More stories

  • in

    Pallavolo femminile, festa Roma, arriva la serie A1

    Pallavolo femminile, Roma e i suoi tifosi possono cominciare la festa , è arrivata ieri lontano dalla Capitale, in terra salentina, il risultato che tutti si aspettavano, un successo per 0-3 ( 12-25, 23-25, 12-25) contro il Cutrofiano che significa conquista della massima serie con una giornata di anticipo.Un risultato perentorio che racconta della voglia delle capitoline di portare a casa questo traguardo, possono essere soddisfatte le ragazze di Luca Cristofani di aver riportato a Roma il grande volley.Un roster assemblato a inizio stagione con questo obiettivo, come per tante squadre in questo anno non sono state poche le difficoltà, ma lo spessore di esperienza del tecnico e di molte giocatrici alla fine ha fatto la differenza.Sognano ora i tifosi una squadra che possa continuare a regalare emozioni, la storia recente ha insegnato che nel giro di pochi anni, vedi Conegliano, si possano raggiungere sogni importanti.Intanto vanno fatti i complimenti alla Acqua & Sapone Roma Volley Club per la promozione in A1.

    LE PAROLE DELLA CAPITANA
    Queste le parole della capitana di Roma Valeria Papa raccolte sul sito del club : « Sicuramente quest’anno se c’è una certezza è che nessuno ci ha mai regalato niente. Siamo riuscite ad uscire ogni volta dalle difficoltà, dal covid agli infortuni e a tutti gli step che hanno rallentato i nostri ritmi. Io l’ho sempre detto a tutti : stringiamo i denti perchè alla fine sarà tutto più bello e sinceramente è stato così. Sono veramente contenta. Quando ho scelto di venire a Roma avevo in testa un solo obiettivo, quello della promozione e averlo raggiunto mi rende ancora più orgogliosa di tutto ciò che abbiamo fatto ».  LEGGI TUTTO

  • in

    Pallavolo femminile, trionfo Conegliano, la Champions è tua !

    Pallavolo femminile, questa serata non sarà facile da dimenticare per Conegliano, per i suoi tifosi, per gli appassionati di volley. Le pantere guidate da coach Daniele Santarelli sono salite sul tetto d’Europa vincendo quella Champions League inseguita in questi anni, sfuggita per un soffio nel 2019, e che di fatto ancora mancava dalla ricchissima bacheca veneta. Per un attimo la maledizione della Champions League sembrava concretizzarsi anche oggi soprattutto dopo la partenza sprint nel quinto set da parte del Vakifbank che era intenzionato a rendere inutile la riconcorsa di Egonu e compagne durante la finalissima.Si perchè le ragazze allenate da Guidetti avevano messo per due volte la testa avanti vincendo il primo e terzo set, la reazione di orgoglio di Conegliano c’è stata nel quarto e poi  dopo quel tie-break cominciato così male e rimesso sui giusti binari.Conegliano ancora una volta ha dimostrato di avere sette vite, Egonu , autrice di 40 punti, di essere leader nei momenti topici, Santarelli di mantenere la calma in quelli complicati. Il resto lo ha fatto un finale rocambolesco su un attacco di Egonu che era stato battezzato out e che aveva regalato il 14-13 alle turche pronte, sotto di un solo punto, a riaprire set e finale. La chiamata Challenge ha ribaltato la situazione decretando il 15-13 finale. A quel punto è esplosa la gioia di giocatrici e staff capaci in questa stagione di aver fatto qualcosa di straordinario . La squadra arrivava a questo appuntamento di Verona forte di 63 vittorie consecutive, la sessantaquattresima è stata quella che ha fatto entrare le pantere nella storia.Spettacolo nello spettacolo lo scontro a distanza Egonu-Haak, due campionesse che si sono sfidate a distanza chiudendo rispettivamente con 40 e 33 punti.La sfida italiana in panchina Santarelli-Guidetti ha confermato il grandissimo livello dei nostri allenatori.Supercoppa italiana, Coppa Italia, scudetto e Champions League, questo il fantastico poker conquistato dalle pantere che questa sera hanno fatto gioire tutto il tifo italiano, i complimenti e gli applausi vanno a questo gruppo meraviglioso.
    Conegliano-Vakifbank Istanbul 3-2 ( 22-25, 25-22, 23-25, 25-23, 15-12)
    Conegliano : De Kruijf 11, Folie 9, Wolosz 4, Hill 9, Sylla 4, Egonu 40, De Gennaro (L), Caravello, Gennari, Adams 10, Giquel, Butigan(L)Fahr, Omoruyi ALL: SantarelliVakifbank Istanbul : Braga Guimaraes 14, Haak 33, Bartsch-hackley 13, Rasic, 6, Ognjenovic 1, Gunes 11, Orge (L), Aykac (L), Ozbay, Ismailoglu, Yilmaz, Senoglu, Akman, Gurkainak, All: Guidetti LEGGI TUTTO

