More stories

  • in

    Finale scudetto. Melli e Milano avanti, con più energia e lucidità

    TORINO – Le immagini (appassionati, giocatori, tecnici, tutti), le prepari (gli allenatori) e poi raramente vanno come previsto. Qualcuno avrebbe detto: “sono i playoff, bellezza”. Di sicuro le serie eancor più di finale, le amiamo come si amano le serie tv. Perché sono racconti ricchi di colpi di scena, imprevedibili e sorprendenti. Uno si aspetta che Milano vinca con la proverbiale difesa-emblema di una squadra con anima e identità corale. E invece l’Armani Exchange nel clamoroso 94-82 di gara-3 sulla Virtus Segafredo Bologna ha infilato appunto 94 punti, colpendo i bianconeri con le armi proprie dei felsinei: contributo generalizzato, rendimento delle stelle, gioco poggiato nei pressi del ferro, attaccando in post e sui tagli a centro area di Melli. La stessa Milano che nei momenti difficili della stagione ha manifestato problemi offensivi, irrigidimenti. E che nelle prime due gare di finale – pur passando una volta a Bologna – aveva segnato 66 e 68 punti. Ma già in tutti i playoff era apparsa più fluida. La medesima Milano che aveva attentato alle strutture dei ferri della Fiera bolognese in gara-1 e 2 (13 e 26,9 per cento da tre punti), ha realizzato il 47,8 dei tentativi da oltre l’arco. Insomma, a chi non l’ha vista potrebbe essere sembrata una partita al contrario. E invece no. Invece nei playoff oltre agli accorgimenti tattici contano un paio di altri fattori, variabili inconoscibili: gli individui e le condizioni fisiche e mentali del collettivo. Milano è in vantaggio 2-1 perché Nicolò Melli ha deciso di attaccare anche individualmente, chiudendo con 22 punti in 20. Stavolta aggressivo in ogni possesso per mettere in difficoltà Shengelia (che ne aveva messi 22 per celebrare il rinnovo biennale in gara-2), o colpire Alibegovic. E con lui, dopo l’avvio straordinario di Shields e Datome, ecco apparire Jerian Grant, nipote, figlio e fratello d’arte Nba, considerato a lungo in stagione un ingaggio sbagliato. Invece giocatore di qualità difensiva, tenuta e nell’occasione anche intraprendente, per 14 punti chiave.La condizione poi conta e soltanto all’interno delle squadre è nota, perciò le serie finali a capo di stagioni interminabili, non sono leggibili. Milano l’anno scorso era evaporata nella Final Four di Eurolega. Adesso Bologna sembra avere meno energie dopo il trionfo in Eurocup. Pajola e Weems, elementi cardine, sembrano esausti dopo aver tirato la carretta oltre 9 mesi. Hackett è stato stellare, Teodosic è stato attaccato in ogni momento da una Milano in questo aspetto chirurgica come le squadre Nba.Ettore Messina dopo il sucesso ha parlato di semplice capitolo di una serie probabilmente lunga. Se Milano la spunterà domani sera alle 20.30 (tv Rai Sport ed Eurosport 2) nel Forum di nuovo stracolmo di 12.300 magliette e anime rosse, ebbene sul 3-1 crediamo che possa essere assai breve. Ma le finali sono impronosticabili, lo abbiamo appena detto. Ah, il ct Pozzecco ha abbracciato Tommaso Baldasso, esempio di abnegazione e faccia tosta. Come dodicesimo azzurro sempre capace di farsi trovare pronto, un pensierino sul ragazzo torinese e torinista lo faremmo per questa estate. Come lo ha fatto Messina che ha scoperto di poter ruotare 10 giocatori e ottenere risposte positive da tutti. LEGGI TUTTO

