra Fenerbahce ed Eczacibasi, ora sull’1-1 dopo la rimonta della squadra arancionera. Oggi inizia la finale per il quinto posto assoluto tra le due vere sorprese del campionato, Nilufer e Aydin. GERMANIASi apre giovedì la serie della finale maschile di Bundesliga maschile tra Friedrichshafen (che ospiterà l’eventuale bella in caso di parità dopo le prime due partite) e Berlin Recycling, con quest’ultima che si è qualificata battendo il Duren in Gara 3. La finale femminile è invece tra le due top seeded del campionato Dresdner e Allianz MTV Stuttgart, vittorioso in rimonta sullo Schwerin: format identico a quello del campionato maschile, due vittorie al meglio delle tre partite con eventuale bella in casa del Dresdner, meglio piazzato in regular season. Si gioca sabato e mercoledì prossimo con eventuale bella sabato 17. FRANCIASono iniziati i play off senza grandi sorprese: vincono tre delle favorite, chiamate per altro a una Gara 1 in trasferta. Domina il Montpellier, soffre lo Chaumont di Prandi al quinto set contro il Tours, protagonista di una gara orgogliosa anche se caratterizzata da molti errori dopo le ultime opache prestazioni di regular season. Cade invece il Narbonne sul campo del Cambrai, che gioca forse la sua miglior partita stagionale infliggendo alla favorita un secco 3-0. Assegnato intanto il titolo di MVP assoluto della stagione regolare, che è andato a Nicolas Le Goff, alzatore del Montpellier. Il campionato francese di Ligue A femminile tornerà in campo nel corso di questa settimana con le gare del 27esimo turno. Non ci sono sorprese in una classifica che deve fare i conti con parecchi recuperi. Il Mulhouse mantiene 7 lunghezze di vantaggio dopo la vittoria sullo Chamalières, ed è sempre più vicino al suo secondo titolo nazionale dopo quello vinto nel 2017. L’unica a potere impensierire la squadra di Salvagni è il Beziers, che si mantiene in quota andando a vincere sul campo del Venelles. Interessante la lotta per le posizioni europee con un bel testa a testa italiano tra Volero e Racing Cannes che vede al momento il Le Cannet quarto con tre punti da difendere dopo la vittoria sul Terville-Florange. In coda la situazione è ormai definita: all’Istres, battendo il Marcq-en-Baroeul, manca solo un punto. BRASILEIl titolo femminile brasiliano va di nuovo all’Itambé Minas, che questa notte ha battuto al quinto set il Praia Clube chiudendo una serie imprevedibile e molto incerta. A Saquarema il terzo match vede il Minas, allenato da Nicola Negro, complicarsi enormemente la vita dopo un primo set dominato. Secondo e terzo set giocati in modo sciagurato prima della rimonta e del successo al tie break. Finisce 3-2 (25-17, 13-25, 12-25, 25-18, 15-11) e terzo titolo confederale per il Minas. La Superliga maschile riparte con le semifinali al meglio delle due vittorie in tre gare: Minas-Itapetininga (domani) e Funvic-Volei Renata (giovedì). Domenica la rivincita. Anche in questo caso si gioca nella “bolla” di Saquarema. GIAPPONESi conclude con la vittoria dei Suntory Sunbirds la lunga corsa al titolo nipponico. I Sunbirds staccano dunque dalla maglia dei JTEKT Stings il titolo dello scorso anno e se lo appuntano con pieno diritto al petto al termine di un campionato strepitoso, che li ha visti dominare la scena evidenziando poche incertezze e pochissime debolezze. Il 3-0 inflitto in finale ai Panasonic Panthters di Michal Kubiak, che in semifinale avevano battuto i Wolfdogs Nagoya con una drammatica estensione al Golden Set, la dice lunga: un 3-0 eloquente e che non ammette repliche. Il resto lo dicono le statistiche: 32 vittorie in 35 partite, una striscia di 23 successi consecutivi. Titolo che torna con pieno merito ai Sunbirds dopo 14 anni. MVP assoluto ancora una volta Muserskiy, 28 punti e 65% in attacco. COREASono iniziate oggi le semifinali del campionato sudcoreano maschile: nella gara di andata il Woori Card ha battuto per 3-1 l’OK Financial Group, che a sua volta aveva superato a sorpresa i KB Stars nel turno preliminare. La semifinale di ritorno si giocherà domani: chi vince affronta dall’11 aprile i Korean Air Lines Jumbos di Santilli. Nel campionato femminile il titolo va al GS Caltex, che con un finale di stagione in crescendo ha definitivamente ridimensionato le Heungkuk Life Pink Spiders che per tutta la prima parte della stagione, prima del ben noto scandalo che ha travolto le gemelle Lee, avevano dominato la scena. Vittoria in Gara 3 per 3-2 al termine di un tie break nel quale i ragni si spengono, nonostante una bella rimonta che le aveva riportate in parità. Si spalancano le porte dell’Europa o del campionato cinese per Kim Yeon-Koung che sembra essere definitivamente destinata a lasciare il campionato coreano. GLI ALTRI CAMPIONATINumerosi i titoli assegnati un po’ ovunque: in Portogallo il campionato maschile va al Benfica (nono titolo assoluto). Il secondo consecutivo dopo quello del 2019: lo scorso anno il trofeo non era stato assegnato. Negli Emirati Arabi Uniti lo scudetto torna alla polisportiva dell’Al Nasr che inseguiva un’affermazione nazionale da oltre otto anni. In Argentina ottavo titolo per l’UPCN di San Juan. In Repubblica Ceca e Slovenia il torneo è stato interrotto a causa dell’intensificarsi della pandemia: titolo femminile ceco assegnato d’ufficio al Dukla Liberec, semifinalista e vincitore della regular season. I play off non saranno recuperati. Il titolo maschile della Repubblica Ceca, per ora, dovrebbe giocarsi regolarmente con la finale in programma da oggi tra Jihostroj e CEZ Karlovarsko. In Slovenia il trofeo femminile è sospeso con il Calcit Kamnik a una sola vittoria dalla riconferma del titolo. Sospesa anche la finale scudetto maschile con il Ljubljana in vantaggio 1-0 sul Maribor. In Finlandia quarto titolo consecutivo per il VaLePa Sastamala di Tampere. LEGGI TUTTO