  • in

    Itas Trentino-ZAKSA Kedzierzyn Kozle: streaming gratis e diretta tv Rai Sport? Dove vedere finale Champions League

    Domani sera alle ore 20.30 all’AGSM Forum di Verona, si disputerà il match Itas Trentino-ZAKSA Kedzierzyn Kozle, valevole per la finale di Champions League di volley maschile che vedrà per la prima volta protagonista la squadra polacca di Nikola Grbic che ha ottenuto il suo miglior risultato nella stagione 2002-03 con un terzo posto. I dolomitici di coach Angelo Lorenzetti, freschi campioni d’Italia, hanno vinto tre volte questa manifestazione, peraltro consecutivamente (2008-09, 2009-10, 2010-11) e partono almeno sulla carta favoriti.
    In questa stagione l’Itas dopo aver finito il girone di qualificazione al secondo posto dietro alla Sir Safety Perugia, nei quarti di finale ha eliminato i tedeschi del Charlottenburg e in semifinale proprio gli umbri, sconfitti poi anche nella finale scudetto della Superlega; lo ZAKSA invece ha vinto il suo raggruppamento davanti ai connazionali dello Skra Bełchatów e poi nella fase ad eliminazione diretta ha avuto meglio sulla Cucine Lube Macerata e sui russi dello Zenit Kazan, entrambe le volte grazie al golden set (16-14 e 15-13).
    Dove vedere Itas Trentino-ZAKSA Kedzierzyn Kozle in tv e streaming
    La finale di Champions League tra Itas Trentino-ZAKSA Kedzierzyn Kozle (orario d’inizio domani ore 20.30) sarà trasmesso in diretta da Rai Sport + HD (canale 227 di Sky, 57 sul digitale terrestre in HD e 58 in SD) con collegamento a partire dalle ore 20.20. La telecronaca dell’incontro sarà affidato a Maurizio Colantoni e con il commento tecnico dell’ex giocatore Andrea Lucchetta.In alternativa si potrà seguire la sfida in streaming gratuito su RaiPlay.
    Una seconda opzione è quella di Sky per chi è in possesso dell’abbonamento al canale satellitare, dove l’incontro sarà visibile su Sky Sport Uno (canale 201 del decoder, 472 e 482 del digitale terrestre); qui la telecronaca sarà a cura di Stefano Locatelli e come seconda voce l’ex giocatore Andrea Zorzi.
    Per gli abbonati al canale satellitare, la partita sarà a disposizione anche tramite Sky Go anche sui dispositivi mobili come smartphone e tablet, scaricabile sui principali market store e riservata ai titolari di abbonamento. Inoltre il match sarà trasmesso anche su Now Tv piattaforma streaming di Sky, che consente di vedere i programmi attraverso l’acquisizione di un ticket. Questa opzione è disponibile anche per i non abbonati a Sky che possono registrarsi al servizio. LEGGI TUTTO

  • in

    Pallavolo femminile, Conegliano pronta alla finale di Champions per entrare nella storia