  • in

    Finale Scudetto, Milano conquista gara 1: Virtus Bologna sconfitta

    BOLOGNA – Strappa subito il fattore campo nella Finale Scudetto l’Olimpia Milano che si aggiudica gara 1 alla Segafredo Arena per 66-62 contro la Virtus Bologna. Messina conquista il primo atto della serie con un grande Shields, un ispirato Datome e la doppia doppia di Hines decisivo a rimbalzo. Scariolo si proietta a gara 2 dove servirà ancora di più nonostante la solita super prestazione di Teodosic. Dopo 80″ subito colpo di scena con l’infortunio del numero 44 felsineo Milano approfitta dello shock subito dai padroni di casa e sull’asse Rodriguez-Hines si porta avanti di 3. Per fortuna della Virtus il serbo recupera subito la condizione, ma alla fine del primo quarto sono le due difese a fare bella figura con il punteggio che registra il 10-13 per i meneghini. Nel secondo le due formazioni restano a contatto e si rispondono colpo su colpo fino al 27-28 che manda tutti negli spogliatoi. Al ritorno in campo Shields suona la carica con la schiacciata, il Chacho risale in cattedra e Milano piazza il primo break allungando sul +8 che porta Scariolo al timeout. L’inerzia però non cambia e gli ospiti allungano anche sul +13: serve Belinelli per interrompere il tutto con un mini parziale di 4-0. Prima dell’ultimo quarto è 40-50 per l’Armani. Si accende finalmente gara 1 e Bologna ricuce subito sul -5 con Teodosic, Rodriguez mantiene le distanze, ma Sampson prima e Shengelia poi inchiodano due schiacciate che riportano le V Nere a -2. Nel miglior momento dei padroni di casa è Datome a risollevare i suoi riportandoli a due possessi pieno di vantaggio: ancora Shengelia riduce di due punti il distacco, Teodosic inventa una tripla e riporta tutto nuovamente a -2 con 17″ da giocare e Hall in lunetta che firma il finale visto che l’ultimo attacco di Bologna non va a segno. LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Scudetto, Virtus Bologna-Milano: il programma della finale

    ROMA – Ad un anno di distanza saranno ancora Virtus Bologna e Olimpia Milano a contendersi il titolo di Campione d’Italia nella finale dei Playoff Scudetto. Un cammino senza ombre per le formazioni di Scariolo e Messina che sono arrivate all’ultimo atto per rigiocare la sfida che lo scorso anno incoronò le V Nere. E’ la quarta volta che felsinei e meneghini si sfidano in finale per il titolo, per ora sono gli emiliani ad aver avuto sempre la meglio. Intanto la LBA ha ufficializzato date ed orari dellla finale scudetto con la relativa programmazione televisiva delle prime due gare. Si parte mercoledì 8 giugno, la data per l’eventuale gara 7 è fissata al 20 giugno. Manca davvero poco, la corsa allo Scudetto sta per cominciare.
    Playoff Scudetto, Virtus Bologna-Milano: il programma della finale
    GARA 1 – Mercoledì 8 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano (ore 21.00 Rai Sport HD Eurosport 2 e Discovery +)
    GARA 2 – Venerdì 10 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano (ore 21.00 Rai Sport HD Eurosport 2 e Discovery +)
    GARA 3 – Domenica 12 giugno 2022
    A|X Armani Exchange Milano – Virtus Segafredo Bologna (ore 20.30)
    GARA 4 – Martedì 14 giugno 2022
    A|X Armani Exchange Milano – Virtus Segafredo Bologna (ore 20.30)
    Eventuale GARA 5 – Giovedì 16 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano
    Eventuale GARA 6 – Sabato 18 giugno 2022
    A|X Armani Exchange Milano – Virtus Segafredo Bologna
    Eventuale GARA 7 – Lunedì 20 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano LEGGI TUTTO