    Pallavolo femminile, l’attesa sta terminando, domani sabato 1 maggio alle 17 ci sarà la finalissima di Champions League tra Conegliano e il Vakifbank Istanbul. A Verona dunque si deciderà chi tra queste due fortissime squadra alzerà l’ambito trofeo al cielo.Le turche sono uscite dall’emergenza Covid che aveva colpito alcuni membri della squadra, Conegliano arriva al match forte dello scudetto vinto contro l’eterna rivale Novara , ora l’attenzione però è tutta per questa finale di Champions League, trofeo che manca dalla ricchissima bacheca delle pantere.Fino a questo momento un campionato straordinario delle venete che hanno sempre vinto e lasciato per strada solamente qualche set. Ora di fronte un avversario fortissimo anche se le ragazze di Daniele Santarelli hanno offerto per tutta la stagione un livello di pallavolo altissimo.A dare fiducia all’ambiente le super prestazioni nella finale scudetto di Paola Egonu che ha estasiato con il suo gioco i tanti appassionati di volley e soprattutto i tifosi di Conegliano che seguivano davanti ai televisori le proprie beniamine. Manca l’ultimo atto per una stagione che, in caso di vittoria della Champions League, sarebbe ancora più straordinaria di quanto lo sia già.
    LE PAROLE DI PAOLA EGONU 
    Queste le dichiarazioni della stella di Conegliano Paola Egonu : « Ci ricordiamo bene l’ultimo confronto con il Vakifbank nella semifinale del Mondiale, lì capimmo che siamo noi le padrone del nostro destino e che se spingiamo il gioco come sappiamo e giochiamo al massimo possiamo battere qualunque squadra, anche le corazzate come le nostre avversarie di sabato. Loro sono una squadra di altissimo livello, hanno un gioco pulito, ordinato, molto veloce, sarà una grande sfida, una di quelle partite che davvero non vedi l’ora di giocare. Nel mio ruolo c’è Haack, un’atleta molto alta che attacca forte, sa fare tanti colpi e di certo sarà un’attaccante da tenere d’occhio, ma sappiamo che il pericolo non viene solo da lei perchè il Vakif è una squadra completa con tante opzioni . Noi siamo pronte a combattere per fare una grande prestazione, se vogliamo vincere dovremo spingere al massimo concentrate sempre sul nostro obiettivo ».
    La partita sarà trasmessa in diretta su Rai 2, Rai Sport HD e Sky Sport Uno. LEGGI TUTTO

  • in

    Mercato pallavolo femminile A1, importante conferma in casa Chieri

    Mercato pallavolo femminile A1, importante conferma in casa Chieri, una delle grandi sorprese di questa stagione. Kaja Grobelna, l’opposta belga che ha chiuso il campionato come sesta realizzatrice , giocherà nella squadra guidata da coach Bregoli anche nella prossima stagione. Un tassello importante per un progetto che vuole ripartite da quanto di buono fatto quest’anno. Ci sono tutte le condizioni per poter confermare i risultati molto positivi di questa stagione.Queste le parole della giocatrice raccolte sul sito del club piemontese , l’analisi della stagione appena chiusa: « E’ stata una stagione molto particolare, che spero non si ripeta per tutte le questioni legate al Covid, ma di cui sono molto contenta. Siamo riusciti a gestire molto bene questa situazione insieme allo staff e alla società. Abbiamo fatto delle belle cose, lavorato tanto e giocato bene. Chiaro che vuoi sempre fare di più, ma pian piano stiamo migliorando. Già l’anno scorso avevo detto che stavamo facendo una bella stagione con questa squadra, e si vede. Tutto questo lavoro funziona.  Se si vuole andare più avanti-continua la giocatrice belga– bisognerà lavorare ancora di più. Ne siamo tutti consapevoli, staff e ragazze sono al posto giusto. Sappiamo cosa fare e sappiamo che possiamo ancora migliorare. Con questa società ci troviamo a un punto in cui possiamo fare tutto. Chieri non ha ancora raggiunto il suo limite ».  LEGGI TUTTO

  • in

    Allianz Powervolley Milano: i meneghini chiudono la stagione con la sconfitta 1-3 contro Modena

    Milano –  La Allianz Powervolley Milano chiude con la sconfitta contro la Leo Shoes Modena la stagione 2020-2021. Sconfitta che nella finale Play Off 5° Posto significa non poter difendere il trofeo europeo CEV Challenge Cup conquistato solo un mese fa contro la squadra turca dello Ziraat ma che non toglie comunque quanto di buono fatto vedere dai ragazzi di coach Roberto Piazza che per tutta la stagione hanno dovuto lottare contro il COVID-19 e contro una serie di infortuni.Milano quindi fuori dalla CEV e Modena che vince 1-3 con i parziali di 25-16, 20-25, 20-25, 15-25 meritatamente dentro; quella stessa Modena battuta dai meneghini nei tre incontri precedenti.La Allianz Powervolley Milano sconfitta dai ragazzi di coach Andrea Giani approccia bene la gara con Patry ed Urnaut dai nove metri, con Sbertoli in regia ispirato ed un Maar in grande spolvero fa proprio il primo set per 25-16.Nel secondo set Giani corre ai ripari e contro una Milano poco lucida ed a volte nervosa, grazie a  Christenson che si affida ai primi tempi di Bossi e Mazzone ed alle qualità tecniche di Vettori e Karlitzek fa proprio il risultato per 20-25.Il terzo set inizia in grande equilibrio sino al 7-5 di Patry e Kozamernik a muro che danno la stura alla fuga di Milano che con Kozamernik fa 9-5 e costringe Giani al primo time out. Al rientro Milano si porta a +5 (14-9) pie di Urnaut e secondo time out di Giani. Alla ripresa Modena accorcia e con il muro di Bossi su Patry impatta 17-17, pareggio che ricarica i modenesi che mettono la freccia e con Vettori fanno prima 18-23 e poi chiudono 20-25.Il quarto set vede tra le fila di Milano la conferma da subito di Ishikawa subentrato a Maar nel set precedente e proprio con il nipponico i ragazzi di Piazza impattano 9-9.Modena però reagisce immediatamente  con Vettori in gran spolvero e si porta a+2 (1o-12) e da qui la fuga che porta grazie ad una serie di errori dei meneghini prima al +6 (11-17) doppio ace di Mazzone, poi al al +8 (12-20) di Petric ed infine al 15-25 di Vettori che chiude set e partita.TabellinoAllianz Powervolley Milano – Leo Shoes Modena: 1 – 3 ( 25-16, 20-25, 20-25, 15-25 ).Allianz Powervolley Milano: Basic 0, Kozamernik 9, Daldello 0, Sbertoli 2, Maar 11, Weber 1, Patry 16, Piano 6, Ishikawa 5, Urnaut 11, Pesaresi (L). N.e.: Staforini(L), Mosca, Meschiari. All. Roberto Piazza

    Leo Shoes Modena: Rinaldi 3, Petric 10, Porro 0, Grebbenikov (L), Christenson 2, Karlitzek 17, Vettori 16, Bossi 7, Buchegger 3, Mazzone 10, Sanguinetti (L),Porro 0, Gollini 0. N.e.: Estrada Mazorra, Stankovic. All. Andrea Giani
    Arbitri: Cappello- Canessa. terzo arbitro: Pettenello.MVP: Christenson LEGGI TUTTO