  • in

    Virtus Bologna-Milano, la finale Scudetto: ecco il programma

    TORINO – Per la quarta volta nella storia e per il secondo anno consecutivo saranno ancora Virtus Bologna e Olimpia Milano a giocarsi il titolo di Campione d’Italia nella finale dei Playoff Scudetto. Scariolo e Messina hanno raggiunto l’ultimo atto senza nessun inciampo e ora sono pronti per rigiocare la sfida che lo scorso anno incoronò le V Nere. E’ la quarta volta che le due squadre e meneghini si affrontano in finale per il titolo, gli emiliani fino ad ora non hanno mai sbagliato un colpo, avendo sempre la meglio alla fine della serie. Intanto la LBA ha ufficializzato date ed orari dellla finale scudetto con la relativa programmazione televisiva delle prime due gare. Si parte mercoledì 8 giugno, la data per l’eventuale gara 7 è fissata al 20 giugno. Manca davvero poco, la corsa allo Scudetto sta per cominciare.
    Virtus Bologna-Milano: il programma della finale Scudetto
    GARA 1 – Mercoledì 8 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano (ore 21.00 Rai Sport HD Eurosport 2 e Discovery +)
    GARA 2 – Venerdì 10 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano (ore 21.00 Rai Sport HD Eurosport 2 e Discovery +)
    GARA 3 – Domenica 12 giugno 2022
    A|X Armani Exchange Milano – Virtus Segafredo Bologna (ore 20.30)
    GARA 4 – Martedì 14 giugno 2022
    A|X Armani Exchange Milano – Virtus Segafredo Bologna (ore 20.30)
    Eventuale GARA 5 – Giovedì 16 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano
    Eventuale GARA 6 – Sabato 18 giugno 2022
    A|X Armani Exchange Milano – Virtus Segafredo Bologna
    Eventuale GARA 7 – Lunedì 20 giugno 2022
    Virtus Segafredo Bologna – A|X Armani Exchange Milano LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Scudetto, Virtus Bologna straripante in gara 2: Tortona ko 91-70

    BOLOGNA – La Virtus Bologna domina anche il secondo appuntamento della semifinale playoff e asfalta Tortona per 91-70. La squadra di Scariolo si porta sul 2-0 grazie ad una super prestazione corale guidata dal suo numero 44 serbo, a Ramondino non bastano i 18 di Macura per continuare a regalare imprese in questa post season. Partono bene gli ospiti che piazzano subito un parziale di 3-10 targato Daum (13 punti), ma le V Nere non ci stanno e rispondono con Shengelia e Teodosic che riportano immediatamente le due formazioni a contatto. La Bertram riesce però a rimettersi subito in carreggiata e con un nuovo break si spinge nuovamente sul +6, Macura (top scorer con 18 punti) e Sanders fanno la loro parte, che chiude il primo quarto sul 20-26. Bologna non la prende bene e nel secondo alza un muro difensivo iniziando a dialogare alla perfezione nell’area avversaria: parziale di 21-9 e punteggio ribaltato con i padroni di casa sul 41-35. Al ritorno sul parquet i piemontesi sembrano aver subito il colpo dell’intervallo e tracollano sotto i colpi avversari. Teodosic dirige (chiuderà con 17 punti e 4 assist) Shengelia, Mannion, Hackett e un brillante Tessitori punto dopo punto allungano la forbice che arriva anche al massimo vantaggio di +24. Al suono dell’ultima sirena il tabellone segna 91-70: ora la serie si sposta in Piemonte, tra due giorni i campioni d’Italia potranno già strappare il pass per la finale.  LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Scudetto, la Virtus Bologna domina Tortona: 91-70 in gara 2