  • in

    Sir Perugia, ieri ultimo match in maglia bianconera per Aleksandar Atanasijevic

    PERUGIA – Ancora un altro giro di giostra. Quello che, quando si è bambini, si vorrebbe sempre fare per non andare a casa e restare ancora un po’ al Luna Park.Ecco, la sensazione ieri sera era proprio quella, durante Civitanova-Perugia. Alla tensione sportiva ovvia per l’importanza della posta in palio, si sommava anche quella voglia di fare un altro giro, un’altra partita con Aleksandar Atanasijevic in campo. Il verdetto del campo stesso invece ha detto di no, ha detto che il Luna Park per quest’anno chiude e che è ora di tornare a casa. Ed ha detto che questo 24 aprile 2021 ce lo ricorderemo come l’ultima di Bata in maglia bianconera.Una storia iniziata in un’altra data da segnare, il 20 ottobre 2013 a Cuneo quando Atanasijevic, fresco ventiduenne pieno di riccioli sbarcato a Perugia tre giorni prima, ne mette a terra 28. Da lì una lunga storia d’amore e di schiacciate, di sorrisi e di ace, di vittorie ed anche ovviamente di sconfitte. Una storia dove i numeri, per quando grandissimi, ed i trofei non sono la cosa più importante. Una storia chiusa ieri 24 aprile 2021 lasciando, per la millesima volta, il cuore in campo.Già, perché in questa storia lo Scudetto, le due Coppe Italia, le tre Supercoppe, i tre palloni d’oro consecutivi come miglior realizzatore della Superlega, i 4532 punti messi a terra nelle competizioni italiane e tutto il resto lasciano la scena alla persona, alla solarità, al valore umano di Bata ed al suo grande cuore. Lo stesso che abbiamo visto il 20 ottobre 2013. Lo stesso che abbiamo visto il 24 aprile 2021.“Voglio ringraziare tutti, i tifosi, il presidente, i dirigenti e tutti i giocatori con cui ho avuto la possibilità di giocare in questi otto anni. Sicuramente mi mancherà il PalaBarton, quella sensazione che ti dà il palazzetto non si trova da nessuna altra parte. Non è la fine che sognavo, volevo andar via con un trofeo, abbiamo dato tutto ma non ci siamo riusciti. Le nostre vite vanno avanti, sicuramente Perugia anche la prossima stagione sarà una grande squadra che proverà a vincere, sono sicuro che i tifosi continueranno a sognare con questa squadra. Auguro solo il meglio alla squadra per il futuro e sicuramente sarò il primo tifoso di Perugia, sempre”.Questo il commosso saluto di Atanasijevic. LEGGI TUTTO

  • in

    Pallavolo, Civitanova vince lo scudetto, la grande gioia nelle parole di Chicco Blengini

    Pallavolo, Civitanova ha vinto lo scudetto 2020/21 superando Perugia in gara 4 in casa per 3-1 ( 25-20, 25-22, 21-25, 25-21) e festeggiando il tricolore. E’ stato il primo successo casalingo in questa serie per i marchigiani che salgono in Italia sul gradino più alto del podio. Arrivato lo scorso 26 febbraio a sostituire in panchina De Giorgi, Chicco Blengini, il ct della Nazionale maschile, festeggia questa grande vittoria insieme ai propri ragazzi.Una chiamata improvvisa per lui che stava pensando all’inizio della preparazione con la Nazionale in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo, le gioie più grandi alle volte si sa che sono quelle inaspettate.In questi playoff ai quarti Civitanova ha eliminato Modena e in semifinale Trento. L’atto finale la serie contro Perugia e la conquista dello scudetto.
    Queste le parole dell’allenatore di Civitanova Chicco Blengini : « Non me lo sarei mai aspettato, stavo ragionando sull’Olimpiade ma poi è arrivata questa chiamata, ho accettato con grande entusiasmo e umiltà, e sono arrivato a Civitanova con l’obiettivo di dare il mio contributo. Ho cercato prima di tutto di capire quale era la situazione, visto il pochissimo tempo a disposizione, ho ascoltato i ragazzi e provato a metterli nella migliori condizioni per rendere al massimo. Ed è più facile riuscire a farlo quando in una squadra ci sono così tanti campioni».La chiave di volta secondo Blengini la serie contro Modena : « La chiave è stata sicuramente la serie con Modena perchè in quei momenti di difficoltà certe situazioni possono facilmente diventare delle attenuanti. Invece la squadra ha dimostrato di voler arrivare fino in fondo e di potercela fare pur dovendo fare a meno di due pedine importanti come De Cecco e Leal. Superato quell’ostacolo nei quarti, in semifinale abbiamo affrontato un’altra grandissima squadra, ovvero Trento, iniziando con una sconfitta in casa in gara 1. Un’altra salita moto difficile, che non si può affrontare se non hai grande voglia di passare sopra alle difficoltà, insieme ad una grande resistenza. Abbiamo passato anche quell’ostacolo andando a vincere due volte a Trento, e poi la finale che ci ha portato qua a festeggiare questo scudetto ».  LEGGI TUTTO