    BOLOGNA – La Virtus Bologna non sbaglia e porta a casa anche gara 2 della semifinale playoff. Tortona si arrende alla Segafredo Arena e ora spera di allungare la serie nel prossimo appuntamento casalingo. La squadra di Scariolo si porta sul 2-0 grazie ad una super prestazione corale, a Ramondino non bastano i 18 di Macura per continuare a regalare imprese in questa post season. Daum (13 punti) lancia l’ottima partenza della Bertram (3-9) ma le V Nere non ci stanno e rispondono con Shengelia e Teodosic che riportano immediatamente le due formazioni a contatto. Gli ospiti riescono però a rimettersi subito in carreggiata e con un nuovo break si spingon nuovamente sul +6, Macura (top scorer con 18 punti) e Sanders fanno la loro parte, che chiude il primo quarto sul 20-26. Bologna non la prende bene e nel secondo alza un muro difensivo iniziando a dialogare alla perfezione nell’area avversaria: parziale di 21-9 e punteggio ribaltato con i padroni di casa sul 41-35. Al ritorno sul parquet i piemontesi sembrano aver subito il colpo dell’intervallo e tracollano sotto i colpi avversari. Teodosic dirige (chiuderà con 17 punti e 4 assist) Shengelia, Mannion, Hackett e un brillante Tessitori punto dopo punto allungano la forbice che arriva anche al massimo vantaggio di +24: termina 91-70. LEGGI TUTTO

  • in

    La Virtus Bologna vince l'Eurocup e torna in Eurolega: Bursaspor ko

    BOLOGNA – Una notte magica per la Virtus Bologna che davanti ad una Segafredo Arena gremita porta a casa l’Eurocup battendo per 80-67 i Brusaspor. Un grande successo per le V Nere di Scariolo che conquistano la competizione europea e guadagnano l’accesso in Eurolega dove diventeranno la seconda squadra italiana insieme all’Olimpia Milano. Partenza super per la formazione di Scariolo che con il duo Belinelli-Teodosic si porta subito sul +13 al suono della sirena del primo quarto (25-12). I turchi non riescono a reagire nel secondo quarto, soffrono a rimbalzo le lunghe leve di Shengelia e Jaiteh, Andrews e Bitim gli unici che ci provano e all’intervallo la forbice si riduce di un solo possesso sul 41-31 felsineo. Al ritorno sul parquet sono Dudzniski e Needham a suonare la carica per i biancoverdi con un parziale a metà quarto riduce lo scarto sul -7. Dall’altra parte iniziano a girare Sampson e Weems, Teodosic torna a prendersi la scena (saranno 21 a referto) e prima degli ultimi 10 il vantaggio delle V Nere è di +9 (62-53). Nel quarto finale arriva subito il break turco che si portano a -5, ma Jaiteh e Belinelli non permettono di far avvicinare gli avversari ulteriormente. Il distacco torna in doppia cifra e il finale è dolcissimo per la Virtus Bologna che si aggiudica il trofeo e l’accesso all’Eurolega atteso da 14 anni. LEGGI TUTTO

  • in

    La Virtus Bologna trionfa in Eurocup e torna in Eurolega! Battuto il Bursaspor

    BOLOGNA – Dopo 14 anni la Virtus Bologna tornerà a giocare in Eurolega, diventando la seconda squadra italiana nella massima competizione europea. Le V Nere ci arrivano grazie alla vittoria nella finale di Eurocup contro il Bursaspor che si arrende ad un super Teodosic (21 punti, top scorer) e all’80-67 finale. Partenza super, nella bolgia della Segafredo Arena, per la formazione di Scariolo che con il duo Belinelli-Teodosic si porta subito sul +13 al suono della sirena del primo quarto (25-12). I turchi non riescono a reagire nel secondo quarto, soffrono a rimbalzo le lunghe leve di Shengelia e Jaiteh, Andrews e Bitim gli unici che ci provano e all’intervallo la forbice si riduce di un solo possesso sul 41-31 felsineo. Al ritorno sul parquet sono Dudzniski e Needham a suonare la carica per i biancoverdi con un parziale a metà quarto riduce lo scarto sul -7. Dall’altra parte iniziano a girare Sampson e Weems, Teodosic torna a prendere la scena e prima degli ultimi 10 il vantaggio delle V Nere è di +9 (62-53). Nel quarto finale arriva subito il break turco che si portano a -5, ma Jaiteh e Belinelli non permettono di far avvicinare gli avversari ulteriormente. Il distacco torna in doppia cifra, finao al +13 finale: sarà notte di festa a Bologna, la Virtus ha vinto l’Eurocup e tornerà in Eurolega. LEGGI TUTTO